Osvaldo Parco Progetti Creativi

Trieste - 28/02/2014 : 28/02/2014

Presentazione di Osvaldo, l’unico progetto del Friuli Venezia Giulia semifinalista al Premio Cultura CHE FARE. Osvaldo ha l’obiettivo di creare un legame significativo tra la cittadinanza udinese ed il parco dell’ex ospedale psichiatrico di Sant’Osvaldo a Udine, sede del locale Dipartimento di Salute Mentale e già da 20 anni teatro di importanti esperienze di riabilitazione ed integrazione sociale.

Informazioni

Comunicato stampa

OSVALDO
parco progetti creativi
in collaborazione con Etrarte : Kallipolis : CipArt-Itaca

Venerdì 28 febbraio alle ore 18 al DoubleRoom arti visive, verrà presentato anche a Trieste da Elena Tammaro e Federica Manaigo, Associazione culturale Etrarte, Nadia Vedova, Associazione di promozione sociale Kallipolis, e Catia Liani, Gruppo CipArt - Cooperativa sociale Itaca, il progetto OSVALDO PARCO PROGETTI CREATIVI, l’unico progetto del Friuli Venezia Giulia semifinalista al Premio Cultura CHE FARE

Osvaldo ha l’obiettivo di creare un legame significativo tra la cittadinanza udinese ed il parco dell’ex ospedale psichiatrico di Sant’Osvaldo a Udine, sede del locale Dipartimento di Salute Mentale e già da 20 anni teatro di importanti esperienze di riabilitazione ed integrazione sociale.
Il sogno è rendere Sant’Osvaldo il nuovo parco creativo della città di Udine.

Da Palazzo conTemporaneo a Osvaldo. Il format di riqualificazione partecipata e creativa degli spazi urbani è stato selezionato tra 700 progetti nazionali. Ora, insieme ai 40 scelti, concorre al premio Che Fare, riconoscimento nazionale per l’innovazione culturale: 100.000 euro in palio per il miglior progetto innovativo. Sarà il pubblico a decretare gli 8 finalisti attraverso le votazioni on-line tramite la piattaforma messa a disposizione dal sito Che Fare e a fine marzo una giuria di esperti decreterà il vincitore. L’Associazione Etrarte, capofila del progetto “Osvaldo”, e i partner Kallipolis di Trieste e Comunità Nove di Udine (gestita dalla Cooperativa Sociale Itaca) si mobilitano per raccogliere il sostegno necessario a portare avanti il progetto.