Sirio Reali – Macchine Finestre Balconi, Case

Macerata - 11/01/2014 : 09/02/2014

Una personale che include una significativa selezione della vasta produzione del prolifico pittore marchigiano, attivo sulla scena artistica ormai da un cinquantennio.

Informazioni

  • Luogo: MUSEI CIVICI - PALAZZO BUONACCORSI
  • Indirizzo: via Don Minzoni, 24 62100 - Macerata - Marche
  • Quando: dal 11/01/2014 - al 09/02/2014
  • Vernissage: 11/01/2014
  • Autori: Sirio Reali
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: martedì-domenica, ore 10-18
  • Patrocini: La mostra è promossa dal Comune di Macerata e da Macerata Musei, con il contributo di Regione Marche, Provincia di Macerata, APM Azienda Pluriservizi Macerata spa, e con il patrocinio dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Macerata.

Comunicato stampa

Il pittore Sirio Reali espone nelle sale di Palazzo Buonaccorsi a Macerata, la sua città natale. La mostra Macchine, Finestre, Balconi, Case verrà inaugurata sabato 11 gennaio 2014 e resterà aperta fino al 9 febbraio 2014.
Una personale che include una significativa selezione della vasta produzione del prolifico pittore marchigiano, attivo sulla scena artistica ormai da un cinquantennio. L’esposizione si focalizza in particolare su quattro serie della sua ultima produzione pittorica, ben centotredici opere in vari formati e tecniche diverse, realizzate tra il 2001 e il 2013: 31 Macchine, 7 Finestre, 23 Balconi, 52 Case



Queste “rappresentazioni”, come in passato amava definirle Reali, rivendicano un’ispirazione scenografica immediatamente riconoscibile. Di fronte all’imponenza dei grandi formati lo spettatore resta quasi intimorito, si sente sopraffatto da case, palazzi, terrazze e automobili macroscopici che occupano per intero lo spazio della tela quasi incapace di contenerli, siano essi pezzi unici o dettagli architettonici ripetuti in cadenza ossessiva, o ancora squarci di particolari che impongono un punto di vista originale dell’oggetto ritratto.

Inventore di una poetica del mondo tutta personale, Sirio Reali è considerato uno dei più interessanti pittori italiani contemporanei, come inconfondibile è il realismo visionario che permea la sua pittura. I quadri in esposizione mostrano i simboli per eccellenza del quotidiano metropolitano, case e automobili appunto, caricati di un pesante fardello d'inquietudine e privi di funzionalità. Oggetti solitamente in movimento e pulsanti di vita vengono rappresentati da Reali nell’immobilità, nel silenzio assordante, in un tragico isolamento. Le macchine senza sportelli sono private della corsa, le abitazioni somigliano a labirinti senza uscita, con porte sprovviste di sbocchi e finestre murate affacciate sul nulla. Un percorso enigmatico che non reca alcuna traccia di esseri viventi, persone, animali, elementi vegetali. Il forte impatto cromatico, e spesso monocromatico, provocato dalle tinte scure dei marroni e dei grigi non fa altro che accentuare il senso di smarrimento e di vuoto di architetture improbabili, solo a volte riscaldate (specie nelle Case dipinte più di recente) da vivaci guizzi di colore, dal giallo all’arancio, dal rosa al celeste, dal verde al turchese.


Sirio Reali: nato a Macerata nel 1943, si è formato nel locale Istituto Statale d’Arte (dove è tornato a insegnare fra il 1970 e il 1990) e ha proseguito gli studi a Roma, all’Accademia di Belle Arti, sezione Scenografia. Dal 1966 ad oggi la sua attività artistica non si è mai fermata, ed ha esposto in numerose gallerie in Italia e all’estero. Nel 2011 ha partecipato alla Biennale di Venezia nel Padiglione Italia-Marche. Su di lui hanno scritto Fulvio Abate, Giulio Angelucci, Paola Ballesi, Massimo De Nardo, Flaminio Gualdoni, Gian Ruggero Manzoni, Ruggero Morresi, Cristina Petrelli, Nino Ricci, Franco Solmi, Italo Tomassoni. Attualmente vive e lavora a Chiarino di Recanati.


La mostra è promossa dal Comune di Macerata e da Macerata Musei, con il contributo di Regione Marche, Provincia di Macerata, APM Azienda Pluriservizi Macerata spa, e con il patrocinio dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Macerata.

Coordinamento: Stefania Monteverde, assessore alle attività culturali del Comune di Macerata.
Cura della mostra e del catalogo: Anna Li Vigni e Antonello Di Geronimo.
Allestimento: Simple srl.

Catalogo Liberilibri: Macchine, Finestre, Balconi, Case, con uno scritto di Anna Li Vigni, traduzione inglese di Massimiliano Greghini, foto di Margherita Reali e Massimo Zanconi, grafica adgstudio, collana Altrove, pagg. 154, euro 25, ISBN 978-88-98094-09-7