The Last Last Supper_Leonardo e la visione ritrovata

Rho - 06/02/2016 : 24/04/2016

Inaugura la versione 2.0 di The Last Last Supper_Leonardo e la visione ritrovata, la mostra che si muove verso il Comune di Rho dopo la prima edizione ospitata da Regione Lombardia al Grattacielo Pirelli a Milano.

Informazioni

  • Luogo: VILLA BURBA
  • Indirizzo: corso Europa 291/293 - Rho - Lombardia
  • Quando: dal 06/02/2016 - al 24/04/2016
  • Vernissage: 06/02/2016 ore 17,30
  • Curatori: Antonio D’Avossa
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: Apertura: dal 7 febbraio al 24 aprile Orari: - da martedì a venerdì dalle 16.30 alle 19.30 (visite guidate infrasettimanali solo su prenotazione) - sabato e domenica e festivi dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 19.30 (visite guidate senza prenotazione 11.30, 16.00, 17.30) Lunedì chiuso
  • Biglietti: Ingresso: Euro 3,00 Ridotti: Euro 2,00 per gli under 18, per disabili con 1 accompagnatore Euro 2,50 per gruppi di 10 persone Prevendita: presso Biblioteca Villa Burba , corso Europa 291; IAT/ CentRho, Piazza San Vittore
  • Sito web: http://www.associazioneflangini.eu
  • Email: info@associazioneflangini.eu
  • Editori: SILVANA EDITORIALE

Comunicato stampa

Il 6 febbraio 2016, ore 17.30 a Villa Burba inaugura la versione 2.0 di The Last Last Supper_Leonardo e la visione ritrovata, la mostra che si muove verso il Comune di Rho dopo la prima edizione ospitata da Regione Lombardia al Grattacielo Pirelli a Milano. L'evento, molto atteso, sarà accolto in Villa Burba. Parte degli ingressi saranno destinati al restauro di alcune statue dello scultore rhodense Franco Fossa, conservate nella Villa


La mostra The Last Last Supper _ Leonardo e la visione ritrovata, dopo una prima edizione al Grattacielo Pirelli, a partire dal 6 febbraio 2016 conoscerà una fase v.2.0, arricchita di ulteriori sezioni. I grandi spazi di Villa Burba consentiranno in questo “reload” di ospitare opere di grandi dimensioni e una decina di inediti appositamente realizzati per la mostra.
La mostra, curata da Antonio d'Avossa e organizzata dall'Associazione Flangini, propone, suddivise in quattro sezioni, incisioni sette-ottocentesche dell'Accademia di Brera e dei Padri Oblati di Rho, lavori di grandi dimensioni di artisti internazionali contemporanei, filmati, un’opera in cioccolato, una ricca oggettistica pop (magliette, skateboard, scatole di mentine ecc.) insieme a circa cinquanta foto di cenacoli tatuati su corpi umani. Si tratta di una ricognizione a 360° dell'icona per eccellenza della città di Milano, cioè l'Ultima cena di Leonardo, e sull'uso giovanile e antropologico dell'immagine. Tra le opere esposte una gigantografia, scattata da Uli Weber in occasione del trentennale di Radio DEEJAY, con i personaggi che hanno reso famosa la radio, da Linus, alla Littizzetto a Elio e Le Storie Tese, a molti altri artisti seduti a un tavolo “leonardesco” e La visione ritrovata di Federico Bozzano Alliney che, con l’ausilio delle tecniche più evolute dell’arte digitale, ha realizzato un affresco digitale in scala reale ricostruendo in modo minuzioso e scientifico l'affresco vinciano, ridando vita e ripristinando il colore originale dell'opera: Bozzano utilizza le tecniche esclusive da lui elaborate durante la lavorazione delle scenografie di Avatar di James Cameron e le applica al restauro di dipinti particolarmente danneggiati dal tempo.

Nell'occasione, a partire da novembre, sarà avviata in collaborazione con Postcardcult srls una campagna composta da 8 cartoline pubblicitarie che compongono la "The Last Last Supper_ Leonardo e la visione ritrovata Exhibition Card Collection". Le card saranno distribuite a Milano e provincia, Pavia e provincia, inoltre a Bergamo, Parma, Como, Varese, Gallarate e Legnano.
Il curatore della mostra Antonio d’Avossa dichiara: “L'Ultima Cena di Leonardo è una delle immagini più affascinanti della storia dell'arte e insieme una delle più popolari e misteriose. La sua stessa condizione visiva la rende visibile ed invisibile allo stesso tempo, perché, narrando della condizione di precarietà della vita, mostra anche la possibile dissoluzione dell'arte. Per questo le opere presenti in mostra sono a rileggere questa icona lungo i tratti della tradizione e della rilettura alla luce anche delle nuove tecniche artistiche o attraverso visioni laiche che, solo in apparenza, possono sembrare provocatorie o dissacranti. In fondo quella grandiosa immagine di Leonardo ricorda ad ognuno di noi che per tutti ci sarà un' ultima cena. Così l'esposizione vuole essere una riflessione a tutto campo sulla morte e la vita, sulla fedeltà e il tradimento, sull'arte e sull'estetica diffusa, infine sul passato e sul nostro presente.”
L’Assessore alla Cultura del Comune di Rho Giuseppe Scarfone commenta:”La mostra The last last supper propone una visione moderna e dinamica della produzione artistica, che prende spunto dalla grande opera di Leonardo. È frutto delle energie e delle espressioni propositive di creatività ed innovazione, che sfociano in realizzazioni davvero originali e coinvolgenti. L’ultima cena rappresenta la radice solida e rassicurante, che dà vita a nuove interpretazioni. Da parte nostra abbiamo voluto arricchire l’evento con un messaggio di continuità artistica e di supporto reciproco delle varie esperienze creative a vantaggio di un sistema cultura che crei relazione fra il dinamismo delle opere esposte e la staticità del patrimonio di Villa Burba, che accoglie la mostra. Il contributo richiesto all'ingresso in mostra ha infatti la finalità di mantenere integro questo notevole patrimonio attraverso un progetto di restauro, che fortifichi la vocazione di centro culturale aperto a tutti i cittadini della nostra meravigliosa Villa di Delizia.”

ARTISTI IN MOSTRA
Joseph Beuys
Federico Bozzano
Adolphe Braun
Philip Corner
Ferdinando Cunsolo
Giulio De Mitri
Antonio Di Biase
Barbara Faessler
Giacomo Frey
Maria Cristina Galli
Fabrizio Garghetti
Geoffrey Hendricks
Alison Knowles
Dimitri Kozaris
David La Chapelle
Elisabetta Lattanzio Illy
Franco Marrocco
Francesco Martines
Eris Mone
Raffaello Morghen
Brigitte Niedermair
Ester Maria Negretti
Hermann Nitsch
Nicola Pankoff

Ben Patterson
Guido Peruz
Andrea Solario
Daniel Spoerri
Rudolf Stang,
Tobas
Ben Vautier
Wolf Vostell
Andy Warhol
Uli Weber
Con il Patronato di


Con il Patrocinio di




Un evento
EVENTI COLLATERALI
CONCERTO
sabato 5 marzo ore 21.00, Auditorium Padre Reina via Meda 20.
Concerto di Stefano Gueresi, musiche composte ed eseguite al pianoforte dall'autore che proporrà un programma selezionato per l'occasione dal suo vasto repertorio con l'inserimento di un brano inedito appositamente realizzato. Per informazioni www.stefanogueresi.com.
NOTTE ALLA MOSTRA
venerdì 18 marzo ore 19.30, Corte Rustica di Villa Burba C.so Europa 291/293. Notte alla mostra per i bambini delle scuole primarie.
CONCERTO SINFONICO
sabato 9 aprile ore 21.00, Auditorium Padre Reina via Meda 20.
Concerto Sinfonico dell'Orchestra Sinfolario, diretta dal Maestro Maurizio Moretta.
LABORATORI E WORKSHOP
Per consentire agli alunni di partecipare alla straordinaria esperienza che li avvicinerà a Leonardo, ma anche a tanti altri artisti contemporanei che al Maestro si sono ispirati, il Comune organizza laboratori artistici per gli studenti, workshop - in preparazione alla mostra - e visite guidate per giovani e adulti. Con la collaborazione dell'Associazione Pandora e il supporto dell'Associazione Flangini coinvolgerà inoltre i ragazzi delle superiori in un progetto che consentirà loro una più approfondita conoscenza dei beni materiali e immateriali del territorio rendendoli nel contempo responsabili - durante il percorso espositivo di Villa Burba - della guardiania della villa, patrimonio della collettività.
INCONTRIAMOCI SULL’ULTIMA CENA
sabato 13 febbraio ore 18.00, Villa Burba sala Convegni Corte Rustica
Presentazione della mostra Antonio d'Avossa, curatore della mostra
sabato 12 marzo ore 21.00, Villa Burba sala Convegni Corte Rustica
Amicizia, Amore, Tradimento: i possibili ospiti di ogni cena
Anna Maria Rossi, esperta in processi formativi e percorsi culturali