Rebirth-day 2014 – La Mela del Terzo Paradiso

Pontinia - 18/12/2014 : 18/12/2014

Azione performativa che si propone di realizzare una struttura rappresentante La Mela Reintegrata di Michelangelo Pistoletto, opera monito alla necessaria presa di coscienza dell’uomo (artificio) che nel tempo sta divorando la mela (natura), la quale, senza un’azione decisa e consapevole, non potrà essere reintegrata.

Informazioni

Comunicato stampa

Prosegue nell’ambito della rassegna Last Christmas I gave you my Map per l’80° di Fondazione della Città di Pontinia, la partecipazione del MAP Museo Agro Pontino al Rebirth-day, Giornata Universale della Rinascita, ideata dall’artista contemporaneo Michelangelo Pistoletto all’interno del progetto Terzo Paradiso.

Inaugurato il 21 dicembre 2012, il Rebirth-day è un appuntamento annuale di mobilitazione globale, low impact, sostenibile, attento ai temi ambientali e promotore di un modello di sviluppo adeguato a una pratica di contenimento

Avviene nel segno del Terzo Paradiso, mito contemporaneo che sottolinea l’importanza per l’umanità di conciliare e coniugare l’artificio con la natura, passando finalmente al tempo della “responsabilità della coscienza”.

Dopo Hug the change, show the flag | Rebirth-day 2013 - l'installazione artistica che lo scorso anno ha riprodotto il Simbolo del Terzo Paradiso nella piazza antistante il Museo – è la volta de La Mela del Terzo Paradiso, azione performativa che si propone di realizzare una struttura rappresentante La Mela Reintegrata di Michelangelo Pistoletto, opera monito alla necessaria presa di coscienza dell’uomo (artificio) che nel tempo sta divorando la mela (natura), la quale, senza un’azione decisa e consapevole, non potrà essere reintegrata.
L’evento a cura di Francesco Saverio Teruzzi e Lorenza Lorenzon, in collaborazione con Artivazione e l’Istituto Comprensivo G. Verga di Pontinia, rientra in un percorso etico-responsabile di arte e società: a seguito della performance urbana realizzata con la partecipazione attiva degli studenti, la Mela esposta negli spazi del Museo rimarrà aperta a tutta la cittadinanza per il conferimento di materiali in alluminio destinati al riciclo.








Che cos'è il Terzo Paradiso?

È la fusione tra il primo e il secondo paradiso. Il primo è il paradiso in cui gli esseri umani erano totalmente integrati nella natura. Il secondo è il paradiso artificiale, sviluppato dall’intelligenza umana attraverso un processo che ha raggiunto oggi proporzioni globalizzanti. Questo paradiso è fatto di bisogni artificiali, di prodotti artificiali, di comodità artificiali, di piaceri artificiali e di ogni altra forma di artificio. Si è formato un vero e proprio mondo artificiale che, con progressione esponenziale, ingenera, parallelamente agli effetti benefici, processi irreversibili di degrado a dimensione planetaria. Il pericolo di una tragica collisione tra la sfera naturale e quella artificiale è ormai annunciato in ogni modo. Il progetto del Terzo Paradiso consiste nel condurre l’artificio, cioè la scienza, la tecnologia, l’arte, la cultura e la politica a restituire vita alla Terra, congiuntamente all'impegno di rifondare i comuni principi e comportamenti etici, in quanto da questi dipende l'effettiva riuscita di tale obiettivo. Terzo Paradiso significa il passaggio ad un nuovo livello di civiltà planetaria, indispensabile per assicurare al genere umano la propria sopravvivenza. Il Terzo Paradiso è il nuovo mito che porta ognuno ad assumere una personale responsabilità in questo frangente epocale. Il Terzo Paradiso è raffigurato simbolicamente da una riconfigurazione del segno matematico dell'infinito. Con il “Nuovo Segno d’Infinito” si disegnano tre cerchi: i due cerchi opposti significano natura e artificio, quello centrale è la congiunzione dei due e rappresenta il grembo generativo del Terzo Paradiso.

(Michelangelo Pistoletto)