Peca e Koh Kisung – God & Mezcal Yuri

Roma - 10/04/2021 : 29/05/2021

Doppia personale degli artisti Peca e Koh Kisung, God & Mezcal e Yuri.

Informazioni

  • Luogo: DOROTHY CIRCUS - GALLERY
  • Indirizzo: Via Dei Pettinari 76 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 10/04/2021 - al 29/05/2021
  • Vernissage: 10/04/2021 no
  • Autori: Peca, Koh Kisung
  • Generi: arte contemporanea, doppia personale

Comunicato stampa

La Dorothy Circus Gallery di Roma è orgogliosa di presentare al suo pubblico romano
la doppia personale degli artisti Peca e Koh Kisung, God & Mezcal e Yuri, che
inaugureranno in data 10 aprile 2021 presso la sede di Via dei Pettinari 76, 00186,
Roma


In tempi così difficili per tutti, la galleria è lieta di ospitare nuovamente nei suoi spazi
romani due artisti la cui ricerca è cosi profondamente legata ai temi della spiritualità e
della connessione umana con la natura e con l’universo, attraverso una profonda sintonia
con gli equilibri del pianeta e con la componente emotiva dell’essere umano.
Mai più che ora risulta infatti imprescindibile per noi tutti lo sviluppo e la cura della
parte più spirituale delle nostre anime, con particolare attenzione al rapporto tra
l’umanità e la natura che ci circonda, ed è attraverso queste due nuove serie inedite di
Peca e Koh Kisung che siamo orgogliose di inviare questo messaggio di pace e
serenità.
Attraverso le personali God & Mezcal e Yuri, infatti, la ricerca curatoriale della
Dorothy Circus Gallery pone ancora l’accento sull’equilibrio uomo - natura - universo,
in un circolo intimo e simbolico che viene innescato dalle potenti tele degli
artisti in mostra. Se Peca infatti veicola attraverso le sue grandi tele la sempre costante
attenzione all’inconscio, vicina a tutti i pittori surrealisti, attraverso il quale ha
sviluppato e sviluppa un pattern di figure danzati nell’Universo, Kisung Koh si
mostra ancora una volta interessato ad una ricerca meticolosa di omaggio nei confronti
di quella stessa natura che Peca pone tra le costellazioni, in un certosino lavoro
ad olio che sembra immortalare nella grezza tela le anime stesse degli animali raffigurati.
Un attenzione particolare nei confronti della luce, una profonda componente intima
ed emotiva, una padronanza magistrale della tecnica pittorica, sono solo alcuni dei
fattori che accomunano due artisti che, pur mantenendo differenti backgrounds e influenze,
declinano i loro personaggi quasi perfettamente per l’occasione, in un
viaggio che lascia il fruitore spostarsi dalle germoglianti radici di un bosco fino alle
stelle incandescenti del firmamento.
Le nuove nascite e i felici inizi che già in occasione della personale Metaforamorfoses
di Rafael Silveira erano state celebrate presso la Dorothy Circus Gallery vengono
ancora una volta omaggiate in questi tempi di sconforto attraverso anche l’affetto
e il supporto che manifestiamo al neo-padre Koh Kisung, la cui personale non a
caso prende il nome della primogenita Yuri nata in occasione del primo lockdown.
A mediare la riflessività e minuzia della Minhwa coreana di Kisung, la mostra proposta
declina il pepe dell’argentina Peca che, anche grazie alla forte influenza legata
a nomi importanti del figurativo sudamericano come Frida Kahlo, ci riporta in un
mondo di battaglie civili e attenzione nei confronti sì dell’universo, ma anche e
soprattutto di ciò che ci sta sotto.
A cavallo tra l’onirico e il fantastico, Peca si rivela in tutta la sua natura soggettivista,
per dirla con il critico e curatore Nathan Spoor, attraverso come l’artista stessa rivela
“il lavoro artistico, l’introspezione, la meditazione ed il mio spirito esistenzialista”
che conducono il visitatore nel suo mondo di figure fantastiche ed estremamente affascinanti
allo stesso tempo.
Nella speranza che God & Mezcal e Yuri possano rappresentare il cibo per l’anima di
cui ora più che mai si ha disperatamente bisogno, nel rafforzare l’idea di arte come
collante tra gli individui in tempi in cui non è possibile neanche toccarsi, la Dorothy
Circus Gallery si stringe intorno ai suoi amati visitatori e clienti e augura a tutti di
venire investiti da quanta più Yuri (“luce divina” in ebraico) possibile.
-
About Dorothy Circus Gallery
La Dorothy Circus Gallery è uno spazio dedicato alle avanguardie figurative dell’arte contemporanea
internazionale, Pop Surrealism born in USA, Street Art, pittura e scultura figurativa italiana
ed europea. Apre a Roma nel 2007, “al confine tra New York e il paese delle Meraviglie”, portando
per la prima volta sulla scena dell’arte contemporanea italiana artisti di rinomata fama internazionale.
Con sede nel centro storico di Roma e, dal 2018, nell’affascinante Connaught Street, a
Londra, la Dorothy Circus Gallery alza ogni giorno il proprio sipario su un prestigioso programma
dedicato al ritorno di una pittura figurativa d’ispirazione surrealista, arricchita da un mix di sfumature
e dettagli onirici di intento spir-ituale e da una simbologia animista, che si è fatta amare e riconoscere
grazie ad un icono-grafia pop completamente innovativa e al tempo stesso fortemente
legata alla tradizione della pittura classica. In un continuo scouting internazionale di artisti, selezionati
per la loro originalità e abilità tecnica, la DCG seleziona talenti da tutto il mondo, in un
alternarsi delle più intriganti tendenze del contemporaneo, sia dal codice surreale e pop, ma altrettanto
di tradizione pittorica e scultorea iperrealiste o di tendenza street, selezionando l’artista che
si distingue per la forte identità che non emula i facili parametri proposti dalle mode.