Stefania Gagliano – Difettata

Modena - 08/03/2013 : 05/04/2013

Gagliano evidenzia il nocciolo dell’iconografia gay, che si fonda nell’abbattimento di tutti i dualismi, maschio/femmina, euforia/malinconia, eros/morte, contaminandolo con una visione privata e diagonale, per descrivere una sessualità fluida, in cui le identità sono continuamente ridefinite dalla relazione con ciò che è altro da sè.

Informazioni

  • Luogo: CAYCE'S LAB
  • Indirizzo: via Carteria 26 - Modena - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 08/03/2013 - al 05/04/2013
  • Vernissage: 08/03/2013 ore 19,30
  • Autori: Stefania Gagliano
  • Curatori: Luiza Samanda Turrini
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Tutti i pomeriggi escluso giovedì e domenica, 16-19, mercoledì 15-18, venerdì fino alle 21

Comunicato stampa

Mostra personale di stella (Stefania Gagliano) __ Difettata
Performance di Gudrun De Chirico __ A caccia di Kurt
Performance collettiva __ Sex Drags and Rock ‘n’ Roll
Ambienti sonori TMN


Data di vernissage
8 marzo 213, ore 19.30

Data di chiusura
5 aprile 2013

Abstract di presentazione
Per l’otto marzo 2013 Cayce’s Lab non ne vuole sapere né dell’indagine sul corpo femminile, né delle collettive di artiste donne. Basta

È tempo di espandersi in orizzonti transgender, e di divertirsi un po’ a confondere i codici, con la personale di stella Stefania Gagliano, la performance A Caccia di Kurt di Gudrun De Chirico e l’happening queer Sex Drags and Rock ‘n’ Roll.

Orari di apertura
Tutti i pomeriggi escluso giovedì e domenica, 16-19, mercoledì 15-18, venerdì fino alle 21


Ingresso libero

Orario del vernisage 19.30



Curatore
Luiza Samanda Turrini


Artisti
Mostra personale Stefania Gagliano
Performance Gudrun De Chirico

Ambienti sonori
TMN

Patrocinio del Comune di Modena

TESTO DI PRESENTAZIONE/CRITICO

Mostra personale di stella (Stefania Gagliano) __ Difettata
Performance di Gudrun De Chirico __ A caccia di Kurt
Performance collettiva __ Sex Drags and Rock ‘n’ Roll
Ambienti sonori TMN

Per l’otto marzo 2013 Cayce’s Lab non ne vuole sapere né dell’indagine sul corpo femminile, né delle collettive di “artiste donne”. Basta. È tempo di espandersi in orizzonti transgender, e di divertirsi un po’ a confondere i codici. Sex Drags and Rock ‘n’ Roll è una performance di operatori artistici trasformati in drag queens e drag kings dallo spirito fortemente punk rock. Come prologo, avremo A caccia di Kurt, un’azione della performer Gudrun De Chirico, che già per la seconda volta naviga per noi nelle limacciose acque del grunge (forse perché assomiglia come una goccia d’acqua a Mister Cobain?) Mischiando la favola di Cappuccetto Rosso alle litanie sulle armi di Full Metal Jacket, Gudrun De Chirico compone una delicata ed inquietante lirica sulla sparizione dell’ultima vera icona del rock. A seguire ci sarà la versione buona di Courtney Love. E poi, subito dopo, Nick Cave, Patti Smith, David Bowie ed Amy Winehouse.
Ma soprattutto ci sarà Difettata, la mostra personale di stella (Stefania Gagliano). stella rappresenta le figure del desiderio, usando un supporto profondamente camp, i bianchi centrini di plastica usati di solito come sotto-torte, per veicolare un’idea di leziosità preziosa, di leggiadria, ma anche di qualcosa di finto, artificiale, kitsch. In mezzo a questi merletti di plastica vengono rappresentati gli organi sessuali, la sezione della cavità vaginale e di quella anale. Il risultato non è per nulla scabroso, ma delicato come pizzi fiamminghi. Gagliano evidenzia il nocciolo dell’iconografia gay, che si fonda nell’abbattimento di tutti i dualismi, maschio/femmina, euforia/malinconia, eros/morte, contaminandolo con una visione privata e diagonale, per descrivere una sessualità fluida, in cui le identità sono continuamente ridefinite dalla relazione con ciò che è altro da sè.
Il crossdressig maschile/femminile è sempre stato legato alla teatralità. Dagli attori greci abbigliati in coturni e maschere femminili, ai castrati del Settecento vestiti di piume e ori come i cantanti glam, a Sarah Bernhardt che interpretava Amleto, al foglio di via per aver portato abiti da uomo che il sindaco di Berlino diede a Marlene Dietrich, fino ad arrivare ai New York Dolls, a Marilyn Manson e a Genesis P-Orridge, il palcoscenico è sempre stato il luogo privilegiato della trasgressione. Per l’otto marzo Cayce’s Lab si trasforma in ribalta per trasgredire la legge del dualismo dei sessi. Auspicando che il rituale propiziatorio non rimanga circoscritto ad una sola giornata, ma porti finalmente ad una rivoluzione permanente.