Tempo Imperfetto – Pino Musi

Salerno - 06/03/2015 : 06/03/2015

Verrà proposta una riflessione sulla complessa relazione che lega i linguaggi del contemporaneo all’archeologia, mettendo così in luce come la presenza dell’antico sia diversamente attiva nei discorsi e nelle pratiche dell’arte presente. In particolare, al centro dell’incontro sarà l’esperienza di Pino Musi, fotografo da sempre impegnato in una raffinata e rigorosa ricerca visiva sull’architettura del presente e del passato.

Informazioni

Comunicato stampa

TEMPO IMPERFETTO
Sguardi presenti sul Museo Archeologico Provinciale di Salerno
a cura di Antonello Tolve e Stefania Zuliani

Giornata di studio
LA PRESENZA DELL'ANTICO
I linguaggi del contemporaneo in dialogo con l'archeologia
La fotografia: incontro con Pino Musi
Museo Archeologico Provinciale di Salerno
Venerdì 6 marzo 2015 ore 10.00


saluti istituzionali
Barbara Cussino, Responsabile del Settore Biblioteche e Musei della Provincia di Salerno
interventi
Angelo Trimarco, Presidente della Fondazione Filiberto Menna
Stefania Zuliani, Università di Salerno


Tempo Imperfetto

Sguardi presenti sul Museo Archeologico Provinciale di Salerno è il progetto espositivo che, realizzato in collaborazione con la Provincia di Salerno e con il Comune di Salerno, da maggio fino a novembre 2014 ha proposto negli spazi prestigiosi del Museo Archeologico Provinciale inediti interventi site-specific di cinque artisti italiani di respiro internazionale – Elena Bellantoni, Fabrizio Cotognini, Giulia Palombino, Gian Maria Tosatti e Ivano Troisi – realizzati in dialogo con le importanti collezioni del Museo e con la sua luminosa architettura, ridisegnata con grande sensibilità dall'architetto Ezio De Felice negli anni Sessanta del Novecento.
Nell’ambito del progetto, patrocinato dal DISPAC dell’Università di Salerno e dall’Accademia di Belle Arti di Macerata, venerdì 6 marzo alle ore 10 verrà proposta un riflessione sulla complessa relazione che lega i linguaggi del contemporaneo all’archeologia, mettendo così in luce come la presenza dell’antico sia diversamente attiva nei discorsi e nelle pratiche dell’arte presente. In particolare, al centro dell’incontro sarà l’esperienza di Pino Musi, fotografo da sempre impegnato in una raffinata e rigorosa ricerca visiva sull’architettura del presente e del passato, autore per FMR di una serie di immagini dedicate all’Italia delle origini esposta nel 2012 al Museo dell’Ara Pacis.
Della sua ricerca, che negli ultimi anni ha più volte incontrato e interpretato i luoghi dell’archeologia, l’artista, nato a Salerno ma da molti anni attivo tra Milano e Parigi, discuterà in dialogo con Angelo Trimarco e Stefania Zuliani. L’incontro, aperto dai saluti di Barbara Cussino, Responsabile del Settore Biblioteche e Musei della Provincia di Salerno, offrirà un ulteriore contributo alla felice relazione che nel corso di sei mesi ha visto protagonisti nello spazio vitalissimo del museo l’archeologia e l’arte contemporanea, interessando un ampio pubblico di giovani e coinvolgendo, grazie ai laboratori didattici In contemporanea curati dalla Fondazione Menna in collaborazione con l’associazione ArteXa, anche numerose scolaresche.

Sponsor tecnici: Associazione ArteXa e Fonderie culturali.

Il Presidente
Prof. Angelo Trimarco