The House Electric

Venezia - 17/05/2018 : 11/08/2018

Anche quest'anno la Galleria A plus A, in occasione della Biennale Internazionale di Architettura, presenta il progetto di di Jochen Holz, M-L-XL studio e Richard Wheater, ideato per creare una commistione tra lo spazio, opere al neon e in vetro, e lavori di design inediti che daranno vita ad un ambiente accogliente e ricercato.

Informazioni

Comunicato stampa

In occasione della Bienale Internazionale di architettura di Venezia, la galleria A plus A inaugura il 17 maggio 2018, la mostra The House Electric, con opere di Jochen Holz, M-L-XL studio e Richard Wheater.
Nel 1855 il poeta statunitense Walt Whitman celebra con la poesia Canto il Corpo Elettrico il corpo umano come il veicolo primario con cui esperire il mondo in cui anima e corpo sono equivalenti. Nella mostra The House Electric gli stessi temi vengono ripresi per essere applicati all'ambiente domestico, di cui si esplorano due elementi fondamentali: la luce al neon e i mobili

Ogni lavoro esposto condivide rimandi sensuali, in un rapporto di connessione e dialogo con la poesia. In particolare nella parte finale, il poema si articola in una lunga lista in cui sono elencate parti del corpo, alcune evidenti, alcune oscure, altre interne o minuscole. La struttura verbale viene eliminata, lasciando che siano gli oggetti ad assumere la funzione di soggetti. Un processo che rileviamo anche nel percorso della mostra che si costruisce attraverso l'orchestrazione dei singoli elementi di design in dialogo con le opere d'arte.

Partner aziendali del progetto:
Ditta Braggio di Vicenza,
Azienda Vinicola Drusian.
Marketing advisor Kumaux