Tellurico – Entrata dell’Inferno

Roma - 28/04/2022 : 28/05/2022

Contemporary Cluster [Collective intelligence] presenta nel Cave Entrata dell’Inferno, installazione site-specific a cura di Tellurico.

Informazioni

  • Luogo: CONTEMPORARY CLUSTER - PALAZZO BRANCACCIO
  • Indirizzo: Via Merulana 248 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 28/04/2022 - al 28/05/2022
  • Vernissage: 28/04/2022 ore 18
  • Autori: Tellurico
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 20.00.

Comunicato stampa

Contemporary Cluster [Collective intelligence] presenta il 28 Aprile 2022 nel Cave Entrata dell’Inferno, installazione site-specific a cura di Tellurico.



Entrata dell’Inferno è un progetto d’ispirazione dantesca che nasce da uno studio della struttura dell’inferno e della sua dimensione fisica, naturale e geografica. Secondo il sistema tolemaico, la Terra si trova al centro dell’universo ed il Sole e gli altri pianeti ruotano intorno ad essa.



Geograficamente, l’entrata dell’inferno sembrerebbe coincidere in Italia con il Lago D’Averno, nei pressi di Pozzuoli, in Campania

Il bacino vulcanico della località flegrea, evocato anche da Omero e Virgilio, avrebbe, secondo il mito, consentito l’ingresso all’Ade. La ricerca di Tellurico, per Contemporary Cluster, si concentra sulla doppia dimensione legata alla terra flegrea e sui movimenti naturali della zona, dalla sua attività vulcanica alle materia residue scaturite.

Il contesto immaginato dall’artista nasce da un focus che ha accompagnato le ricerche del designer negli ultimi anni. L’attenzione si concentra su ciò che lega gli oggetti di un luogo alle caratteristiche del luogo stesso, intrecciando gli aspetti storici, geologici e sociali dell'uomo, così come l'unicità e la semplicità della vita quotidiana. L’installazione artistica nel Cave di Contemporary Cluster è composta da una capsule collection con oggetti realizzati da Tellurico in porcellana lavica e in pietra vulcanica del Vesuvio. Sideboard e ceramiche di diverse dimensioni ispirati alla materia della zona vengono presentati in un ambiente immersivo, creato tramite installazioni video della visione aerea dei Campi Flegrei e del Lago D’Averno insieme a una sonorizzazione realizzata appositamente per il progetto, a cura di Francesco Addati, che accompagnano il visitatore alla scoperta di un luogo naturale e affascinante.