Oltre il territorio

Pesaro - 14/07/2013 : 08/12/2013

L'obiettivo non e' solo di ricostruire l'operato dei tre personaggi, ma di allargare lo sguardo al mondo della cultura attraverso flash tematici sul mondo dell'arte e della sua produzione.

Informazioni

  • Luogo: DESIGN STORE FONDERIA CERAMICHE BUCCI
  • Indirizzo: Strada Della Romagna 143 - Pesaro - Marche
  • Quando: dal 14/07/2013 - al 08/12/2013
  • Vernissage: 14/07/2013
  • Generi: arti decorative e industriali
  • Orari: giugno - settembre: da martedì a domenica 10,00 -13,00 e 16,30 -19,30; luglio - agosto: martedì, mercoledì, venerdì, sabato, domenica 10,00 - 13,00 e 16,30-19,30; giovedì 10,00 - 13,00 / 16,30 - 19,30 / 21,30 - 23,30. dal 10 al 23 agosto in occasione del Rossini Opera Festival tutti i giorni 10,00 - 13,00 e 16,30 - 23,30; da ottobre: martedì, mercoledì, giovedì 10,00 - 13,00, venerdì, sabato, domenica e festivi 10,00 - 13,00. 15.30-18.30

Comunicato stampa

I Musei Civici di Palazzo Mosca si presentano nel nuovo assetto

Domenica 14 luglio i Musei Civici di Palazzo Mosca si svelano nel loro assetto rinnovato; per l'occasione è prevista un'apertura continuata dalle 10 alle 22 con visite guidate ogni mezz'ora alle nuove sale e alla mostra 'Oltre il territorio'. L'ingresso per la giornata inaugurale è gratuito fino a 19 anni e per tutti i possessori della nuova card Pesaro Cult, acquistabile presso la biglietteria dei musei già a partire da metà giugno

Con validità annuale e un costo di 3 euro, la card offre riduzioni sul biglietto d'ingresso ai Musei Civici e Casa Rossini oltre ad una serie di vantaggi e agevolazioni sull'offerta culturale cittadin.
Le novità più importanti di Palazzo Mosca riguardano le modalità espositive dei manufatti; l'allestimento del patrimonio ha tenuto conto di criteri sia cronologici che ‘emozionali' con l’obiettivo di dare costante rilievo alle eccellenze e alla grande varietà di tipologie artistiche che connota fortemente i musei pesaresi. Una sezione sarà interamente dedicata alle arti decorative con ceramiche, sculture, arredi e oggetti d'ebanisteria: l'idea è di creare una sorta di suggestiva 'sala delle meraviglie' che dia visibilità alla varietà tipologica delle raccolte civiche.

Una parte delle raccolte - le opere di maggior rilievo - sarà esposta in modo permanente, mentre ampio spazio sarà dato a mostre e iniziative di studio che consentiranno l’esposizione a rotazione annuale di ciò che finora è stato conservato nei depositi.
Palazzo Mosca sarà anche spazio per accogliere mostre temporanee pensate per indagare il territorio e le sue tradizioni culturali. La prima mostra, visitabile già dal 14 luglio, è Oltre il territorio dedicata agli artisti Franco Bucci, Massimo Dolcini e Gianni Sassi e curata da Roberto Pieracini.

Infine, il nuovo assetto può contare anche sul potenziamento dei servizi aggiuntivi con superfici destinate alla didattica, al bookshop, a incontri e conferenze con il pubblico, alla caffetteria.
I nuovi Musei Civici vogliono aprire le proprie porte soprattutto ai giovani; rientra in questa linea la gratuità per tutti i ragazzi fino a 19 anni.

----

LA MOSTRA

La mostra è dedicata a Bucci, Dolcini, Sassi, tre attori primari della comunicazione - pesaresi i primi due, milanese il terzo – che sono stati per anni, in ambiti apparentemente diversi, al centro della vita culturale italiana, uniti dall’inesauribile passione per il lavoro, oltre che da profonda stima e affetto reciproco e da senso di appartenenza al territorio. Si definivano designer, cioè progettisti, elevando il loro lavoro - ceramista Bucci, grafico e comunicatore Dolcini, grafico e operatore culturale Sassi - fino ad annullare la distanza tra le arti belle e le arti applicate. L’esposizione è curata da Roberto Pieracini, prima ceramista e poi grafico e designer della comunicazione, testimone diretto di questa storia. La mostra parte dalle esperienze progettuali dei tre iniziando da Pesaro, che da sempre è stata una città che ha prodotto cultura e, in questo caso, punto di incontro delle loro complesse personalità. L'obiettivo non è solo di ricostruire l’operato dei tre personaggi, ma di allargare lo sguardo al mondo della cultura attraverso flash tematici sul mondo dell'arte e della sua produzione. In mostra, infatti, ci si potrà soffermare su percorsi e momenti d’incontro di “altri” mondi progettuali che a Pesaro e con i suoi cittadini hanno trovato una loro appartenenza, una vicinanza culturale che, perlomeno in alcuni frangenti storici, ha permesso l’elaborazione di progetti comuni riuscendo a costruire una rete di interessi, di ricerche uniche ancora oggi.

L'evento segue un filo cronologico che va dagli anni '60 ai '90 del Novecento, con alcuni flash dedicati anche agli anni più recenti. Il percorso approfondisce in modo diretto e coinvolgente gli universi paralleli e complementari delle arti, della comunicazione, del design e della grafica attraverso l’esposizione di ceramiche, manifesti, sculture, dipinti, progetti, installazioni, documenti, testimonianze e audiovisivi. Sono presenti opere e produzioni di Vangi, Sguanci, Spallacci, Bertini, Bruni, Mattiacci, Arnaldo Pomodoro, Piattella, Ceroli, Colla, Nanni Valentini, Xerra, Grapus, Balan. Attraverso questo “viaggio” emergono così diversi elementi e concetti: la contaminazione tra arte e design, frutto del fermento politico e intellettuale di quegli anni; l’importanza delle ‘scuole’ come luogo altamente formativo; il ruolo della pubblica amministrazione pesarese dell'epoca, pronta e coraggiosa a riconoscere autonomia progettuale ai progettisti di ogni ambito, creando quella irripetibilie ‘sinergia’ tra amministrazione-progettista-cittadini, che ha elevato e potenziato l’efficacia comunicativa e la validità delle operazioni culturali del periodo. Esperienza unica, questa, che ancora oggi è considerata come esempio di eccellenza in Italia e all’estero.