Storie dalla Terra e dal Mare

Genova - 18/12/2015 : 28/03/2016

La Soprintendenza Archeologia della Liguria propone un’esposizione dei principali risultati della ricerca archeologica nel territorio, in una prospettiva di ampia comunicazione di questi scavi, che talora hanno comportato disagi e ritardi alle opere pubbliche a cui erano collegati ma che hanno sempre suscitato l’interesse e la curiosità delle comunità locali.

Informazioni

  • Luogo: MUSEO PALAZZO REALE
  • Indirizzo: Via Balbi 10 - Genova - Liguria
  • Quando: dal 18/12/2015 - al 28/03/2016
  • Vernissage: 18/12/2015 ore 17
  • Generi: archeologia
  • Orari: dal martedì al sabato dalle ore 10.30 alle ore 17.30; domenica dalle ore 14 alle ore 19; lunedì chiuso.
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

Il primo quindicennio del nuovo secolo ha segnato un deciso passo avanti delle conoscenze archeologiche in Italia, grazie all’introduzione di norme fondamentali, come quella sulla cosiddetta "archeologia preventiva", che ha enormemente ampliato le possibilità di interventi stratigrafici a larga scala.
In Liguria questo nuovo corso dell’archeologia pubblica si è tradotto in una serie di nuove, importanti scoperte, che interessano tutto il territorio regionale: da Ventimiglia a Luni, i due grandi capoluoghi di età romana che ancora oggi presidiano i suoi confini


La Soprintendenza Archeologia della Liguria propone un’esposizione dei principali risultati della ricerca archeologica nel territorio, in una prospettiva di ampia comunicazione di questi scavi, che talora hanno comportato disagi e ritardi alle opere pubbliche a cui erano collegati ma che hanno sempre suscitato l’interesse e la curiosità delle comunità locali.
La mostra, allestita nei nuovi locali del Teatro del Falcone a Palazzo Reale, presenta una ventina di nuovi contesti di indagine, articolati in quattro sezioni tematiche:

- l’archeologia delle città
- l’archeologia dei porti
- l’archeologia del quotidiano
- l’archeologia del rituale

Diverse città sono state oggetto di recenti interventi di vera e propria "archeologia urbana", un tipo di approccio intensivo e sistematico al caratteristico record pluristratificato dei grandi centri storici, che proprio a Genova è stato per la prima volta introdotto in Italia da Tiziano Mannoni. Non solo Genova è stata in questi anni al centro dell’interesse per la sua storia sepolta, ma anche i centri storici di Chiavari, Savona, Albenga e Sanremo, la cui storia monumentale - e non solo – si è enormemente arricchita grazie a queste indagini, che hanno contribuito ad un nuovo quadro del loro sviluppo urbanistico.
L’altro grande campo di applicazione delle moderne tecniche di ricerca archeologica, in cui la Liguria eccelle dai tempi della sua fondazione ad opera del ligure Nino Lamboglia, è quello dell’archeologia subacquea. In particolare i porti di Genova e Vado sono stati oggetto di significative prospezioni in questi anni da parte del Servizio Tecnico di Archeologia Subacquea, restituendo materiali che testimoniano dell’importanza di questi approdi - come anche di quello di Imperia anch’esso presente in mostra - nei numerosi secoli della loro frequentazione fino ai giorni nostri.
Le forme dell’abitare e i modi della produzione, dalla preistoria all’età contemporanea, sono tra i più affascinanti temi del dibattito storico contemporaneo e ad essi l’archeologia contribuisce con quel caratteristico sguardo obiettivo e concreto che proviene dal confronto diretto con le testimonianze materiali del passato. Dalla più remota preistoria e l’uomo di Neanderthal, fino alla protostoria, l’età romana, il Medioevo - documentato da diversi siti di eccezionale interesse - e l’età moderna, sono numerosi i nuovi contesti che offrono preziosi spunti per questo dibattito sulla vita quotidiana in Liguria al tempo degli antichi.
L’ultima sezione affronta il tema della ritualità in ambito funerario e cultuale alla luce di recenti rinvenimenti di notevole impatto evocativo: non solo corredi di sepolture, quindi, ma anche contesti sacrificali.
In sintesi la storia delle recenti scoperte archeologiche nella regione diviene il passe partout espositivo e narrativo con cui accedere ad alcune grandi problematiche storiche della Liguria antica, medievale e moderna.