The Blank Kitchen – Riccardo Baruzzi – Pane e salame

Bologna - 01/02/2019 : 01/02/2019

The Blank propone The Blank Kitchen | Riccardo Baruzzi – Pane e salame, appuntamento culinario organizzato presso la casa-studio di Riccardo Baruzzi a Bologna.

Informazioni

Comunicato stampa

Venerdì 1 febbraio, The Blank propone The Blank Kitchen | Riccardo Baruzzi – Pane e salame, appuntamento culinario organizzato presso la casa-studio di Riccardo Baruzzi a Bologna dalle 18.00 alle 23.00. On Fridat 1st February, The Blank proposes The Blank Kitchen | Riccardo Baruzzi – Pane e Salame, a culinary event organized at Riccardo Baruzzi atelier-house in Bologna, h. 6-11 pm


The Blank Kitchen nasce con il desiderio di far entrare alcuni dei più interessanti artisti del panorama internazionale in relazione con gli appassionati d’arte e i curiosi attraverso uno strumento trasversale e unificante come quello del cibo e della cucina. The Blank Kitchen was born with the aim ti create a relationship between some of the most interesting artists of the international scene and art lovers and curious through a transversal and unifying instrument such as food and cooking.
La casa-studio dell’artista si aprirà al pubblico nella sua autenticità, mostrando le opere dell’artista e quelle della sua collezione privata. The artist house will be open to the public in its authenticity, showing the artist's work and his private collection.
Il menù sarà composto da pane, salame e vino. Con pane e salame s’intende compiere un elogio alla povertà, le tovaglie di plastica e le stoviglie scoordinate ricreeranno un panorama zingaro, mentre la precarietà delle insegne di frutta e verdura recherà omaggio alla terra natia dell’artista. The menu will include bread, salami and wine. With "pane e salame", the artist wants to homage humility, using a plastic table cloth and odd dishes as part of a gipsy landscape and greengrocer's signboards remembering the artist's hometown.
Riccardo Baruzzi, nato a Lugo nel 1976, dipinge disegni e disegna dipinti per rivelare l'origine delle immagini, risalire alla loro essenza segnica. In questo lavoro di analisi e successiva sintesi della struttura nascosta delle cose, capita che Riccardo Baruzzi coinvolga l'umano: le opere performative dell'artista vedono la partecipazione di studenti d'arte, collezionisti, galleristi, incaricati di interagire con il display della pittura o con il momento stesso della sua creazione.
Fiori, pornografia, Madonne, placcaggi, cavalli, divinità, abachi, tutto trova la propria sublimazione segnica e pittorica in un universo di tele semitrasparenti, pennelli d'invenzione, matite lunghe due metri, cacofonie perfette e ingannevoli eufonie, scatole che tremano e giradischi sormontati delle lamine concave dei piatti. Riccardo Baruzzi, born in Lugo in 1976, paints drawings and draws paintings to reveal the origin of images, to understand their sign-based essence. During this analysis and synthesis process about the undisclosed essence of things, it happens that Riccardo Baruzzi involves the human being. Fine arts students, collectors, gallerists participate in the artist’s performances and they are given the task of interacting with the painting display or with the creative moment itself.
Flowers, pornography, Madonnas, tackles, horses, gods, schedules, everything finds its sign-based and pictorial sublimation in a universe of semi-transparent canvases, imaginary brushes, two meters long pencils, perfect cacophonies and deceitful euphonies, trembling boxes and concave foils on turntables.
L’evento è realizzato in collaborazione con P420.