Smartourism – Alessandro Nesci

Roma - 08/05/2015 : 08/05/2015

Nell'ambito della Conferenza-EXPO SMARTOURISM, organizzata dell'Università di Roma Tor Vergata, General Chair prof. Michele Angelaccio, sul tema del Turismo sostenibile nella “Campagna Romana” espone una selezione delle sue opere Alessandro Nesci.

Informazioni

Comunicato stampa

Alessandro Nesci allo SMARTOURISM

Nell'ambito della Conferenza-EXPO SMARTOURISM, organizzata dell'Università di Roma Tor Vergata, General Chair prof. Michele Angelaccio, sul tema del Turismo sostenibile nella “Campagna Romana” espone una selezione delle sue opere Alessandro Nesci.

SMARTOURISM si propone di mettere a confronto e armonizzare le risorse culturali di livello internazionale della “Campagna Romana” con le nuove forme di Turismo sostenibile, diffuso con il supporto di nuove infrastrutture metodologiche e tecnologiche. In questo ambito ha invitato Alessandro Nesci ad esporre una selezione delle sue opere



Alessandro Nesci si interessa, nella sua ricerca artistica, ai luoghi ed ai temi della Campagna Romana da oltre tre lustri. In questa esposizione, ospitata nell'ambito dell'evento SMARTOURISM, saranno visibili una selezione di opere provenienti dalla sua produzione pittorica e grafica.
La Campagna Romana è un luogo dove la Natura e la Storia si incontrano. Luoghi nati da grandiosi fenomeni naturali, inondazioni, eruzioni vulcaniche, continui spostamenti di costa e l'azione erosiva del Tevere e di altri corsi d'acqua minori, che hanno osservato l'insediamento e lo sviluppo storico della più importante civiltà occidentale dell'antichità: la Civiltà Romana.
Nelle opere pittoriche questi paesaggi si offrono allo spettatore in una visione incontaminata, nostalgica, fuori dal tempo.
Nelle opere grafiche, della serie dei “Frammenti”, ci sono chiari rimandi alla statuaria della Civiltà Romana: personaggi che hanno scritto la Storia nelle alterne vicende della loro vita, di cui la Campagna Romana è stata una testimone silente di cui ancora conserva, a volte segretamente, la memoria.