Rebecca Moccia – Coraggio

Roma - 26/09/2017 : 04/11/2017

L’intera esposizione è stata ideata e modellata sullo spazio che la ospiterà, è composta di interventi principalmente site specific e vuole essere guardata come un ambiente unitario creato dalla relazione di singole opere.

Informazioni

  • Luogo: ROSSMUT
  • Indirizzo: Via dei Reti, 29/b - Roma - Lazio
  • Quando: dal 26/09/2017 - al 04/11/2017
  • Vernissage: 26/09/2017 ore 19
  • Autori: Rebecca Moccia
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

La Galleria Rossmut è lieta di presentare lo special project “Coraggio”, dell’artista Rebecca Moccia, che inaugurerà martedì 26 settembre alle ore 19.00.
L’intera esposizione è stata ideata e modellata sullo spazio che la ospiterà, è composta di interventi principalmente site specific e vuole essere guardata come un ambiente unitario creato dalla relazione di singole opere. Il progetto, lontano dalla necessità di un luogo asettico per il suo godimento, prevede, infatti, che siano le opere stesse con le loro reciproche influenze a creare il presupposto necessario per la loro fruizione, come in una costruzione narrativa


La prima tappa di questo percorso inizia all’esterno della galleria con l’opera “Coraggio”, affissa su un cartellone pubblicitario nelle adiacenze dello spazio espositivo, un’opera questa che si propone concettualmente come linea guida e iniziazione alla mostra.
La riflessione attuata da Moccia sul Coraggio verte sull’attitudine dell’artista che da sempre si carica della responsabilità di custodire il senso dell’esperienza visiva, dell’immaginazione, dei tempi e i modi del fare improduttivo, arricchente, poetico e dissidente.
Questa potenzialità intima diventa per l’artista una resistenza quotidiana all'inutilità. Nelle parole con le quali l’artista stessa descrive il progetto, trova spazio una sorta d’incitamento a guardare ogni gesto o oggetto quotidiano come politico per ritrovarvi un’umanità intesa come “natura umana”, fatta di pensieri, idee e immagini che resistono all’inesorabilità della sopravvivenza. “E’ necessario avere il coraggio di agire in modo autonomo e pieno di significato rispetto a quanto la società richiede: il che può anche significare non agire, passare il tempo a immaginare, strappare il tempo al consumo, ragionare su quello che è giusto o non giusto fare, lottare, essere anacronistici, interessarsi ai fenomeni semplici”.






Biografia dell’artista
Rebecca Moccia nata a Napoli nel 1992, vive e lavora a Milano.

Dopo il diploma in Scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano nel 2014, consegue la Laurea in Storia e critica dell’arte presso l’Università statale di Milano dopo un periodo di ricerca in merito alle avanguardie brasiliane svolto presso il MAC USP, Museo de arte contemporanea da universidade di San Paolo (Brasile).

Il suo percorso espositivo inizia nel 2012 con la mostra collettiva “L’intimità dell’immagine come luogo comune” a cura di Gianni Caravaggio presso ViaFarini , DOCVA, a Milano. Negli anni seguenti le collettive alle quali partecipa sono: “ Ni Dieu Ni Maitre” del 2012 a cura di Andrea Bruciati presso la Galleria Massimodeluca di Mestre (VE); “Incontro” nel 2013, a cura di Bernard Rudiger e Gianni Caravaggio presso Réféctoire des Nonnes, ENSBA a Lione; “Extradelicato 2” (2014) a cura di Claudio Corfone Via Privata pantelleria 5 a Milano; “Chaotic Passion” (2015) a cura di Anna Lovecchio presso CHAN, Museo d’arte contemporanea di Villa Croce a Genova; “Throwing balls in the air” (2016) per l’Academiae Youth Art Biennale a cura di Christiane Rekade e Francesca Boenzi presso la Fortezza/Franzenfeste di Bressanone.

Il 2015 è l’anno della sua prima mostra personale “Sempre più di questo”, a cura di Lorenzo Bruni presso la Galleria Massimodeluca di Mestre(VE), seguita nel 2016 da “Substantial” con Ornaghi&Prestinari con il contributo di Ginevra Bria presso lo spazio The Open Box di Milano.

Parallelamente alla produzione artistica, Rebecca Moccia scrive articoli di critica per riviste di arte contemporanea, come “Arteecritica” e “ Dasartes Brasil”, oltre a realizzare progetti che mettono in discussione le modalità di fruizione e sviluppo dell’arte contemporanea come le tre edizioni di “Studi Festival”, festival delle mostre negli studi degli artisti e negli spazi indipendenti di Milano del quale è co-ideatrice insieme all’artista Claudio Corfone.
Del 2017 è il progetto di personal newsletter che la vede redattrice di una newsletter periodica riguardante il suo lavoro e tematiche calde del mondo dell’arte, seguibile su iscrizione dal sito dell’artista (www.rebeccamoccia.it).