Riccardo Varini

Reggio Emilia - 16/02/2019 : 28/02/2019

Il celebre fotografo, amico e discepolo di Luigi Ghirri, mette in mostra le immagini realizzate durante la lavorazione del docu-film L’Appennino che suonava di Alessandro Scillitani.

Informazioni

  • Luogo: LIBRERIA PUNTO EINAUDI STRAND
  • Indirizzo: via Emilia San Pietro 22 - Reggio Emilia - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 16/02/2019 - al 28/02/2019
  • Vernissage: 16/02/2019 ore 18,30
  • Autori: Riccardo Varini
  • Generi: fotografia, personale

Comunicato stampa

La grande fotografia d’autore italiana incontra la musica, il ballo, le tradizioni e il cinema: inaugura sabato 16 febbraio alle ore 18.30 a Reggio Emilia la personale di Riccardo Varini, amico e discepolo di Luigi Ghirri che durante la lavorazione del docu-film L’Appennino che suonava di Alessandro Scillitani ha realizzato una quantità di immagini nei luoghi in cui si sono svolte le rievocazioni dei balli, le esecuzioni dal vivo dei musicisti e le raccolte di testimonianze



Durante l’inaugurazione verrà presentato il trailer del film L’Appennino che suonava, in anteprima assoluta al Cinema Rosebud di Reggio Emilia martedì 19 febbraio.

Sarà presente, oltre al fotografo e al regista, il musicista Paolo Simonazzi con la sua ghironda.

L’esposizione, che verrà allestita alla Libreria Punto Einaudi Strand di Reggio Emilia (in via Emilia San Pietro 22) sarà visitabile fino al 28 febbraio.

Riccardo Varini nasce nel 1957 a Reggio Emilia. Fondamentali nel suo percorso sono l’incontro con Luigi Ghirri e il “chiarismo” della scuola di Guidi e Morandi. Sue opere e pubblicazioni sono archiviate allo CSAC (Centro Studi e Archivio della Comunicazione) dell’Università di Parma, alla Fototeca Panizzi di Reggio Emilia, al MAXXI di Roma, nelle Biblioteche Civiche di Modena e Matera nonché presso numerosi collezionisti in Italia, Francia e Germania.

Info su Riccardo Varini: http://riccardovarini.it/.

Info su Alessandro Scillitani e calendario aggiornato delle presentazioni de L’Appennino che suonava: https://www.alessandroscillitani.com/.