Souvenir de Ecuador

Roma - 04/07/2013 : 07/07/2013

La mostra si propone di aprire – attraverso la lungimiranza degli artisti più attivi negli ultimi anni – una finestra sulla società ecuadoriana, al di là dello stereotipo naturalistico, mostrando una realtà artistica particolarmente vivace.

Informazioni

  • Luogo: INSTITUTO CERVANTES
  • Indirizzo: Piazza Navona 91 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 04/07/2013 - al 07/07/2013
  • Vernissage: 04/07/2013 ore 18,30
  • Curatori: Federica La Paglia
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: da giovedi a domenica ore 16-20
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa


L’Ambasciata dell’Ecuador in Italia è lieta di presentare la mostra Souvenir de Ecuador presso la Sala espositiva dell’Istituto Cervantes di Roma.

Il progetto a cura di Federica La Paglia - che porta per la prima volta in Italia artisti ecuadoriani emergenti, ma già attivi sulla scena internazionale - inaugurerà il 4 luglio e sarà visibile fino al 7 luglio



La mostra video (ma non solo) è dedicata all’Ecuador ritratto nella sua contemporaneità, osservata attraverso la rilettura che della storia del Paese ne fanno gli artisti invitati, Karina Skvirsky Aguilera, Falco, Ana Fernández, Myriam Gaggini, María Rosa Jijón, Fabiano Kueva, Estefanía Peñafiel Loaiza, Paúl Rosero Contreras.

Il titolo del progetto propone un esplicito riferimento al viaggio: la mostra viene costruita come un attraversamento dell’Ecuador visto da sfaccettature diverse e poco note all’estero.
Il punto di vista costante è lo sguardo sul contesto socioculturale e la memoria del viaggio è sottolineata anche dall’idea dell’esplorazione temporale; la maggior parte degli artisti, infatti, dimostra di originare la propria ricerca nelle radici storiche della cultura del Paese, riletta nelle sue influenze sull’oggi.

“Il costante riferimento al locus ecuadoriano” - riporta il testo della curatrice - “ogni volta asservisce ad un più ampio discorso politico, nell’ottica di un rinnovato ritratto dell’Ecuador reso affrontando tematiche di interesse universale: dalla questione ambientalista a quella razziale, dalle riflessioni sul potere costituito al concetto di nazione, dal tema geopolitico all’economico”.

La mostra si propone di aprire – attraverso la lungimiranza degli artisti più attivi negli ultimi anni – una finestra sulla società ecuadoriana, al di là dello stereotipo naturalistico, mostrando una realtà artistica particolarmente vivace.