Seconda Navigazione

Cherasco - 11/10/2014 : 11/10/2014

Un progetto a cura di Fabio Carnaghi per ARK Cultural Property and Contemporary, una performance sonora e luminosa nel dialogo tra i grandi arazzi ricamati su carta di Eva Reguzzoni e la musica di Roberto Cacciapaglia all’interno dello spazio storico dell’antica chiesa di San Gregorio a Cherasco.

Informazioni

Comunicato stampa

In occasione della Decima Giornata del Contemporaneo AMACI, ARK presenta Seconda navigazione, una performance sonora e luminosa nella quale le opere di Eva Reguzzoni interagiscono con la musica del compositore Roberto Cacciapaglia in un progetto multisensoriale ed immersivo.
Il luogo storico dell’antica chiesa di San Gregorio a Cherasco viene restituito in un’inedita fruizione percettiva. Il bianco di grandi arazzi ricamati ed impressi sulla carta annota il senso di un itinerario in folio in cui la luce e il buio svolgono un’azione performativa naturale quanto quella della creatività artistica

Il suono e il segno si sedimentano nello spazio, rievocando il senso cinetico nel tempo. Ed ecco affiorare la sensazione di territori già esplorati nella memoria dell’anima. Seconda Navigazione è la traccia di questo passaggio interiore, una ricognizione che supera il limite concreto della prima vista. Nuovi contenuti affiorano dietro la sembianza così come le forme organiche su carta prorompono e infrangono la bidimensionalità, la musica e la luce afferrano il movimento, lo spazio torna ad essere luogo di presenza.

L’evento promosso da ARK Cultural Property and Contemporary è realizzato con il supporto de La Compagnia del Sole 3D Light, partner tecnico dell’iniziativa. Si ringrazia per la collaborazione Glance Studio Milano.

Le opere di Eva Reguzzoni resteranno esposte nella chiesa di San Gregorio fino al 26 ottobre 2014 nell’ambito della mostra White a cura di Fabio Carnaghi realizzata con il patrocinio di Regione Piemonte e Città di Cherasco, con il contributo di Banca di Cherasco.

Note biografiche

Roberto Cacciapaglia è nato a Milano, dove si è diplomato in composizione presso il Conservatorio Giuseppe Verdi, studiando anche direzione d’orchestra e musica elettronica. Ha lavorato allo studio di Fonologia della Rai ed ha collaborato con il CNR (Centro Nazionale delle Ricerche) di Pisa studiando le applicazioni del computer in campo musicale. Protagonista della scena musicale italiana più innovativa, è personaggio di riferimento, in Italia e all’estero, per la ricerca musicale tra classicità e sperimentazione elettronica. Per lungo tempo ha condotto una ricerca sui poteri del suono, nella direzione di una musica senza confini, al di là delle divisioni. La sua musica trae ispirazione da queste esperienze e passa attraverso l’emozione più che da regole e strutture. Dopo aver realizzato con la Royal Philharmonic Orchestra tre dei suoi album più recenti, il 28 gennaio 2014 pubblica Alphabet per Decca Records - Universal Music, presentato in anteprima nella Sala delle Otto Colonne di Palazzo Reale a Milano.
Eva Reguzzoni sviluppa la propria ricerca artistica approfondendo la tematica dell’esperienza introspettiva e della vita interiore. Questa indagine l’ha portata a sperimentare il proprio linguaggio attraverso una gestualità molto intima che ricorre al ricamo e al disegno nel realizzare installazioni autentiche e di grande coinvolgimento emotivo. Ha esposto in diverse mostre collettive in Italia. Nel 2013 realizza la sua prima mostra personale, ER. Il mito dell’interiorità. Vive e lavora a Borgo Ticino (NO).