Progetto XXI: Artecinema per il sociale

Napoli - 06/10/2016 : 08/10/2016

Progetto XXI: Artecinema per il sociale - Una partnership fra Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee e Artecinema.

Informazioni

Comunicato stampa

rogetto XXI: Artecinema per il sociale
Una partnership fra Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee e Artecinema

Giovedì 6 e venerdì 7 ottobre, ore 11:00 (Accademia di Belle Arti di Napoli): incontri con gli artisti
Venerdì 7 ottobre, ore 10:00 (Istituto Francese di Napoli): proiezioni per le scuole
Venerdì 7 ottobre, ore 10:00 (Istituto Penale Minorile di Nisida) e sabato 8 ottobre, ore 10:00 (Casa circondariale di Secondigliano): proiezioni per i detenuti

La Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee diviene, da quest'anno, partner di Artecinema, il Festival internazionale di film sull'arte contemporanea: in occasione della sua 21ª edizione, Artecinema entra a far parte di Progetto XXI, piattaforma di ricerca proposta da Fondazione Donnaregina per sostenere e diffondere su tutto il territorio regionale campano le pratiche e le narrazioni della contemporaneità, sviluppando rapporti con altri soggetti istituzionali, pubblici e privati, in grado di delineare un vero e proprio “sistema del contemporaneo” regionale.

In linea con le finalità generali di Progetto XXI questa partnership è dedicata, in particolare, al rafforzamento dell’impegno nel sociale già avviato dal Festival nella scorsa edizione: saranno proposte iniziative mattutine, esterne ai teatri in cui si svolge abitualmente il Festival, con l’obiettivo di avvicinare alle culture del contemporaneo contesti e pubblici più ampi, dagli studenti delle scuole secondarie e dell’Accademia di Belle Arti di Napoli ai detenuti dell'Istituto Penale Minorile di Nisida e della Casa circondariale di Secondigliano.

Da giovedì 6 a sabato 8 ottobre 2016 saranno quindi proposti da Artecinema e Fondazione Donnaregina proiezioni straordinarie, focus di approfondimento, workshop con registi, attori e fotografi.

Giovedì 6 e venerdì 7 ottobre, alle ore 11:00 (Accademia di Belle Arti di Napoli) si terranno un incontro e un workshop con la regista Mo Scarpelli e i fotografi afghani Massoud Hossaini e Farzana Wahidy, protagonisti del film Frame by Frame (regista: Mo Scarpelli, Stati Uniti, 2015; durata: 85 minuti; lingua: inglese e dari):

In Afghanistan, durante il governo talebano, scattare fotografie era considerato un reato. Con la caduta del regime, nel 2001, la stampa libera ha riconquistato la libertà d'espressione ed ha avuto inizio una vera e propria "rivoluzione fotografica". Attraverso l'adozione dei meccanismi di ricerca ed espressione del cosiddetto "cinema-verità", articolandosi fra interviste intime, immagini di tragico realismo e filmati d'archivio inediti scampati alla censura, il film segue quattro fotografi afghani mentre documentano la pericolosa realtà di questi territori dilaniati da anni di guerra: Najibullah Musafer, Wakil Kohsar, Farzana Wahidy e Massoud Hossaini (vincitore quest'ultimo del Premio Pulitzer nel 2012).
La regista del film, Mo Scarpelli, è una documentarista e giornalista multimediale con esperienza decennale. Ha fondato la casa di produzione Rake Films. I suoi film no-profit su temi di urgente significato sociale sono stati proiettati presso l'Organizzazione Mondiale della Sanità, le Nazioni Unite e in numerose iniziative a scopo umanitario, in Africa, Asia, Europa e Stati Uniti. Ha lavorato per la BBC, il Wall Street Journal, l'Africa Review, l'Huffington Post e Narratively.

Venerdì 7 ottobre, ore 10:00 (Istituto Francese di Napoli): proiezione dei film Les gènies de la grotte Chauvet e La Mason Unal, alla presenza del regista Christian Tran, che incontrerà gli studenti di diversi Licei e Istituti superiori della Campania. Per prenotazioni contattare Christophe Chillio al numero 081 7616262 o scrivere a [email protected]

Les gènies de la grotte Chauvet (regista: Christian Tran, Francia, 2015; durata: 52 minuti; lingua: francese):

Scoperte nel 1994 in Francia, nell’Ardèche, le pitture della Grotta del Pont d’Arc, o Grotta Chauvet, risalenti a 36.000 anni fa, rappresentano una delle più antiche testimonianze artistiche dell’umanità. Queste immagini rivelano un’abilità eccezionale e rivoluzionano ogni precedente idea di arte preistorica. Per preservare questo inestimabile patrimonio è stata realizzata una replica della grotta a grandezza naturale con la riproduzione fedele di tutte le opere. Un’équipe formata da esperti della scultura e pittura preistorica ha seguito i lavori, analizzato i materiali usati dagli uomini preistorici e indagato le loro tecniche e la loro abilità nello sfruttare ogni piega della roccia per dare vita alle immagini. Accompagnati dalle osservazioni dell’artista catalano Miquel Barceló, il film segue il procedere dei lavori.
Christian Tran è ingegnere del suono e regista. Dal 2002 al 2006 ha realizzato documentari a tematica sociale come L’école en campagne, Poste restante, Le temps de l’urgence, presentati e premiati in vari Festival. Dal 2008 affronta argomenti più legati alla creatività artistica, come in Picasso et Sima, le modeleur d’amitié e La grotte Chauvet: si loin, si proche. È parte attiva del collettivo Artis creato nel 1992 e formato da una decina di operatori con competenze diverse in campi come fotografia, tecnica del suono, arti grafiche, regia.

La Mason Unal (regista: Julien Donada, Francia, 2013, durata: 26 minuti, lingua: francese):

La Casa Unal, situata nel cuore di una foresta nel dipartimento dell'Ardèche in Francia, è stata progettata dall'architetto Claude Häusermann-Costy e costruita da Joël Unal dal 1972 al 2008. È un'abitazione unifamiliare, una casa composta da varie sfere o "bolle" intercomunicanti, senza nessun angolo retto, un perfetto esempio di architettura scultorea. Per tutti i volumi è stata usata un'unica tecnica di costruzione: calcestruzzo steso a mano in un'armatura metallica, che ne fanno uno dei capolavori dell'architettura contemporanea.
Julien Donada, nato ad Antibes, è un cineasta e fotografo che ha sviluppato nei suoi progetti un interesse particolare per l'architettura e l'urbanistica. Regista di diversi documentari di architettura, ha realizzato tra l'altro: À propos du Bunker, 1998; Le musée Guggenheim de Bilbao, 2004; Soudain la Grande Motte, 2008; Les visionnaires, 2013. Il film sull'attore Daniel Duval,Beau rivage, 2010, è stato il suo primo lungometraggio, ambientato nel sud della Francia come numerosi suoi progetti precedenti. Tra i suoi documentari citiamo anche: À San Remo, 2003; Hôtel provençal, été 76, 2007; Signé Zehrfuss, 2013; Kanak!, 2013;L’étrange histoire d’une expérience urbaine, 2016; Beaubourg à 40 ans!, 2016.

Venerdì 7 ottobre, ore 10:00 (Istituto Penale minorile di Nisida) e sabato 8 ottobre, ore 10:00 (Casa circondariale di Secondigliano): proiezione del film Garden in the Sea (regista: Thomas Riedelsheimer, Messico, Germania, 2011, durata: 68 minuti, lingua: spagnolo e inglese)

Invitata a realizzare un’opera per l’isola di Espiritu Santo, in Messico, la scultrice spagnola Cristina Iglesias ha creato un labirinto di stanze sommerse che, favorendo la vita marina, si erge a sigillo e monito per la protezione e valorizzazione di quest’area naturalistica, dichiarata dal 2005 "sito Unesco". Realizzata con un particolare cemento a pH compatibile con l’acqua marina, l'opera è collocata a 14 metri di profondità nella Bahia de Candelero ed è composta da un insieme di 14 grate, alte 3 metri, che formano due insiemi di ambienti. Il film documenta la lunga gestazione dell’opera, durata quattro anni, celebrando l’unione tra arte, scienza e impegno civile in difesa dell’ambiente. Una suggestiva fotografia e le musiche di Stephan Micus e Hector Martell contribuiscono a restituire la misteriosa bellezza e l’atmosfera incantata di questi luoghi.
Thomas Riedelsheimer è nato nel 1963 e ha studiato Cinema e Televisione a Monaco di Baviera, dove vive e lavora. Nel 2008 ha fondato con Stefan Tolz la casa di produzione cinematografica Filmpunkt GmbH . È membro della German and European Film Academy. Ha vinto numerosi premi nazionali e internazionali per il cinema e la televisione e ha partecipato a numerosi Festival. Dal 2007 è docente alla Filmakademie Ludwigsburg. Tra i suoi film: Rivers and Tides, 2000; Seelenvögel, 2009, Breathing Earth: Susumu Shingu’s Dream, 2012.