Patrizio Travagli

Milano - 27/09/2012 : 03/11/2012

Edward Cutler Gallery è lieta di presentare una mostra di opere recenti dell'artista Italiano, Patrizio Travagli (n. 1972, Firenze).

Informazioni

  • Luogo: EDWARD CUTLER GALLERY
  • Indirizzo: Via Dell'orso 12 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 27/09/2012 - al 03/11/2012
  • Vernissage: 27/09/2012 ore 18
  • Autori: Patrizio Travagli
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

Edward Cutler Gallery è lieta di presentare una mostra di opere recenti dell'artista Italiano, Patrizio Travagli (n. 1972, Firenze). La mostra si concentrerà su opere dipinte, frutto della sua ricerca nel campo della fisica della luce. La mostra si svolgerà dal 28 settembre al 3 novembre, con un'anteprima giovedì 27 settembre, ore 18:00 – 21:00.
L'effetto astratto e visivamente elettrico dei dipinti sorprendenti di Travagli arriva da un processo sia chimico sia fisico ottenuto in un arco di tempo di anni

Il primo atto della lavorazione, in genere su tela e pannelli di legno, è la preparazione della base, fatta con pennellate importanti, per l'applicazione delle foglie metalliche. Queste foglie, descritte dall'artista come "cellule", hanno subito un processo di ossidazione (per dirla con l'artista di “acquisizione di informazioni dall'ambiente”) che è iniziato anni prima, nello studio dell'artista o nella sua scuola d'Arte di Firenze. Oro, argento, alluminio, rame, ottone, materiali usati da Travagli, assumono un aspetto diverso nel tempo. Le foglie, conservate una sopra l'altra in contenitori aperti, assumono colorazioni in forme astratte, attraverso una mutazione che è determinata da fluttuazioni di temperatura, luce ed umidità.
Ciò si traduce in un archivio di cellule che nel corso del tempo hanno progressivamente cambiato aspetto, assorbendo informazioni dallo stesso ambiente vissuto dall'artista. Queste sono poi selezionate da Travagli per creare opere, in un processo di applicazione che egli stesso paragona alla creazione di mosaici attraverso l'accurato posizionamento della singola tessera colorata.
Le superfici sono costruite da dialoghi che emergono tra le varie cellule. Qualcuna si frammenta e consente di scorgere un'altra superficie alternando ossidazioni a superfici intonse, forse suggerendo un'altra dimensione. I dipinti cominciano ad assumere le loro caratteristiche individuali, ciascuno assolutamente unico e non ripetibile, anche se contenenti materiale genetico simile l'uno all'altro.
L'atto finale è l'applicazione di una vernice che arresta il processo di ossidazione, congelando il tempo al suo stato attuale, e fermando il cambiamento. La realizzazione dei dipinti Travagli è dunque solo il capitolo finale di un processo iniziato anni prima con la conservazione delle foglie: la chiusura di un ciclo.
Per ulteriori informazioni e immagini si prega di contattare la galleria
Note per i redattori
Patrizio Travagli si è laureato presso l'Accademia di Belle Arti di Firenze nel 1993, e dal 1995 ha regolarmente insegnato pittura e scultura presso istituti d'arte in giro per l'Italia. Nel 2003 ha fondato, e ne è tutt'ora il Direttore, dell'Accademia d'Arte Ad'A a Firenze. Dal 1996 ha esposto le sue opere a livello internazionale in mostre collettive e personali, nel 2011 ha esposto durante la 54° Biennale di Venezia ("Bulk" Nel Padiglione del Costa Rica), e ha partecipato ad in un'installazione commemorativa dell'Ospedale degli Innocenti a Firenze ("Aleph - Figli d'Italia "). Il suo lavoro si trova in collezioni private e corporate in Svizzera, Italia, Austria, Olanda, Russia ed Emirati Arabi.
La Edward Cutler Gallery opera in associazione con la John Martin Gallery di Londra (www.jmlondon.com) e con la Marc de Puechredon di Zurigo e Basilea (www.puechredon.com). L'obiettivo dello spazio milanese è quello di introdurre alcuni degli artisti più popolari e di successo delle gallerie di Londra e di Zurigo, ma anche quello di esporre per la prima volta una nuova generazione di artisti scoperti da Edward Cutler stesso. La galleria, situata nel cuore di Brera, si è recentemente spostata nel secondo cortile interno di Via Dell'Orso 12, uno spazio luminoso, diviso in tre sezioni che si sviluppa su 110 m2.