Una riflessione tra i pieni e i vuoti sentiti come forma partecipata tra arte, anima e corpo. Una performance che appare come una lezione hopperiana, composta da sguardi fissi su pagine bianche, orientati su un palcoscenico frutto di parole inascoltate, monologhi interiori.

Informazioni

Comunicato stampa

SENZA PAROLE.
[Scrivetelo voi. E se vi piace anche, compratelo]

Circolo dei Lettori | Via Gianbattista Bogino, 9
venerdì 7 settembre | 21h00

Il silenzio non è soltanto una assenza di parole, una privazione del linguaggio. Il silenzio è esso stesso forma di comunicazione, espressione ontologica di un vuoto esistenziale. Un grido si innalza verso l’alto (e verso l’altro): il grido di vuoti fogli di carta bianca, spazi vitali da riempire, mancanze da sublimare, bergsoniani slanci vitali verso nuove progettualità



Senza Parole diviene espressione di una forma comunicativa ambivalente, tipica della nostra epoca: da una parte l’assenza della parola come rifiuto a continuare e come coazione a ripetere dentro un mondo saturo di vane parole; dall’altra parte, la sfida di regalare pagine vuote da riempire, di creare nuove possibilità e nuove forme di comunicazione e di interazione sociale.

In un mondo sociale dove scrivere libri è divenuto approdo possibile per tutti e cliché dell’uomo comune, un libro in bianco è la denuncia di chi cerca un posto nel mondo, di chi desidera gridare al mondo un messaggio di riscatto e di scrittura autentica.

Una riflessione tra i pieni e i vuoti sentiti come forma partecipata tra arte, anima e corpo. Una performance che appare come una lezione hopperiana, composta da sguardi fissi su pagine bianche, orientati su un palcoscenico frutto di parole inascoltate, monologhi interiori.

Intervengono: (l'autore) Nanni Ferrua con (gli artisti) Gianni Colosimo, Cinzia Ceccarelli, Luisa Cassandra Bruni e Pablo Mesa Cappella.