This is us

Roma - 21/12/2021 : 21/12/2021

Presentazione della zine dedicata a This is us

Informazioni

  • Luogo: LIBRERIA LEPORELLO
  • Indirizzo: Via del Pigneto 162/e, 00176 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 21/12/2021 - al 21/12/2021
  • Vernissage: 21/12/2021 ore 19
  • Generi: presentazione
  • Sito web: www.thisisusproject.com

Comunicato stampa

THIS IS US
Progetto fotografico di Maria Di Stefano
A cura di Veronica He

Presentazione Fanzine “This is us”

21 dicembre, ore 19
Leporello - Via del Pigneto 162/e - Roma

con Maria Di Stefano e Donato Loforese per Studio Co-Co

In mostra fino al 20 dicembre
Spazi pubblicitari linea tram 19 - Roma

MAPPA PERCORSO ESPOSITIVO > t.ly/M61x

Visibile fino al 20 dicembre per le strade di Roma, il progetto fotografico This is us, ideato e realizzato da Maria Di Stefano, a cura di Veronica He



Come ultima tappa del progetto Martedì 21 Dicembre alle 19 presso Leporello, libreria dedicata all’editoria fotografica, come base e punto di connessione con libri di grafica, architettura, illustrazione, saggistica, letteratura, si terrà la presentazione della Fanzine “This is us” edita da Achille Filipponi con progetto grafico di Studio Co-Co e testo di Veronica He.

In occasione della conclusione di This is us, l’artista Maria Di Stefano dialoga con il designer Donato Loforese dello Studio Co-Co. Insieme presentano la pubblicazione dedicata al progetto, una fanzine concepita come un book journal, che racchiude una sequenza di scatti dei luoghi e degli incontri fatti dall’artista durante il suo lungo processo di lavoro.
Traendo ispirazione da diverse fonti quali MIA, Romain Gavras, The Blaze, Achille Filipponi, artista ed editore, fondatore di Yard Press e dello studio multidisciplinare Nationhood, ha curato una selezione di immagini a partire dal vasto corpus di fotografie inedite realizzate da Maria Di Stefano nella primavera del 2021.
Le immagini, messe in pagina come un flusso filmico, sono connesse da cromatismi che vanno dall'oro al rosso alternati dai celesti, caratteristiche predominanti nell'intero progetto.
In copertina, uno dei pochi ritratti selezionati per la pubblicazione, evidenzia uno dei punti focali dello studio di Maria Di Stefano: un ritratto che oscilla tra la forma di rappresentazione dell'individuo, che tende a un’indagine più “realistica” e parallelamente una visione del volto umano meno specifica e personalizzata, tanto da sembrare uno scatto di moda. Un approccio dunque che incrocia bene le contraddizioni occidentali di questo momento.

Protagonisti di This is us sono trenta ragazze e ragazzi adolescenti, nati o cresciuti in Italia da genitori di diversa provenienza. Attraverso trenta ritratti inediti, This is us vuole dare voce al loro limbo burocratico - solo raggiunta la maggiore età possono richiedere la cittadinanza italiana – affermando pubblicamente la complessità e la ricchezza del loro patrimonio individuale.

Fino al 20 dicembre gli spazi pubblicitari situati lungo il percorso della linea del tram 19 ospitano i ritratti, attraversando la città di Roma da Centocelle a Prati. Un gesto espositivo che al messaggio pubblicitario sostituisce un altrettanto contemporaneo emblema della nostra società, riattivando esteticamente questi luoghi disseminati per la città. Il manifesto diviene uno statement e si trasforma in una nuova dimensione di incontro e di relazione, con l’altro, con un’altra faccia della città, persino con noi stessi, che siamo attori dello sguardo e oggetto di quello dei e delle ragazze fotografate.

All’interno del progetto coesistono le diverse anime della ricerca di Maria Di Stefano. L’attenzione antropologica contraddistingue ormai da tempo la sua ricerca: da Rouge, video dedicato agli indiani Kali’na dell’Amazzonia a World Hello, incentrato sulla comunità vietnamita del Dong Xuan Center di Berlino, ma anche Tana Bru sui Sami delle regioni artiche nord Europee. Al tempo stesso, l’artista si concentra sul soggetto ritratto, riuscendo a presentare i suoi protagonisti sotto una specifica luce, rivelandone temperamento e carattere.

Lo sguardo di Maria Di Stefano si rivolge al contesto in cui ha scelto di vivere e di cui ha la volontà di ritrarre i cambiamenti sociali già in atto. “This is us è un viaggio e al tempo stesso una testimonianza: feroce, poetica, tagliente, soave, come solo la realtà può essere” afferma Veronica He, curatrice del progetto.

L’esperienza del fruitore sarà quindi quella del viandante: una mostra diffusa, un vero e proprio viaggio scandito con un itinerario da disattendere, aperto alle infinite interpretazioni del passante. Durante il percorso si sovrappongono molteplici livelli di narrazione: primo tra tutti, il racconto personale dei soggetti che si rivelano attraverso la loro immagine, e quello collettivo che prova a far emergere la realtà che li accomuna.
This is us rappresenta questo tentativo: celebrare l’incontro, l’ibridazione, lo scambio; rivendicare l’unicità della propria storia e del proprio percorso.

Maria Di Stefano (1990) è un’artista multimediale italiana. Dopo aver conseguito una laurea in Storia dell’arte alla Sorbona di Parigi e un master in Fine Art presso la UCA di Canterbury, si trasferisce negli Stati Uniti per lavorare come assistente fotografa di Richard Kern a N.Y.C e come Artist in Residence presso EsmoA a Los Angeles. Attualmente vive e lavora a Roma. Tra le esposizioni alle quali ha partecipato, ricordiamo: Babies Are Knocking, Studio Stefania Miscetti, Roma (2021); Digitalive – Romaeuropa Festival, Mattatoio, Roma (2019); Poesia e Destino, La fortuna Italiana del Werther, Casa di Goethe, Roma (2019); SHE DEVIL X, Studio Stefania Miscetti, Roma (2018); meet me under water, One Room, Roma (2018); DISTRACTION, Daforma Gallery, Roma (2018); Entertainment, Una Vetrina – The Indipendent MAXXI, Roma (2018); No Human Traces, Avenue 50, Los Angeles (2017).

Crediti:

Maria Di Stefano 
This Is Us

Photography: Maria Di Stefano
Editor: Achille Filipponi
Progetto grafico: Studio Co-Co
Testo di Veronica He

Traduzione di Edward Fortes
Stampato da Tipolitografia 5M, Roma

Prima edizione, 2021

300 copie
40 pagine, 24x34 (verticale)
Stampa offset su carta patinata lucida 100 gr