Stefano Marangon – Le Tracce del Sole

Milano - 10/07/2013 : 30/08/2013

Saranno esposte le nuove opere di Stefano Marangon, scelto per la sua tecnica di esecuzione, unica nel suo genere e facilmente integrabile all’interno del museo stesso. Stefano, infatti, esegue i suoi lavori con la pirografia solare, cioè convogliando la luce del sole attraverso lenti di varie dimensioni che gli danno la possibilità di variare spessori e toni di colore sul supporto ligneo.

Informazioni

Comunicato stampa

Il Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo Da Vinci di Milano è continuamente alla ricerca di nuovi modi e nuovi linguaggi per raccontare la scienza nella maniera più semplice ed accessibile a tutti, per questo ha deciso di ospitare all’interno dei suoi spazi la mostra “Le tracce del Sole” dell’artista Stefano Marangon che esporrà le sue ultime opere realizzate con la pirografia.
L’inaugurazione sarà il 10 luglio alle ore 18.00 e la mostra sarà visitabile fino al 30 agosto


Il periodo scelto è l’ideale per la presenza del Sole per gran parte della giornata, questo consentirà ai visitatori, attraverso i workshop e gli incontri organizzati, di realizzare esperimenti, testare applicazioni, capire l’utilizzo della luce e dell'energia solare nel corso della storia e conoscerne l’interazione con l’uomo che ha imparato a sfruttarlo e a veicolarlo fino a trasformarlo in opera d’arte. Un viaggio insolito per scoprire a livello multidisciplinare l’uso del sole nella scienza, nella filosofia, nell’architettura e soprattutto nell’arte svelando, attraverso interventi e dimostrazioni, come Stefano Marangon sia riuscito a realizzare le sue opere pirografando con delle lenti ottiche e la luce del sole.
Ci sarà anche la possibilità di sperimentare la sua tecnica partecipando alla creazione di un’opera collettiva che verrà poi donata al Museo.

Fortunato D’Amico scrive:
“La performance di Stefano Marangon, attrezzato di legni e lenti ottiche di dimensioni diverse, appassiona e attira intorno a se la folla di curiosi, che improvvisamente e inaspettatamente viene "illuminata" mentre sta assistendo allo spettacolo "open air " messo in scena per tracciare segni senza toccare con gli oggetti il piano di scrittura.”

Durante l’inaugurazione i partecipanti verranno accolti dal concerto d’arpa eseguito da Patrizia Borromeo, si proseguirà con la visita alla mostra. Eccezionalmente in occasione dell’inaugurazione l’ingresso al Museo sarà gratuito, mentre nei giorni successivi la visita alla mostra sarà compresa nel costo del biglietto.