Robert Griffith – Passages / Passaggi

Firenze - 04/10/2011 : 22/10/2011

Come designer di oggetti in cui sia la forma che la funzione sono fondamentali, siano essi oggetti di mobilio o accessori, Griffith mette in mostra soluzioni ragionate ed eleganti a “problemi” funzionali del design, oltre a illustrare la serie di misure necessarie per produrre un oggetto industriale con un proprio specifico scopo.

Informazioni

  • Luogo: SACI - PALAZZO DEI CARTELLONI
  • Indirizzo: Via Sant'antonino 11 - Firenze - Toscana
  • Quando: dal 04/10/2011 - al 22/10/2011
  • Vernissage: 04/10/2011 ore 19.30
  • Autori: Robert Griffith
  • Generi: design, arte contemporanea, personale
  • Orari: dal Lunedì al Venerdì ore 9-19, sabato e domenica ore 13-19.

Comunicato stampa

La varietà di opere presentate in PASSAGGI fornisce un ottimo esempio della creatività e del talento di Robert Griffith, riuscendo
a sfumare con delicatezza i confini tra artista e designer, espressi senza alcun accenno di scontro o sacrificio tra le due identità.
Il titolo PASSAGGI potrebbe riferirsi sia agli sviluppi concettuali e tecnici affrontati dall’artista che ad un punto di passaggio fisico
tra tempo e spazio


Come designer di oggetti in cui sia la forma che la funzione sono fondamentali, siano essi oggetti di mobilio o accessori, Griffith
mette in mostra soluzioni ragionate ed eleganti a “problemi” funzionali del design, oltre a illustrare la serie di misure necessarie
per produrre un oggetto industriale con un proprio specifico scopo. Al contempo, i suoi valori estetici non vengono mai
compromessi. L’attenzione che Griffith mostra verso i dettagli formali, quali la combinazione di diversi materiali, tessuti e colori,
evidenzia una grande sensibilità e la conoscenza profonda del design e della costruzione di ciascun oggetto.
Come artista, Griffith si distanzia dall’industrializzazione e preferisce concentrarsi sui significati talvolta annacquati dalla
produzione di massa, cercando di ricontestualizzare i suoi oggetti attraverso una visione della loro esistenza come curiosità
scultoree anzichè come strumenti prettamente pratici. L’artista non perde mai di vista le proprie motivazioni iniziali nel creare
lavori di precisione fortemente espressivi, incrociati con perspicaci animazioni e da un’umorismo che è bilanciato
intelligentemente con l’esecuzione controllata dei dettagli e delle forme.
Il recente passaggio di Griffith in Italia ha aperto per l’artista una nuova area espressiva dove ha potuto contemplare le
interazioni tra storia dell’arte, artigianato storico e l’importanza del costante adattamento delle tradizioni allo stile di vita
contemporaneo. Questa ricerca di equilibrio è parallela al continuo alternarsi nelle opere di Griffith tra l’artista ed il designer,
che finiscono con l’essere indispensabile sostegno l’una dell’altro.
La SACI Gallery è orgogliosa di avere l’opportunità di presentare i lavori di Griffith ad un pubblico internazionale, quello di Studio
Art Centers International, nonchè alla comunità fiorentina. E’ assai appropriato esibire le opere di Griffith in un contesto
rinascimentale, vista l’ispirazione che l’artista ne ha tratto durante la loro lavorazione.
Naomi Muirhead, Coordinatrice SACI Gallery