Sergi Barnils – Safir

Borgomanero - 20/04/2013 : 25/05/2013

La Galleria Eventinove artecontemporanea di Borgomanero è lieta di presentare Safir, una personale dell’artista catalano Sergi Barnils.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA EVENTINOVE - ARTE CONTEMPORANEA
  • Indirizzo: Corso Giuseppe Garibaldi 29 - Borgomanero - Piemonte
  • Quando: dal 20/04/2013 - al 25/05/2013
  • Vernissage: 20/04/2013 ore 18
  • Autori: Sergi Barnils
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: da martedì a sabato 10.00/13.00 - 15.00/19.30 domenica e lunedì su appuntamento

Comunicato stampa

La Galleria Eventinove artecontemporanea di Borgomanero è lieta di presentare Safir, una personale dell’artista catalano Sergi Barnils.
Il titolo catalano dell’esposizione, Safir, chein italiano significa Zaffiro, prende il nome da una delle pietre preziose che abbelliscono la Città Celeste ed è quindi uno dei colori che ritroviamo nella ricca tavolozza di Barnils. È a partire dagli anni Ottanta, infatti, che Barnils è affascinato dalla ricchezza del cielo. Una visione che, a poco a poco, sconfina in un’esplorazione che va al di là del cielo atmosferico per entrare nelle regioni dello spirito umano

Tutto ciò coincide con una lettura diretta della Bibbia che sfugge a ogni pregiudizio. Rimane soprattutto affascinato dal Libro delle Rivelazioni o Apocalisse, nel quale gli ultimi capitoli descrivono la nuova Gerusalemme, la città celestiale, immagine figurativa del paradiso. Questa vitalità cromatica è l’elemento che per primo colpisce nelle opere dell’artista catalano. Lavori nei quali il disegno viene declinato, su tele e tavole, con la tecnica dell’encausto. Una tecnica dove la qualità materica e opaca della cera diventa una lavagna su cui tracciare immagini.
Immagini che nei lavori di Barnils sono stilizzate fino all’astrazione dei graffiti e di visioni misteriose che richiamano i segni delle pitture preistoriche e la spontaneità dei disegni infantili, e che collocano l’artista sulla scia del primitivismo delle avanguardie artistiche del Novecento. Prima tra tutte quella di una triplice matrice tipicamente catalana: l’assimilazione dell’opera visionaria di Antoni Gaudì, la visione austera, bianca, nera e ocra di Tapies, e la giocosità di forme e colori di Joan Mirò.
Il motore della pittura di Barnils è l’emozione. Una sensazione che emerge grazie all'energia dei colori che, derivati dalla luminosità dei cieli mediterranei, segnano il profondo legame dell’artista con la sua terra d’origine e con gli strati più profondi dell’animo umano.
Sergi Barnils è nato in Africa Equatoriale nel 1954, vive e lavora a Barcellona. Le sue opere sono state esposte in mostre personali e collettive in Spagna, Austria, Germania e Italia, dove la sua attività espositiva è iniziata nel 1995. Fra le esposizioni recenti più importanti, si ricordano le mostre personali a Palazzo Racani Arroni di Spoleto nel 2002 (La Morada Inmutable, a cura di Martina Corgnati), Doxologies alla Galleria Maragall di Barcellona. Nel 2006 si conta anche la mostra Nuvia Abillada, inaugurata presso la Direzione Generale Ina Assitalia di Bologna. Nel 2007 gli viene dedicata una mostra pubblica curata da Vladek Cwalinski e Stefano Fugazza che è allestita nella suggestiva cornice di Castell’Arquato (PC). Nel 2008 viene accolto a Clusone per una duplice esposizione alla galleria Franca Pezzoli e del Museo del Complesso dei Disciplini. Nel 2009 Barnils viene poi invitato ad allestire una personale al Museo di Palazzo Principi di Correggio (RE), con testi in catalogo di Vladek Cwalinski e Sandro Parmiggiani. Sue opere sono conservate nei musei di Girona, Barcellona, Praga, Spoleto, Instanbul e Logroño. Da poco sì è chiusa una sua grande retrospettiva nello spazio espositivo di Caixa Terrassa, vicino a Barcellona.