Paolo Peroni – Warm Till I Burn

Torino - 30/01/2020 : 07/03/2020

L’approccio scultoreo D-I-Y, che caratterizza la ricerca di Peroni, trova qui l’entusiasmo per il lavoro con la materia.

Informazioni

  • Luogo: BARRIERA
  • Indirizzo: Via Crescentino 25 - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 30/01/2020 - al 07/03/2020
  • Vernissage: 30/01/2020 ore 19
  • Autori: Paolo Peroni
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: su appuntamento

Comunicato stampa

Barriera presenta Warm Till I Burn di Paolo Peroni. A partire da una serie di lavori inediti, realizzati per l’occasione, la mostra suggerisce una messa in scena di figure immaginarie sospese nell’ambiguità semiotica. L’approccio scultoreo D-I-Y, che caratterizza la ricerca di Peroni, trova qui l’entusiasmo per il lavoro con la materia e le sue molteplici possibilità espressive e metaforiche. Liberati dalla loro funzione primaria, che ne determinava anche l’aspetto estetico, gli elementi di elettrodomestici che costituiscono le opere emergono dall’oscurità dell’epidermide urbano

Sono osservati e osservanti, da oggetto si trasformano in soggetto, emancipandosi dalla loro destinazione d’uso e trasformandosi in agenti di pulsioni inattese.

||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||

Paolo Peroni è nato nel 1984 a Cuggiono, Milano. Vive e lavora a Torino.
Al centro della sua ricerca vi è il processo metamorfico, che appare spesso come il risultato della trasformazione di natura biologica sconosciuta, fasi sospese di sviluppi organici interrotti o capovolti. Dalle sue opere: sculture, oggetti e installazioni, si propaga l’energia e carica interiore della materia, per certi versi inquietante, che nasce da un interesse per la dimensione tangibile delle cose, per quei territori ignoti dell’inconscio della realtà ambientale.

Le sue ultime mostre personali e collettive includono Out of hands, Radius, Kiyv; Maze, Italian Institute of Culture, Cairo; ZONA MACO fair, Raffaella de Chirico Arte Contemporanea, Città del Messico; Luciano Benetton Collection, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino; Orizzonti a parte, Museo Francesco Messina, Milano; Sudari Da Caccia, Raffaella De Chirico Arte Contemporanea, Torino.

Federico Chiari è nato nel 1985 a Milano. Vive e lavora tra Milano e Torino.
Ha collaborato come sound designer, musicista e field recordist con artisti come Cleo Fariselli, Anna Franceschini e Diego Marcon. Attualmente sta lavorando a un libro sulla storia della musica techno hardcore.

||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||

Barriera è uno spazio no-profit per l’arte contemporanea, fondato nel 2007 da un gruppo di collezionisti nel quartiere multiculturale e operaio di Barriera di Milano. Barriera è a cura di Sergey Kantsedal
Assistente: Yuliya Say