Ouverture

Asolo - 29/08/2014 : 27/09/2014

Svernissage è lieto di ospitare Ouverture, nuovo progetto che mette insieme le sensibilità di Michele Spanghero e Michele Tajariol, due dei più significativi giovani artisti del panorama italiano.

Informazioni

Comunicato stampa

Svernissage è lieto di ospitare Ouverture, nuovo progetto che mette insieme le sensibilità di Michele Spanghero e Michele Tajariol, due dei più significativi giovani artisti del panorama italiano. Ouverture raccoglie il grande lavoro ambientale a quattro mani realizzato dagli artisti appositamente per lo spazio asolano di Svernissage, nonché una decina di fotografie scattate nel medesimo luogo da Spanghero e Tajariol, ciascuno dei quali ha condotto un’indagine personale su una delle stanze dell’edificio


La mostra nasce dalla volontà di apportare un cambiamento agli spazi della casa e alle sue dinamiche di fruizione, modificando la volumetria e l’acustica di una delle stanze grazie all’aggiunta di un pavimento sospeso in legno rivestito di bianco. La superficie, completamente calpestabile, ricalca la planimetria della sala da pranzo ed è anche il luogo in cui è collocato l’impianto audio e le sculture che permettono di ascoltare le ricerche sonore attuate su quello stesso ambiente.
La mostra è inoltre occasione per mettere a confronto differenti approcci alla pratica performativa e all’analisi percettiva. Michele Tajariol sceglie infatti di realizzare degli autoscatti in bianco e nero indossando degli oggetti presenti in quel luogo, lasciando che essi si imprimano in maniera scultorea sul proprio corpo e nel contempo attestando la sua presenza come traccia registrata bidimensionale nelle stampe fotografiche. Michele Spanghero, invece, ha scattato delle fotografie che documentano superfici di bianco di differente densità presenti all’interno della stessa stanza, proseguendo l’indagine sui luoghi espositivi e sui musei intrapresa con la serie Exhibition Rooms.
La mostra sarà corredata da una pubblicazione con le immagini delle opere realizzate per lo spazio e il testo del curatore.

Svernissage
È uno spazio di sperimentazione visiva, studio lavorativo e nel contempo dimora privata di due appassionati collezionisti di Asolo che amano condividere gli spazi e mettere in discussione le proprie idee.

Michele Spanghero
Nato a Gorizia nel 1979 si è laureato in Letteratura Moderna all’Università di Trieste e ha frequentato corsi di musica elettronica, improvvisazione e sound design. La sua attività si focalizza principalmente sulla musica (come contrabbassista) e sulla sound art. Parallelamente conduce anche un percorso di sperimentazione visiva con particolare interesse verso il medium fotografico.
Ha pubblicato dischi per varie etichette tra cui Palomar Records, Gruenrekorder e MiraLoop.

Michele Tajariol
Nato a Pordenone nel 1985 si è diplomato all’Accademia di Belle Arti di Carrara e ha frequentato i corsi presso la Tokyo Zokey University (J). La sua opera è frutto di una ricerca legata all'affettività degli oggetti di uso comune che abitano i luoghi domestici.
Il suo recente lavoro è focalizzato sulla documentazione di proprie performance compiute senza pubblico, in cui avviene una lettura degli spazi in forma intima e con intenso coinvolgimento corporale. Fotografia e installazione servono così a restituire in una nuova modalità linguistica l’esplorazione emotiva registrata individualmente.
Ouverture
Michele Spanghero
Michele Tajariol
a cura di Daniele Capra
vernissage venerdì 29 agosto, 7 pm
from August 30 to September 27, 2014
by appointment only
Svernissage
Via Cipressina, 1
31011 Asolo, Treviso (I)
www.svernissage.com
[email protected]
+39.340.6295528
+39.347.9712092
Svernissage is delighted to host Ouverture, a new project that combines the creative awareness of Michele Spanghero and Michele Tajariol, two among the most significant young artists in the Italian art scene.
For the purpose of this exhibition, both Spanghero and Tajariol carried out a personal investigation on Svernissage, a domestic venue located in Asolo, Northern Italy. The result is Ouverture a project that gathers a selection of photographs taken in the house by the two artists, as well as their joint large scale site specific installation.
Ouverture aims at physically changing the domestic space of Svernissage and its dynamics of fruition by modifying the volume and acoustics of one of its rooms thanks to a suspended white wooden floor. This completely walkable area equals that of the room it occupies and harbors the audio system and sculptures reproducing the fruit of the sound research conducted in this very space.
Ouverture is also a precious opportunity to compare the artists’ different approaches towards performance and perceptive analysis. Michele Tajariol chose black and white self-portraits taken in the house in which he wears the objects that populate the rooms, letting them impress upon his body like a sculpture, simultaneously affirming his presence through the two-dimensional record of photographic prints.
Michele Spanghero instead portrayed the geometric patterns designed by white surfaces of different densities scattered around house, going further in his research on exhibition venues and museums started with the photographic series Exhibition Rooms.
The exhibition is accompanied by a publication with photos of the works realized for Svernissage coupled with a text by the curator.

Svernissage
Svernissage is a place of visual experimentation and research as well as the private abode of two passionate art collectors from Asolo who enjoy sharing their house and bringing their ideas into question.

Michele Spanghero
Michele Spanghero (Gorizia, 1979) is sound and visual artist.
He graduated in Modern Literature at the University of Trieste, and has attended workshops on electronic and improvised music, sound design and video making. His research mainly focuses on music (as a double-bass player) and sound art. On the side he also works on visual experimentation with particular interest towards the photographic medium. He has released music records under several labels such as Palomar Records, Gruenrekorder and MiraLoop

Michele Tajariol
Born in Pordenone in 1985, he graduated from the Fine Arts Academy of Carrara and attended classes at Tokyo Zokey University (J). His works deal with the affection of those objects that populate domestic spaces and our everyday life.
His latest work focuses on the documentation of live performances without audience where the artist intimately and physically interprets the space around him. This way, the photographic medium and the installation render in a new linguistic code the emotional exploration the artist recorded individually.