Rock ‘n’ Roll is a State of the Soul

Senigallia - 14/06/2019 : 29/09/2019

Il Rock’n’Roll raccontato da grandi fotografi che hanno saputo cogliere scatti memorabili di felicità vissuta durante i primi 20 anni di Summer Jamboree, il Festival Internazionale di musica e cultura dell’America anni ’40 e ’50 che si tiene ogni anno i primi di agosto a Senigallia, di recente insignita “Città della Fotografia”.

Informazioni

  • Luogo: PALAZZO DEL DUCA
  • Indirizzo: Piazza Del Duca 1 - Senigallia - Marche
  • Quando: dal 14/06/2019 - al 29/09/2019
  • Vernissage: 14/06/2019 ore 17 su invito
  • Generi: fotografia

Comunicato stampa

L ROCK’N’ROLL RACCONTATO
nelle esclusive FOTOGRAFIE D’AUTORE del Festival Summer Jamboree
a Senigallia, “città della Fotografia”

ROCK’N’ROLL IS A STATE OF THE SOUL
SUMMER JAMBOREE 20th Anniversary
IMMERSIVE EXHIBITION
A Senigallia (Ancona), dal 14 giugno al 29 settembre 2019
Palazzo del Duca e Palazzetto Baviera
Sono oltre 300 gli scatti in esposizione dei fotografi Giovanni Cocco (Roma), Luca Locatelli (Milano), Pippo Onorati (Roma), Amedeo Turello (Montecarlo), Guido Calamosca (Senigallia), Graziano Panfili (Roma), insieme a molti altri fotografi che in questi vent’anni sono passati al Festival cogliendo attimi memorabili di felicità vissuta durante la “Hottest rockin’ holiday on earth”

DISPONIBILI STRAORDINARIE FOTO IN ALTA PER LA STAMPA

ALL’INTERNO DELLA MOSTRA PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA
La maxi installazione Wall of Wonder alta 2,50 mt e larga 2,20 per la creazione di un intero Burlesque Show olografico virtuale a grandezza naturale in anteprima mondiale messo in scena da Eve La Plume, la regina del burlesque in Italia

SUMMER JAMBOREE
“The hottest rockin’ holiday on Earth”
il Festival internazionale di musica e cultura dell’America anni ’40 e ’50
a Senigallia dal 31 LUGLIO AL 11 AGOSTO 2019,
festeggia la XX edizione con una grande mostra fotografica immersiva

Il Rock’n’Roll raccontato da grandi fotografi che hanno saputo cogliere scatti memorabili di felicità vissuta durante i primi 20 anni di Summer Jamboree, il Festival Internazionale di musica e cultura dell’America anni ’40 e ’50 che si tiene ogni anno i primi di agosto a Senigallia, di recente insignita “Città della Fotografia”.
ROCK’N’ROLL IS A STATE OF THE SOUL è il titolo della mostra immersiva con cui il Summer Jamboree ed il Comune di Senigallia celebrano il XX anniversario di quello che è diventato nel tempo il più grande Festival del genere al mondo per numero di presenze registrate. Oltre 420.000 presenze durante i 12 giorni di evento nel 2018. Il primo evento delle Marche per presenze turistiche. Un momento magico di ritrovo e di nuovi incontri di appassionati di musica e cultura di quest’epoca straordinaria e ispiratrice, ma anche di persone alla ricerca di una vacanza gioiosa, spensierata, piena di colori e al di fuori dei luoghi comuni del divertimento.
Non a caso il pubblico del Festival proveniente da ogni parte d’Europa, dagli Stati Uniti d’America ma anche dall’Australia e dal Giappone, ha ribattezzato il Summer Jamboree “The hottest rockin’ holiday on Earth”.

LA MOSTRA
ROCK’N’ROLL IS A STATE OF THE SOUL
SUMMER JAMBOREE 20th Anniversary
IMMERSIVE EXHIBITION
A Senigallia “città della fotografia” dal 14 giugno al 29 settembre 2019
Palazzo del Duca e Palazzetto Baviera
Nell’ambito dell’evento espositivo: per la prima volta in Italia la maxi installazione Wall of Wonder con un Burlesque Show Hologram
Per la prima volta al mondo viene creato con questa tecnologia un intero show olografico virtuale a grandezza naturale

Organizzato dalla Summer Jamboree e promosso dal Comune di Senigallia con la collaborazione di Regione Marche e la partecipazione della Camera di Commercio di Ancona, il Summer Jamboree aprirà le celebrazioni del ventennale venerdì 14 giugno a Senigallia, con l’inaugurazione della Mostra fotografica immersiva (ingresso €12,00 adulti / €10,00 under 18), dal titolo ‘ROCK’N’ROLL IS A STATE OF THE SOUL’, che riprende un passo tratto dal manifesto del Rock’n’Roll redatto nel 2014 dal Summer Jamboree (a 60 anni dalla nascita del Rock’n’Roll).
La mostra APERTA FINO AL 29 SETTEMBRE 2019 (Orari dal martedì alla domenica, festivi e prefestivi dalle 17 alle 23 (lunedì chiuso) ultimo ingresso alle 22.45. Durante il periodo di svolgimento del Summer Jamboree le sedi espositive saranno aperte tutti i giorni dalle 17,00 alle 1,00) si presenta come un grande progetto espositivo, evento nell’evento, che vuole raccontare lo spirito e la cultura Rock’n’Roll intesi nell’accezione più estesa e autentica, attraverso il suo vissuto durante questi primi vent’anni del Festival Summer Jamboree.

Il racconto fotografico e multimediale si articola attraverso oltre 300 scatti in 20 sale espositive tra Palazzo del Duca e Palazzetto Baviera (Senigallia) in cui si potranno ammirare: foto d’autore, foto di costume e retro streetstyle, foto di Burlesque, Backstage, Rock’n’Roll ICONS, grandi ritratti, manifesti pubblicitari, video proiezioni, immersive room.

Un'esperienza straordinaria: Wall of Wonder
Una stanza della mostra ospiterà un'esperienza straordinaria: la maxi installazione Wall of Wonder alta 2,50 mt e larga 2,20 (è la prima volta in Italia che viene installato un Wall of Wonder di queste dimensioni) per la creazione di un intero Burlesque Show olografico virtuale a grandezza naturale in anteprima mondiale messo in scena da Eve La Plume, la regina del burlesque in Italia.
Un vero e proprio show virtuale di burlesque in tre atti della durata di sette minuti coinvolgerà e meraviglierà gli spettatori. L'ologramma tridimensionale si materializzerà in sala grazie all'installazione del WOW - Wall of Wonder: la piattaforma avveniristica di visione olografica tridimensionale che, tramite unità rotanti led, creerà ologrammi fluttuanti nell'aria.

I FOTOGRAFI
Tra i fotografi in esposizione Giovanni Cocco (Sulmona - Le Monde, Newsweek, National, Geographic), Luca Locatelli (Milano - World Press Photo Environment, collabora con National Geographic, The New York Times Magazine, The New Yorker), Pippo Onorati (Roma fotografo, designer, regista, giornalista, già collaboratore di Oliviero Toscani in Benetton, per Fabrica e Colors), Amedeo Turello (Montecarlo fotografo di moda, collezionista d’arte e curatore della New York Pirelli Calendar Exhibition a Palazzo Reale di Milano e già curatore della mostra “The Cal™: Icons from Pirelli Calendar Collection”, organizzata da IMG con la collaborazione di Pirelli a New York), Guido Calamosca (fotografo di Senigallia che vive e lavora a Bologna. Impegnato nel progetto fotografico del Summer Jamboree da oltre sette anni cogliendo scatti unici e irripetibili), Graziano Panfili (Roma - espone in musei e gallerie di diversi Paesi del mondo, affermato in prestigiosi concorsi nazionali e internazionali, direttore della fotografia per produzioni cinematografiche è uno dei fondatori del collettivo fotografico Ulixes Pictures), e molti altri straordinari professionisti della fotografia che in questi vent’anni sono passati al Festival cogliendo momenti memorabili di felicità vissuta in occasione della “Hottest rockin’ holiday on earth”.

IL RACCONTO FOTOGRAFICO
Non si tratta di un racconto storiografico o semplice esercizio di memoria di 20 anni di edizioni del Festival dove sono passati centinaia di artisti provenienti da tutto il mondo.
La mostra “ROCK’N’ROLL IS A STATE OF THE SOUL” vuole cogliere l’essenza di quello che attraverso lo sguardo del Summer Jamboree è stato ed è il rock’n’roll. Uno stato dell’anima. Uno stato di coscienza di condivisione e amore. Il rock’n’roll rappresenta non solo il primo fenomeno interraziale della storia ma anche una rivoluzione culturale ancora piena di significati. Il desiderio di felicità ed unione che passa attraverso una musica in grado di attraversare indenne epoche storiche e di mantenere intatta la sua potenza e capacità di comunicare ancora oggi.
La prestigiosa rivista tedesca MARE (World Press Photo Award, the Lead Award, the Hansel Mieth Prize) nel servizio di copertina che ha dedicato al “Summer Jamboree - The hottest rockin‘ holiday on earth" lo ha raccontato così:
“A Senigallia. Quel posto sul mare Adriatico, 45000 abitanti, che ogni anno all’inizio di agosto viene trasformato in una poesia in cui tutto si muove e balla, lodando una vita di un tempo passato, anche se sembra ancora presente. Si tratta del "Summer Jamboree - The hottest rockin‘ holiday on earth", il più grande festival d'Europa in onore della cultura americana degli anni 40 e 50 e del Rock'n’Roll. Ma c’è di più. È un viaggio alle radici del nostro desiderio: essere comunque felici”. Andrea Walter
Ed è proprio questa intensa, autentica felicità che si potrà ritrovare percorrendo le venti sale espositive della mostra.



EXTENDED REALITY
L'esposizione ideata per il XX anniversario del Summer Jamboree sarà davvero innovativa: l'utilizzo delle tecnologie di Extended Reality garantirà ai visitatori della mostra UN'ESPERIENZA ALTAMENTE IMMERSIVA E COINVOLGENTE, estendendo la percezione della realtà circostante. Durante il percorso espositivo gli utenti potranno utilizzare i propri smartphone per accedere a contenuti aggiuntivi visibili solo con la realtà aumentata (AR). I visitatori collegandosi a una web app dedicata potranno avvicinarsi alle fotografie esposte, inquadrare appositi marker e accedere ai contenuti di approfondimento in realtà aumentata come video, audio, immagini aggiuntive.
La produzione dei contenuti è a cura del Summer Jamboree e la realizzazione dell’esperienza immersiva e dello spettacolo olografico 3D di burlesque (una produzione Summer Jamboree), sono a cura della nuova struttura milanese WOW Factory, che idea e implementa progetti di comunicazione immersiva e esperienze di extended reality dando vita a nuovi format di ambienti digitali basati su realtà virtuale, aumentata, olografica e tecnologia aptica.

Senigallia “città della fotografia”
Nel 2018 la Regione Marche ha assegnato a Senigallia il ruolo di “Città della Fotografia” in forza del suo legame con quest’arte: dagli inizi della storia della fotografia artistica con Giuseppe Cavalli, Ferruccio Ferroni, Mario Giacomelli, Aristide Salvalai (protagonisti del gruppo Misa) agli artisti di oggi ed emergenti che la città continua a valorizzare.

La città di Senigallia, in provincia di Ancona, si appresta così a diventare la destinazione delle vacanze più Rock’n’Roll dell’estate itaiana: attesi nelle Marche arrivi di appassionati dall’Italia e da tutto il mondo per il Summer Jamboree, che quest’anno si accinge a celebrare l’anniversario con una programmazione sempre più strabiliante e con la mostra fotografica immersiva “Rock’n’Roll is a State of the Soul” e che resterà aperta fino al 29 settembre 2019 in due prestigiosi palazzi storici della città (ingresso €12,00 adulti / €10,00 under 18).

IL FESTIVAL
SUMMER JAMBOREE 20th Anniversary
Senigallia (Ancona), dal 31 luglio all’11 agosto 2019

Il Festival: il programma
Dal 31 luglio si entrerà nel vivo della programmazione musicale e culturale del Summer Jamboree XX in un crescendo fino all’11 agosto.
Musicisti fenomenali sono in arrivo da Stati Uniti, Canada, Colombia, Germania, Regno Unito, Spagna, Belgio, Svizzera, Argentina e Italia. Emblemi viventi della storia dell’epoca si esibiranno accanto ai nuovi frutti di quella stessa storia, a testimonianza continua che il R’n’R ha ancora molto da dire e da dare. Esclusive europee, prime italiane, spettacoli speciali attendono gli appassionati. www.summerjamboree.com
La storia del Rock’n’Roll anni Cinquanta arriva con i pionieri Jimmy Clanton USA e Jimmy Gallagher USA. Il primo, Jimmy Clanton ha attraversato gli anni Cinquanta da teenager e star del R’n’R grazie al singolo “Just a Dream”. Esponente del R’n’B della Gulf coast, divenne famoso anche perché il mitico Alan Freed lo volle come attore in quello che poi divenne il più importante film sul Rock’n’Roll di sempre: “Go, Johnny, Go”. Tra le numerose onorificenze, è stato inserito in diverse “Hall of Fame”. Il nome di Alan Freed si ritrova anche nella biografia di Jimmy Gallagher, leader di uno dei gruppi che hanno contribuito a fare la storia del Doo-wop nella scena newyorchese anni Cinquanta: The Passions.
Saranno i travolgenti LOS LOBOS a intonare “Happy Birthday Summer Jamboree!” dal palco dell’Hawaiian Party on the beach 2019. Il leggendario quintetto di Los Angeles (USA) sarà in esclusiva nazionale a Senigallia (Ancona, Marche) il prossimo 5 agosto, per festeggiare insieme a decine di migliaia di fan da tutto il mondo, la XX edizione del Festival Internazionale di musica e cultura dell’America anni ’40 e ’50. Il mix di Rock’n’Roll, Tex-Mex, Country, Folk, R&B, Blues e musica tradizionale Spanish e Mexican proposto dai LOS LOBOS è impareggiabile e semplicemente perfetto per questa speciale festa d’estate.

Il Festival: i numeri
19 le edizioni passate del Summer Jamboree, nel 2019 in programma l’edizione 20. Dalle 35 alle 40 mila presenze giornaliere per oltre 420.000 presenze all’edizione 2018. 4 i continenti dai quali arrivano gli spettatori. 12 location a Senigallia in cui si svolgono, anche contemporaneamente, i diversi eventi durante il Festival per un totale di 21.000 metri quadri di suggestivi spazi cittadini che accolgono l’evento, a cui si aggiungono la spiaggia ed i luoghi al chiuso come Teatro e Rotonda. 5 i palchi allestiti, di cui 3 nel centro storico di Senigallia, 200 ore di musica programmata tra concerti e Record hop. 43 straordinari concerti di Rock’n’Roll, Swing, Rhythm'n'Blues, Rockabilly, Country, Doo Wop, di cui 39 ad ingresso gratuito, che vedranno la partecipazione di oltre 200 artisti (tra musicisti e DJ) protagonisti di un carnet stellare fatto di icone delle origini insieme ai leader attuali di una musica che vivrà per sempre. 1 magico Hawaiian party sulla spiaggia di velluto di Senigallia. Più di 160 le persone dello staff coinvolte. 250.000 i visitatori unici annui del sito internet Summerjamboree.com.
Oltre 100 testate giornalistiche regionali, nazionali e internazionali hanno seguito il Summer Jamboree 2018.
Gli hashtag #SummerJamboree #SummerJamboree2018 hanno registrato solo su instagram oltre 15.000 post nel 2018. La pagina Facebook del Summer Jamboree ha superato i 160.000 fan e i post sul Summer Jamboree nei giorni a ridosso della scorsa edizione del Festival hanno avuto una copertura di oltre 2 milioni di contatti. I video dedicati alla XIX edizione del Summer Jamboree, superato le 850.000 visualizzazioni e sono stati condivisi su migliaia di bacheche.

Al di là dei numeri importanti ciò che viene riconosciuto da tutti (partecipanti, operatori economici, stampa, artisti e istituzioni) al Summer Jamboree è il suo inconfondibile clima gioioso di “good vibrations”.
Il filo conduttore che accomuna il pubblico del Festival è la voglia di divertimento pulito, l’originalità e un’autentica energia positiva. Un pubblico così diverso al suo interno (dalla nicchia per cui ogni anni viene pensata la line up a chi si affaccia per la prima volta a questa cultura musicale) e al contempo accomunato dalla gentilezza e dalla gioia che esprime in ogni momento è motivo di orgoglio mondiale per l’organizzazione del Summer Jamboree e le istituzioni che lo sostengono.


The Summer Jamboree Hall of Fame
Sono centinaia gli artisti provenienti da tutto il mondo che hanno calcato i palchi del Summer Jamboree in questi primi 20 anni di edizione, tra icone delle origini del Rock’n’Roll insieme ai leader attuali di una musica che vivrà per sempre. Solo per citarne alcuni: Jerry Lee Lewis (USA), Chuck Berry (USA), Gaynel Hodge (USA), Fluke Holland (USA), Stray Cats (USA), Ben E. King (USA), Teenagers (USA), Duane Eddy (USA), Gary U.S. Bonds (USA), Freddy “Boom Boom” Cannon (USA), Narvel Felts (USA), Wanda Jackson (USA), The Bobbettes (USA), The Cleftones (USA), Ray Campi (USA), Wee Willie Harris (UK), Original Comets (USA), Bobby Brooks Wilson (USA), Gary “Detroit” Wiggins (USA), Linda Gail Lewis (USA), Ondrej Havelka and His Melody Makers (CZ) insieme agli italianissimi Greg, Max Paiella, Edoardo Bennato, Gino Santercole, che al Festival hanno presentato progetti dedicati e indelebili cammei come quelli dello storico amico Renzo Arbore (ITA) che sostiene da sempre “il Summer Jamboree perché rappresenta una occasione molto speciale per vivere e apprezzare lo Swing, il Rock’n’Roll e la straordinaria cultura musicale di quell’epoca, rendendoci felici”.
Il Summer Jamboree è stato anche il primo nel 2006 ad portare al grande pubblico in Italia il Burlesque, lo spogliarello vintage, tra sensualità ed ironia di cui Dita Von Teese (USA) ne è una icona vivente. Proprio Dita Von Teese ha fatto la sua prima esibizione pubblica in Italia al Summer Jamboree del 2007 e in quell’occasione il fotografo Amedeo Turello Montecarlo, ha realizzato il primo shooting fotografico di moda fatto da Dita proprio a Senigallia nei luoghi emblematici del Festival (Rotonda a mare e Foro Annonario) che si potrà ammirare nelle sale espositive.

Il Festival: le testimonianze d’eccezione
Una delle voci più autorevoli in campo nel panorama mondiale Dale Watson (USA), cantante, chitarrista e autore ospite all’edizione 2018, ha decretato il Summer Jamboree quale festival migliore al mondo, il migliore esempio che lui abbia mai visto di un evento che celebra e diffonde ‘roots music’: “This Festival is just the BEST! Questo Festival è il miglior esempio che io abbia mai visto di un evento che celebra e diffonde roots music in una così grande scala. Il più affascinanti festival di sempre”.

“I have never seen so many happy people all together. Around every corner of the city everyone has a smile” Gary U.S. Bonds (“Non ho mai visto tanta gente felice tutta insieme. Girando ad ogni angolo della città hanno tutti il sorriso in volto”).

“Siete un pubblico fantastico! Sono molto felice di essere qui! Voglio ritornare anche il prossimo anno” …Potrebbe sembrare una frase di circostanza se non fosse che a pronunciarla dal palco del Summer Jamboree è stato Chuck Berry durante il suo strepitoso concerto a Senigallia nel 2011.

“Un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati del rock primigenio, dello stile American Graffiti” Rolling Stone

“…il Summer Jamboree rappresenta una occasione molto speciale per vivere e apprezzare lo Swing, il Rock’n’Roll e la straordinaria cultura musicale di quell’epoca, rendendoci felici”.
Renzo Arbore