Talk con l’artista Flavio Favelli

Milano - 28/05/2014 : 28/05/2014

L’idea di un incontro aperto al pubblico nasce dal desiderio di discutere in maniera aperta del lavoro di uno dei più importanti artisti italiani dell'ultima generazione. Per gli spazi della galleria di Lambrate, l’artista ha realizzato un grande progetto espositivo che segna una fase importante del suo lavoro.

Informazioni

  • Luogo: TRIENNALE - PALAZZO DELL'ARTE
  • Indirizzo: Viale Emilio Alemagna 6 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 28/05/2014 - al 28/05/2014
  • Vernissage: 28/05/2014 ore 18
  • Autori: Flavio Favelli
  • Generi: incontro – conferenza

Comunicato stampa

Da poco si è conclusa la mostra Air Zaire di Flavio Favelli, in dialogo con Paolo Chiasera, presso gli spazi della galleria Francesca Minini di Milano. L’idea di un incontro aperto al pubblico nasce dal desiderio di discutere in maniera aperta del lavoro di uno dei più importanti artisti italiani dell'ultima generazione. Per gli spazi della galleria di Lambrate, l’artista ha realizzato un grande progetto espositivo che segna una fase importante del suo lavoro



Favelli infatti ha incentrato la sua pratica artistica sulla creazione di opere attraverso la rielaborazione di oggetti della vita di tutti i giorni, in particolare mobilio ed elementi architettonici ed ambientali, in cui gli spazi della “casa”, intesi sia a livello fisico che concettuale, sono sempre stati l’elemento fondamentale.
Negli ultimi anni il suo lavoro si è arricchito dell’introduzione di immagini prese dall’iconografia popolare, non solo italiana, e soprattutto dal mondo dell'industria e dei loghi aziendali. Per queste sue caratteristiche, e cogliendo anche l’occasione del progetto appena realizzato dall’artista presso la Galleria Nilufar, è nata l’idea di un momento di riflessione all’interno degli spazi della Triennale.

Oltre a Flavio Favelli, e al curatore della mostra Antonio Grulli, all’incontro parteciperà Emanuele Trevi. Lo scrittore romano negli ultimi anni è emerso come uno degli intellettuali di riferimento del panorama nazionale. Oltre ad essere un collaboratore regolare del Corriere della Sera, il suo romanzo Qualcosa di scritto (pubblicato da Ponte alle grazie nel 2012) è stato finalista del premio Strega.

L’incontro all’interno degli spazi della Triennale ruoterà attorno ad uno degli spunti da cui si è iniziato a costruire il progetto presso Francesca Minini, ossia la mostra Metafisica del quotidiano, organizzata da Franco Solmi nel 1978, una sezione della quale si è tenuta a Milano in Via Goldoni 77. La Metafisica del quotidiano diventerà un pretesto per riflettere su come gli oggetti della vita di tutti i giorni e alcuni degli aspetti maggiormente semplici del nostro vivere possano essere accostati nel lavoro di alcuni artisti o scrittori ad una dimensione metafisica, talvolta spirituale, quando non religiosa.