Sottile tridimensionalità

Milano - 15/11/2018 : 22/12/2018

Pettinare, colare, stringere. Tre azioni comuni, formalmente attuate su altrettanti materiali comuni. Dalle mani di tre artisti.

Informazioni

Comunicato stampa

“Sottile tridimensionalità“

Hiva Alizadeh
Guillaume Linard-Osorio
Michelangelo Penso

Pettinare, colare, stringere. Tre azioni comuni, formalmente attuate su altrettanti materiali comuni. Dalle mani di tre artisti.
Tutti scelgono la plastica, il sintetico, per realizzare le opere che saranno presentate nella mostra "Sottile tridimensionalità“.

Hiva Alizadeh (Iran 1989) stratifica ciocche ipercolorate di capelli sintetici, come fossero velature ad olio, per raggiungere nuove astrazioni. Quasi impalpabili, luccicanti e vaporose le chiome alle pareti escono dalla bidimensionalità della pittura



Una tridimensionalità sottile è anche quella che raggiunge Guillaume Linard-Osorio (Francia 1978) che cola la resina colorata nelle intercapedini di lastre di lucido policarbonato: strisciando sulle pareti interne, il colore si deposita come un film sottilissimo in alcuni punti mentre si aggruma in altri. Le lastre di policarbonato (dai 4 ai 6 mm) sono a loro volta la matrice di sculture più complesse: la loro giustapposizione alle pareti produce stratificazioni semitrasparenti.

Michelangelo Penso (Italia 1964) maneggia sottili fascette da elettricista. Per lo più Bianco-latte, ma non solo. Non interviene su di esse in nessun modo inatteso. Semplicemente le chiude come farebbe ognuno di noi. Ma nel compiere quest’azione le collega e incastra fra loro a centinaia fino a creare delle nebulose di color lattiginoso. Crea cellule formate da infiniti filamenti, rappresentanti batteri. Utilizza queste fascette sottili per raccontare la scienza, attraverso l’arte.

In tutti i casi sono linee, filamenti, strisce: materiali che, stratificati, richiedono di essere scoperti. Avvicinatevi per approfondire la "Sottile Tridimensionalità".


evento FB: https://www.facebook.com/events/197737831121576/
instagram: @theflat_massimocarasi

15 novembre > 22 dicembre 2018

The Flat - Massimo Carasi – via Paolo Frisi 3 (MM Porta Venezia) - MILANO 20129 – Italia
+39 (0)2 58313809 - [email protected] - www.carasi.it

Orario: dal martedì al sabato 14.30 >19.30 o su appuntamento

evento FB: https://www.facebook.com/events/197737831121576/
instagram: @theflat_massimocarasi







THE FLAT – Massimo Carasi

"Thin three-dimensionality"

Hiva Alizadeh - Guillaume Linard-Osorio - Michelangelo Penso


Comb, pour, tighten. Three everyday actions, rendered in formal terms by the three artists with as many everyday materials.

All of the artists choose plastic, a synthetic composite, to create their works for the "Thin three-dimensionality" exhibition.

Layering vividly colored locks of synthetic hair, as if they were veils of oil paint, Hiva Alizadeh (Iran 1989) creates new abstractions. Almost intangible, shimmering and vaporous, his wall-mounted locks emerge from the two-dimensionality of the painted surface.

Guillaume Linard-Osorio (France 1978) also evokes a finer sense of three-dimensionality by dripping colored resin into the paper-thin spaces between sandwiched sheets of glossy polycarbonate, which slides over the inner walls, creating gossamer colored films in some points and accumulating in others. Superimposed on the walls, the polycarbonate sheets (from 4 to 6 mm) form the matrix of more complex sculptural forms and semi-transparent layers.

Michelangelo Penso (Italy 1964) works with fine electrician’s cable ties, choosing milky white ties for the most part, but not exclusively. Penso does nothing unexpected with these ties, he simply closes and tightens them. However, with this simple act he connects them, hundreds of them, creating milky nebulae that in turn form cells made up of infinite bacteria-like strands. Thus, thin, utilitarian ties narrate science through art.

All three artists’ work with lines, fibres or strips, using materials that, when stratified, invoke a rediscovery of meaning. Come closer and deepen your connection with a "Thin Three Dimensionality".