Pasolini presente

Tolmezzo - 11/08/2017 : 13/08/2017

Con la direzione artistica affidata alla curatrice Michela Lupieri, per la prima volta il capoluogo carnico ospita una rassegna di tre giorni caratterizzata da un’offerta culturale ampia e diversificata tesa sia a presentare il legame di Pasolini con le Arti, in particolare il cinema e la musica, sia il suo rapporto con il Friuli.

Informazioni

Comunicato stampa

La Città di Tolmezzo, in collaborazione con l’Associazione di promozione sociale RESET, è orgogliosa di presentare, tra gli eventi collaterali di Tolmezzo Città Alpina dell’anno 2017, la rassegna Pasolini presente dedicata a uno degli intellettuali più interessanti, complessi e controversi del Novecento, Pier Paolo Pasolini



Con la direzione artistica affidata alla curatrice Michela Lupieri, per la prima volta il capoluogo carnico ospita una rassegna di tre giorni caratterizzata da un’offerta culturale ampia e diversificata tesa sia a presentare il legame di Pasolini con le Arti, in particolare il cinema e la musica, sia il suo rapporto con il Friuli. Per evidenziare la complessità della produzione pasoliniana, la rassegna si articola nella mostra Pasolini presenta/e. Pier Paolo Pasolini nella collezione Egidio Marzona a Palazzo Frisacco, nella proiezione di Appunti per un’Orestiade africana al Nuovo Cinema David e nel concerto La musica dei film di Pasolini, parte della rassegna Carniarmonie, nel cortile del Museo carnico Michele Gortani.
Ulteriori eventi collaterali che vedranno coinvolti figure di spicco del panorama culturale italiano come il critico cinematografico Roberto Chiesi, responsabile del Centro Studi – Archivio Pasolini della Cineteca di Bologna arricchiranno la rassegna nei mesi a seguire. Strutturata in tale modo Pasolini presente punta sia a coinvolgere un pubblico ampio ed eterogeneo sia a dialogare strettamente con il tessuto cittadino, agendo nei diversi spazi culturali che lo costituiscono.

La rassegna si contraddistingue per il coinvolgimento e l’eccezionale sinergia tra Enti pubblici e realtà private che in una collaborazione di rara efficacia hanno garantito l’unicità del progetto. Fondamentali, quindi, sono il contributo elargito dalla Fondazione Friuli a sostegno della mostra, la collaborazione con il Comune di Fagagna e con lo Studio Valle Architetti Associati di Udine. La rassegna beneficia del patrocinio del Centro Studi Pier Paolo Pasolini di Casarsa, dell’UTI della Carnia e di Turismo FVG. Inoltre sostengono l’intera iniziativa i partner: il Centro Studi – Archivio Pier Paolo Pasolini della Fondazione Cineteca di Bologna, la Fondazione Luigi Bon di Tavagnacco, il Museo Carnico “Michele Gortani” e il Nuovo Cinema David di Tolmezzo. Fondamentale è anche la presenza degli sponsor tecnici Graphica, Forgiarini e Studio Foto Livio di Tolmezzo. La progettazione grafica della rassegna è a cura di Valentina Bigaran.


La rassegna si apre venerdì 11 agosto a Palazzo Frisacco con l’inaugurazione della mostra Pasolini presenta/e. Pier Paolo Pasolini nella collezione Egidio Marzona, evento principale attorno a cui ruotano le altre iniziative. Per la prima volta, in Italia e nel mondo, si espone la collezione su Pasolini di Egidio Marzona, collezionista italiano sia fondatore dell’Art Park, parco di sculture all’aperto di Villa di Verzegnis (Ud) sia proprietario di uno dei più importanti archivi sulle Avanguardie del XX secolo esposto in maniera permanente a Dresda in Germania. La collezione su Pasolini, minima se considerata la vastità del suo archivio, è tuttora in continua espansione e si compone dei manifesti, delle locandine e delle fotobuste cinematografiche originali, di produzione italiana e internazionale, dei film per i quali Pasolini è stato sia regista sia sceneggiatore. Essa comprende anche un insieme eterogeneo di documenti come i romanzi e i saggi scritti dall’autore, alcune raccolte di poesie in lingua friulana, articoli di giornale, riviste, rari libri d’artista, fotogrammi dei film e fotografie scattate da importanti fotoreporter italiani. Il titolo della mostra Pasolini presenta/e è un gioco di parole fra la dicitura «P.P. Pasolini presenta» che si trova impressa su molti dei manifesti cinematografici e l’aggettivo “presente”. Il filo della narrazione, infatti, si sviluppa sul tema della presenza di Pasolini oggi: la presenza e il ritorno in un determinato luogo e la permanenza nel ricordo. In un percorso espositivo strutturato secondo un criterio cronologico e volto a dare voce all’archivio e ai materiali di cui esso stesso è composto, due sezioni puntuali raccontano il legame di Pasolini con il territorio friulano. Nella prima, affidata alla curatela di Angela Felice - direttrice del Centro Studi Pier Paolo Pasolini di Casarsa della Delizia - una selezione accurata di frasi in lingua italiana e friulana e un “paesaggio sonoro” affidato alla voce dell’attore Massimo Somaglino conducono il visitatore nell’universo poetico Pasoliniano. Nella seconda, grazie alla collaborazione con lo Studio Valle Architetti Associati di Udine, sono esposti i progetti della tomba di Pasolini ideata dall’architetto Gino Valle nel 1977. La mostra è stata curata dal gruppo di lavoro internazionale: Michela Lupieri (curatore incaricato), Monika Branicka, Karol Jóźwiak (comitato curatoriale), Angela Felice (curatore invitato) ed è accompagnata da un catalogo bilingue italiano/inglese con i testi di Michela Lupieri, Angela Felice, Monika Branicka, Karol Jóźwiak e Pietro Valle.

La rassegna prosegue sabato 12 agosto al Nuovo Cinema David dove, grazie all’importante collaborazione con il Centro Studi – Archivio Pier Paolo Pasolini della Cineteca di Bologna si proietta Appunti per un’Orestiade africana. Si tratta di un documentario sperimentale girato da Pasolini tra il dicembre 1968 e il febbraio 1969 e rimasto pressoché inedito per alcuni anni. La Rai, infatti, benché avesse prodotto il film si rifiuta di farlo uscire nelle sale, decidendo di proiettarlo solamente nel Novembre 1975, dopo la morte dell’autore. Nel 2005, la pellicola viene restaurata dalla Cineteca di Bologna. Appunti per un’Orestiade africana è un diario di viaggio, un saggio di immagini in movimento sui luoghi attraversati da Pasolini per un film sull’Africa ispirato alla tragedia dell’Orestiade di Eschilo. Gli Appunti di questo “film da farsi” però, non rimasero che tali, perché il film non fu mai portato a compimento. Le immagini che scorrono mostrano un continente uscito da duri secoli di colonialismo e sono accompagnate dalla voce del poeta-regista che descrive lo spazio come un luogo colpito da un “violento e magico processo di metamorfosi, che dal mondo arcaico lo conduce verso la modernità”. Il documentario ambientato in Africa è stato selezionato dai curatori della rassegna poiché nonostante sia stato girato oltre 40 anni fa, tratta problematiche ancora fortemente attuali. Se lo stesso Pasolini si era mosso con l’intento di “riattualizzare” la tragedia di Eschilo, legandola al contesto sociale della nuova “democrazia africana”, così la versione abbozzata degli Appunti è, per i curatori della rassegna, quel momento di congiunzione che collega il “passato” - la premonizione - del pensiero pasoliniano, alle problematiche più urgenti del “presente” a noi contemporaneo.

A chiusura della rassegna, il 13 agosto si presenta il concerto La musica dei film di Pasolini grazie ad una importante collaborazione con la Fondazione Luigi Bon. Il concerto è inserito nella celebre rassegna Carniarmonie, quest’anno giunta alla 26^ edizione. Il suggestivo cortile del Museo carnico delle Arti e Tradizioni popolari Michele Gortani fa da cornice al trio della prestigiosa Berliner Philharmonike. I musicisti sono chiamati ad interpretare le musiche che poi divennero colonna sonora dei film del poeta di Casarsa: da Bach a Rustichelli, attraverso Vivaldi, Mozart, Chopin, Verdi, Endrigo, Modugno e negro spiritual. Il trio è composto dai prestigiosi musicisti di fama internazionale Luiz Felipe Coelho al violino, Clemens Weigel al violoncello, Salvatore Percacciolo al pianoforte, formatisi nelle accademie più importanti e protagonisti in concerti di assoluto spessore.


PROGRAMMA

Venerdì 11 agosto 2017
Palazzo Frisacco
Via Renato del Din 7
Ore 18.00

Inaugurazione della mostra Pasolini presenta/e. Pier Paolo Pasolini nella collezione Egidio Marzona
A seguire aperitivo curato da Tilly’s catering

Apertura mostra: 12 agosto - 5 novembre
Orario estivo: dal 12.08 al 15.10 | h. 10.00 – 12.30 e 15.30 – 19.00
Orario invernale: dal 16.10 al 5.11 |h. 10.30 – 12.30 e 17.00 – 19.00

Martedì chiuso
Ingresso gratuito

Informazioni:
Palazzo Frisacco, tel. 0433.41247

Sabato 12 agosto
Nuovo Cinema David
Piazza Centa 1
Ore 18.00
Ingresso gratuito

Proiezione del documentario Appunti per un’Orestiade africana (regia di P.P. Pasolini, anno 1970, durata 65 minuti, lingua italiano sottotitolato inglese).
Versione restaurata nel 2005 dal Centro Studi – Archivio Pier Paolo Pasolini della Cineteca di Bologna
La proiezione del documentario è preceduta da una breve presentazione.

Domenica 13 agosto 2017
Cortile del Museo carnico delle Arti e Tradizioni popolari Michele Gortani *
Via della Vittoria 2
Ore 20.45
Ingresso libero

Concerto La musica dei film di Pasolini con il prestigioso trio della Berliner Philharmonike
Ingresso gratuito

ll concerto è preceduto da una visita guidata gratuita alla mostra con i curatori Michela Lupieri e Karol Jóźwiak.
Ora visita guidata: 19.00
Durata della visita circa 30 minuti.

Informazioni:
Museo Carnico delle Arti e tradizioni popolari Michele Gortani, tel. 0433.43233
Carniarmonie http://carniarmonie.it

* in caso di maltempo il concerto si terrà al Teatro Candoni (Via 25 Aprile).


PASOLINI PRESENTE

è un progetto promosso dalla Città di Tolmezzo e parte degli eventi collaterali di Tolmezzo Città Alpina 2017, in collaborazione con l’Associazione di promozione sociale RESET

Con il contributo di: Fondazione Friuli

Con il patrocinio di: UTI della Carnia, Turismo FVG, Centro Studi Pier Paolo Pasolini di Casarsa

Partner della mostra: Comune di Fagagna, Studio Valle Architetti Associati di Udine
Partner della rassegna: Nuovo Cinema David di Tolmezzo, Centro Studi – Archivio Pier Paolo Pasolini della Cineteca di Bologna, Museo Carnico delle Arti e Tradizioni Popolari “Michele Gortani” di Tolmezzo, Fondazione Luigi Bon di Tavangnacco, Carniarmonie

Sponsor tecnici: Graphica, Studio Foto Livio, Forgiarini di Tolmezzo


Staff:
Direzione artistica e curatore incaricato: Michela Lupieri
Comitato curatoriale: Monika Branicka, Karol Jóźwiak
Curatore invitato: Angela Felice
Progetto grafico: Valentina Bigaran