Stuart Semple – Everlasting Nothing Less

Milano - 10/04/2012 : 31/05/2012

La mostra Everlasting Nothing Less comprende una serie di dipinti di grande formato dell’artista britannico Stuart Semple. La serie riconcettualizza molteplici frammenti di detriti culturali, creando un’agevole sinergia tra aspetto profano e materiale che dà vita a nuovi significati.

Informazioni

  • Luogo: UNO+UNO
  • Indirizzo: Via Ausonio 18 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 10/04/2012 - al 31/05/2012
  • Vernissage: 10/04/2012 ore 19
  • Autori: Stuart Semple
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Sito web: www.ukti.gov.uk

Comunicato stampa

UK Trade & Investment (UKTI) e il Consolato Generale Britannico di Milano proseguono la collaborazione con la Galleria d’arte milanese UNO+UNO, che si protrarrà per tutto il 2012. Dal 10 aprile al 31 maggio 2012 la Galleria ospiterà la personale Everlasting Nothing Less dell’artista britannico Stuart Semple. Questo appuntamento è un esempio concreto delle attività che il team italiano di UKTI, coordinato da Marina Iremonger, ha di recente avviato per promuovere l’opera di artisti e fotografi britannici in Italia.

L’arte s’inserisce nel campo delle industrie creative, un settore fortemente sviluppato oltremanica e sostenuto attivamente dal governo

Le industrie creative del Regno Unito sono infatti al primo posto nel mondo come percentuale del PIL e sono connaturate nella cultura del Paese, contraddistinta da individualità, originalità senso della sfida e, talvolta, da atteggiamenti provocatori e spiazzanti.

La mostra Everlasting Nothing Less comprende una serie di dipinti di grande formato dell’artista britannico Stuart Semple. La serie riconcettualizza molteplici frammenti di detriti culturali, creando un’agevole sinergia tra aspetto profano e materiale che dà vita a nuovi significati. Oltre la bellezza superficiale, l’immagine riprodotta offre alla società simboli culturali, segni d’identità e un linguaggio comune condiviso utilizzabile per avviare una comunicazione universale.

Semple esplora non solo la molteplicità di significati nell’ambiente popolare, ma anche la natura diversificata e in rapido mutamento delle condizioni in cui consumiamo i prodotti culturali. Ha ricreato a mano molte riproduzioni apparentemente meccaniche, utilizzando migliaia di minuscoli punti bianchi e neri. La sua produzione è invariabilmente epica: in Heaven help me for the way I am l’artista ritrae con minuti dettagli in due tondi, in un crocefisso ad effetto tridimensionale e in un olio brillante un uomo assassinato, l’autovettura DeLorean del film Ritorno al futuro e una donna minacciosa che emerge dall’ombra.

Semple cattura istintivamente il senso della catastrofe nell’immagine costruita; pertanto la registrazione della stessa cultura di massa viene esaltata in questa serie dalla scelta dell’artista di bloccare gli istanti, punto cruciale della crisi per la stessa immagine, spesso abbellita da colpi di pennello frutto dell’emozione pittorica. Queste opere sono un invito, spiazzante ma squisito, a interrogarci sulle nostre mitologie condivise e sulle nostre relazioni personali con il mondo colorato e frammentato in cui abitiamo, un mondo che muta e si evolve a un ritmo sempre più paralizzante.

“Tutte esprimono quest’idea di momento mancato o di collasso di una particolare situazione. Occupano questo spazio dove si è consumata la tragedia, dove la polverizzazione e l’individualismo hanno raggiunto il punto massimo e l’individuo si è letteralmente arenato. Credo che qui la parola chiave per tutto sia entropia”.

La vastità del quadro di riferimento di Semple è una costante avventura. Everlasting Nothing Less, il titolo di questa serie di opere, deriva dal testo dell’originale inno Motorcycle Emptiness del gruppo britannico indie rock Manic Street Preachers. In Angelus, l’opera centrale di Semple, la moto in questione è la Ducati nera che compare nell’iconico video musicale di Puff Daddy Missing You, dedicato alla memoria dell’amico rapper Notorious B.I.G., scomparso prematuramente. In Angelus la disposizione delle figure scelta dall’artista rimanda all’opera originale del pittore Jean-François Millet. Per l’artista britannico questa è l’immagine rappresentativa culminante, un’immagine dall’eco profondamente emotiva; infatti egli stesso vi pregò davanti quasi ogni giorno, in quei primi tredici anni della sua vita in cui ebbe modo di vederla nelle case dei parenti cattolici.


Biografia

Stuart Semple (anno di nascita 1980)

A seguito di un evento traumatico che, all’età di diciannove anni, lo portò a un passo dalla morte, Semple iniziò a documentare la sua esperienza, raggiungendo la catarsi attraverso il proprio lavoro. Persuaso a trasferirsi a Londra dal leggendario mercante d’arte Anthony d’Offay, trovò in Debbie Harry il suo primo acquirente. Oggi i suoi dipinti fanno parte delle maggiori collezioni artistiche internazionali quali le fondazioni Getty, Langen, David Roberts, Niarchos e One Hyde Park; di recente ha esposto presso la fondazione Goss-Michael.

Alla Tate Modern di Londra Stuart Semple ha dato vita alla sua originale performance Happy Cloud, che nel periodo culminante della recessione inondò il cielo con migliaia di sorridenti nuvolette rosa. In seguito la performance fu presentata al Salone del Mobile di Milano da Letizia Moratti e Franca Sozzani in collaborazione con Casa Vogue e Moncler. Semple ha collaborato con Lady Gaga, Smeg, The Prodigy e The Futureheads. Ha un rapporto continuativo con Moncler, e i suoi dipinti sono presenti nelle sue boutique monomarca in tutto il mondo.

In qualità di ambasciatore per Mind, fondazione no profit, Semple ha avviato la costituzione di un fondo per le terapie creative e ha raccolto l’adesione di rinomati artisti al progetto Mindful, una labirintica mostra di 2300 m2 inaugurata da Stephen Fry e Lord Melvyin Bragg. Lo scorso anno Stuart ha anche fondato la Aubin Gallery nell’East London con l’obiettivo di favorire la crescita di nuovi talenti britannici. Ha pure presentato la serie Art & Design sulla BBC.

Semple ha svolto la sua opera di curatore per importanti istituzioni e scritto articoli per pubblicazioni nazionali. Le sue tele di grandi formato e le installazioni, incentrate sui temi della paura, della nostalgia e dell’isolamento, sono presentate nell’ambito di personali in tutto il mondo. Quella presso The Space, a Hong Kong, è una delle più recenti. Stuart Semple è attualmente impegnato nell’allestimento di una mostra sull’Apocalisse che si terrà a Londra nel corso rassegna d’arte internazionale Frieze 2012.

UK Trade & Investment vi invita a partecipare al vernissage della mostra, che avrà luogo martedì 10 Aprile alle 19.00 presso la Galleria UNO+UNO, Via Ausonio 18. Per maggiori informazioni rivolgersi ai contatti sottoindicati.