Silvia Stucky – Tre storie di pratica senza io

Jesi - 05/10/2012 : 19/10/2012

Costante movente della sua ricerca, è l’assecondare le forze della natura alla scoperta di un momento di conciliazione e di completa armonia con essa. Il titolo della sua mostra, Tre storie di pratica senza io, fa riferimento alle tre diverse opere che l’artista presenta e all’atteggiamento che le accomuna.

Informazioni

  • Luogo: SCUOLA DI TE' COSE DI TE'
  • Indirizzo: Vicolo Ginnasio 1, 60035 (accanto a P.zza Indipendenza) - Jesi - Marche
  • Quando: dal 05/10/2012 - al 19/10/2012
  • Vernissage: 05/10/2012 ore 18.30
  • Autori: Silvia Stucky
  • Curatori: Fabiola Ruggiero
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: mercoledì–venerdì ore 18.00–20.00 | e sabato ore 10.30–12.30; 18.00–20.00 (o su appuntamento)

Comunicato stampa

FUORI DALLA STANZA: ispirazioni da e verso la Via del Tè
a cura di Fabiola Ruggiero | testo di Marina Roscani


Armonia, rispetto purezza e serenità questi i principi a cui si ispira la Cerimonia del Tè, un rito antico che si consuma in una Stanza sospesa nel tempo e nello spazio. Gesti lenti e profondo rispetto per gli ospiti e per gli oggetti, un’offerta fatta con la purezza del cuore. Una sintesi di bellezza che la Scuola di Tè Cose di Tè, seguendo il filo rosso che esce da quella stanza, ha voluto cercare nell’arte

Nell’espressione con cui tre artisti comunicano questi principi di perfetta ‘letizia’, di amore per la vita.

Dopo Anahi Mariotti (dal 15 al 30 giugno) e Daniele Canonici (dal 14 al 28 settembre), chiude il ciclo di tre appuntamenti, dal 5 al 19 ottobre, Silvia Stucky, un’artista affermata nel panorama nazionale. Costante movente della sua ricerca, è l’assecondare le forze della natura alla scoperta di un momento di conciliazione e di completa armonia con essa.
Il titolo della sua mostra, Tre storie di pratica senza io, fa riferimento alle tre diverse opere che l’artista presenta e all’atteggiamento che le accomuna.
Il libro d’artista Getterò in mare il cuore che ha qualche desiderio (con un racconto di Francesco D’Alessandro, Edizioni d’arte Il Bulino di Roma) è stato realizzato in 35 esemplari dall’artista, che su ciascuna copia ha dipinto a pennello motivi decorativi asiatici; L’albero fiorito è una grande carta con un unico, snello cipresso; e Senza io è composto da frottage di foglie – una al giorno – che l’artista ha realizzato tra l’equinozio di primavera e il solstizio d’estate 2006. La pratica ‘senza io’ è una pratica che fa un passo indietro rispetto all’idea che il contenuto dell’opera debba necesariamente essere legato alla personalità dell’artista. La pratica ‘senza io’ mira a ritrovare l’armonia che si trova nei ritmi e nelle regole della natura, per poi riportarla nella vita quotidiana.
Silvia Stucky espone dal 1984. Il suo lavoro è stato presentato in gallerie e musei in Italia, Ecuador, Egitto, Francia, Germania, Grecia, Indonesia, India, Iran, Marocco, Olanda, Svizzera, Thailandia, Turchia. Le sue mostre personali recenti sono: Il campo del possibile, AOC F58, Roma, 2012; I giardini celesti, ArteProfumi, Roma, 2010; Il corpo pensato, Casa della Memoria e della Storia, Roma, 2009; Il sussurro del mondo, Museo Laboratorio di Arte Contemporanea, Sapienza Università di Roma, 2008. Le più recenti collettive cui ha partecipato sono Viaggio in Italia – Italienische Reise, Werkschauhalle, Spinnerei, Lipsia, 2012; L’Artista come Rishi, Museo Nazionale d’Arte Orientale “Giuseppe Tucci”, Roma, 2011.


Silvia Stucky
Tre storie di pratica senza io
inaugurazione venerdì 5 ottobre 2012, ore 18.30

Scuola di Tè Cose di Tè
Vicolo Ginnasio 1, 60035 Jesi (AN) (accanto a P.zza Indipendenza)
0731 205899 | 335 7744001 | [email protected] | www.cosedite.it
dal 5 al 19 ottobre 2012
mercoledì–venerdì ore 18.00–20.00 | e sabato ore 10.30–12.30; 18.00–20.00 (o su appuntamento)

Cose di Tè è un franchising nato nel 2007 con l’intento di promuovere in Italia la cultura del Tè in foglie. Sin dall’esordio si afferma con una formula originale vantando un’area di vendita virtuale, con lo shop online (www.cosedite.it) e una fisica, gli aTèlier, dove scoprire una vastissima gamma di Tè pregiati, accessori e gourmandise provenienti da tutto il mondo. L’attenzione è tuttavia rivolta anche alla Scuola di Tè; un luogo di incontro e condivisione nato per esplorare l’universo inedito di questa straordinaria pianta. Aperto a professionisti dei settori food e beverage e appassionati, rappresenta uno spazio poliedrico unico nel centro Italia. Scopo primario della Scuola è quello rendere l’esperienza del Tè occasione privilegiata di formazione e arricchimento e culturale.