Sentieri e Pensieri 14

Santa Maria Maggiore - 20/08/2014 : 24/08/2014

A Santa Maria Maggiore (Vb) per il secondo anno Sentieri e Pensieri, la rassegna estiva curata dalla Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura, che porta gli autori in montagna, in quella incontaminata Val Vigezzo, conosciuta come La Valle dei pittori e dei letterati per la sua originale storia artistica e per la diffusa presenza di intellettuali che la sceglievano come méta di vacanza.

Informazioni

Comunicato stampa

Incontri con i protagonisti della letteratura, dello sport, della cultura, della tv e dello spettacolo, presentazioni di libri, interviste, musica, spettacoli di strada, arte ed enogastronomia.

Gli appuntamenti, tutti a ingresso gratuito, si tengono sul palco della centrale Piazza Risorgimento:







mercoledì 20 agosto: il giornalista Darwin Pastorin, insieme al critico Vincenzo Jacomuzzi, (ore 18); Mabò Band in concerto (ore 21).
giovedì 21 agosto: lo scrittore Giuseppe Culicchia, insieme con l’attrice e artista circense Federica Mafucci, con il reading-spettacolo tratto dal suo libro Tutti giù per terra. Remixed (ore 18)


venerdì 22 agosto: il conduttore televisivo Antonio Lubrano con il presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Piemonte Alberto Sinigaglia (ore 18); l’attore, clown ed acrobata Claudio Cremonesi (ore 21).
sabato 23 agosto: la giornalista e scrittrice Benedetta Tobagi, insieme con il critico Mario Baudino (ore 18); il compositore e pianista jazz Massimo Colombo (ore 21).
domenica 24 agosto: l’editore e saggista Oliviero Ponte di Pino con lo scrittore Bruno Gambarotta (ore 11,30); la comica Anna Maria Barbera, conosciuta per il suo personaggio “Sconsy” (ore 18).


Sostenuta dal Comune di Santa Maria Maggiore e dalla Regione Piemonte e con il patrocinio della Provincia del Verbano-Cusio-Ossola, Sentieri e Pensieri propone sul palco di Piazza Risorgimento scrittori e autori che, partendo dai loro ultimi libri, si raccontano e dialogano su temi e argomenti che spaziano dalla cronaca allo sport, dalla storia alla letteratura, dalla politica alla quotidianità, con momenti di spettacolo e musica jazz, ritmi latini e serate enogastronomiche. In caso di maltempo gli appuntamenti si svolgono presso la Sala Mandamentale del Vecchio Municipio.

Per tutta la durata dell'evento è allestito un bookshop in Piazza Risorgimento, gestito dall’Associazione Libriamoci degli editori e dei librai del Verbano Cusio Ossola, di cui fanno parte gli editori Grossi di Domodossola, Alberti di Verbania, La Pagina di Villadossola, Il rosso e il blu di Santa Maria Maggiore con le loro librerie omonime e l’editore Tararà di Verbania con la propria libreria Margaroli.

Sentieri e Pensieri è anche cultura legata al territorio e ai suoi prodotti tipici: i ristoranti di Santa Maria Maggiore offrono cinque speciali serate enogastronomiche con aperitivi e cene letterarie. Un’occasione per assaporare le tipicità di questo territorio alpino proposte dagli chef locali e accompagnate da sorprese letterarie.

E anche l’arte ha la sua parte a Sentieri e Pensieri: il pubblico potrà visitare la mostra Angelo Bozzola: la materia e le Geometrie, allestita presso le sale espositive del Centro Culturale Vecchio Municipio (dalle ore 10 alle 12 e dalle ore 16.30 alle 19), dedicata a un artista poliedrico, astrattista e sperimentatore, che vanta una notevole produzione di disegni, opere pittoriche, polimateriche e sculture lignee, litiche, metalliche, in vetro, da terra, in sospensione, sculture mobili e ludiche da guardare, toccare e roteare. Bozzola (Galliate, 1921-2010) è stato uno degli artisti novaresi più noti a livello nazionale e internazionale. Nel 1954 aderisce al Mac (Movimento Arte Concreta) e inizia l’elaborazione della sua monoforma trapezio-ovoidale i cui sviluppi spaziali e materici, caratterizzano l’opera successiva. Dal 1955 un’intensa attività espositiva lo porta ad esporre in Italia e all’estero. Nel 1965, a Torino, chiamato dall’Architetto Luigi Moretti e dal critico Michel Tapié, aderisce al manifesto Baroque Ensembliste (con Suzuki, Minola, Accardi, Fontana, Ossorio, Capogrossi). Degli anni Settanta è l’incursione nell’ambito dell’Arte Cinetica, in cui la dimensione organica cede alla meccanica e alla tecnologia. L’ultimo trentennio è il periodo in cui le forme si sgretolano, sino a diventare segni, tracce incise nella pietra, mappe che evocano la memoria della Terra e dell’uomo.

«Era fondamentale per noi – sottolinea Claudio Cottini, Sindaco di Santa Maria Maggiore – radicare questa iniziativa al territorio, organizzando la seconda edizione, perché non si pensasse che l’evento dello scorso anno fosse fortuito e casuale, ma, invece, l’inizio di un percorso culturale prestigioso. Sono onorato di ospitare un evento di grande richiamo e qualità che contribuisce a mettere in mostra una località come Santa Maria Maggiore, dove si investe sull'offerta al visitatore in modo attento, organizzato e di livello qualitativo, nel solco delle sue migliori tradizioni».