Perché lo faccio perché. La vita poetica di Giulia Niccolai

Bologna - 06/05/2022 : 15/05/2022

Il progetto racconta la storia artistica della poetessa, traduttrice e artista Giulia Niccolai (1934-2021) ripercorrendo le tappe salienti della sua vita professionale tramite documenti, fotografie, testi, registrazioni e opere provenienti dall’archivio Maurizio Spatola, dalla Fondazione Echaurren-Salaris, dalla Biblioteca Italiana delle Donne di Bologna e da archivi privati.

Informazioni

Comunicato stampa

La mostra Perché lo faccio perché. La vita poetica di Giulia Niccolai, a cura di Allison Donahue Grimaldi e Caterina Molteni, è allestita presso il Padiglione de l'Esprit Nouveau a Bologna (Piazza della Costituzione 11) dal 7 al 15 maggio 2022 maggio, come Main Project della decima edizione di ART CITY Bologna.
Il progetto racconta la storia artistica della poetessa, traduttrice e artista Giulia Niccolai (1934-2021) ripercorrendo le tappe salienti della sua vita professionale tramite documenti, fotografie, testi, registrazioni e opere provenienti dall’archivio Maurizio Spatola, dalla Fondazione Echaurren-Salaris, dalla Biblioteca Italiana delle Donne di Bologna e da archivi privati



Già fotografa negli anni Cinquanta, Niccolai si afferma come poetessa concreta, visiva e sonora tra la fine degli anni Sessanta e gli inizi degli anni Ottanta, partecipando in modo attivo a esperienze chiave del rinnovamento del linguaggio poetico del tempo, come il Gruppo 63, la rivista “TAM TAM” di cui è co-direttrice insieme ad Adriano Spatola, la casa editrice Geiger e il Dolce Stil Suono, prendendo parte a diverse mostre e manifestazioni tra cui Materializzazione del linguaggio, 1978, a cura di Mirella Bentivoglio, in occasione della XXXVIII Biennale di Venezia.
La sua ricerca poetica, visiva e sonora di quegli anni si distingue per un particolare utilizzo del non sense, innescato da sperimentazioni di concretismo morfologico che ironicamente aprivano il linguaggio a nuovi nessi semantici e soluzioni verbo-visive.
Il concretismo lessicale era spesso associato all’impiego di oggetti semplici assemblati sotto forma di collage insieme a brevi formule lessicali. I giochi linguistici diventavano così strumenti per riabilitare oggetti e attività considerate femminili - rocchetti da cucito, il ricamo, la macchina da scrivere, bottoni, spilli - trasformandoli in veri e propri ‘poemi’.
Traduttrice e intermediaria per numerosi poeti e poetesse straniere, oltreché redattrice in riviste di settore, Niccolai si è distinta per una posizione partecipante ma spesso tenuta ai margini della storia ufficiale, diventando una figura essenziale ma non adeguatamente riconosciuta nei circuiti di arte e poesia.

Il progetto espositivo viene presentato con una visita in anteprima riservata alla stampa convocata per venerdì 6 maggio alle h 11.
L'incontro si svolgerà nel rispetto delle norme di contenimento del contagio da coronavirus. Per accedere è necessario indossare la mascherina di tipo Ffp2.
I rappresentanti dei media e gli interessati che desiderano accreditarsi sono pregati di confermare la partecipazione, entro le h 16 di giovedì 5 maggio 2022, rispondendo a questa email.


Il film di Sergio Racanati su Giulia Niccolai da non perdere...

La pellicola dedicata all’artista e letterata tra avanguardia e sperimentalismo è inserita nella mostra “Perché lo faccio perché. La vita poetica di Giulia Niccolai”, Main Project di ART CITY Bologna 2022