Odili Donald Odita – Odili Odita

Milano - 30/05/2016 : 17/09/2016

La mostra, curata da Robert C. Morgan e Michele Bonuomo, presenterà una selezione di opere appositamente realizzate per l’esposizione.

Informazioni

Comunicato stampa

M77 Gallery presenta, da martedì 31 maggio a sabato 17 settembre 2016, la mostra Odili Odita, personale del pittore afroamericano Odili Donald Odita.

Nato nel 1966 a Enugo, in Nigeria, Odita vive e lavora negli Stati Uniti, tra Philadelphia e New York. Il suo lavoro si rifà alle esperienze degli astrattisti afroamericani degli anni Settanta e Ottanta ed esplora le dimensioni del colore come portato della storia dell’arte figurativa ma anche secondo un ideale senso di lettura sociopolitica.

La mostra, curata da Robert C. Morgan e Michele Bonuomo, presenterà una selezione di opere appositamente realizzate per l’esposizione

Tra queste, anche un lavoro site-specific: un grande wall-painting – per i quali Odita è particolarmente conosciuto e apprezzato - che investirà interamente una delle pareti della Galleria M77.

Odili Odita utilizza il colore come metafora dei codici culturali: le tonalità da lui create mirano a far risuonare echi familiari nello spettatore, favorendo le associazioni mentali e facendosi specchio della complessità del mondo. Odita infatti porta con sé una doppia eredità, occidentale e africana, che combina sapientemente nella sua ricerca estetica, per valicare nuove frontiere inesplorate.

Abbandonando la necessità di un centro gerarchico nell’immagine, Odita invita l’osservatore a muoversi, mutando punto di vista: in questo modo si aprono prospettive multiple e cangianti che donano plasticità e tridimensionalità al dipinto. Odita struttura l’immagine dall’interno, creando geometrie a incastro dalle tinte contrastanti. Sono campiture piatte, spicchi di colori che si scheggiano e si espandono, ripetendosi e variando la loro forma secondo ritmi pulsanti.

Dice l’artista: “I colori che uso sono personali: riflettono la collezione di visioni che riporto dai miei viaggi. Provare a ottenere i colori in modo intuitivo, miscelandoli manualmente e coordinandoli man mano, è uno degli aspetti che caratterizzano il mio processo di lavoro: non posso creare lo stesso colore due volte, ma solo realizzare colori che “sembrano” gli stessi. Questo aspetto è importante per me, in quanto sottolinea la specificità delle differenze che esistono nel mondo, nelle persone come nelle cose”.

Un mondo di differenze che, attraverso l’arte, può tornare a essere uno: la bellezza, per Odili Odita, è ciò che rende consapevoli e avvicina all’idea di un’unica umanità.

Nel 2007, la sua grande installazione Give Me Shelter ha avuto un posto di rilievo alla 52esima Biennale di Venezia, nell’ambito della mostra “Pensa con i sensi, senti con la mente”, su invito di Robert Storr.
Negli ultimi anni, Odita è stato incaricato di dipingere diverse installazioni a parete di grandi dimensioni, tra cui il grande murale presso The United States Mission alle Nazioni Unite a New York (2011), il Savannah College of Art and Design (2012), New York Presbyterian Hospital (2012), New Orleans Museum of Art, Kiasma, Helsinki (2011) e George C. Young, Tribunale ed edificio federale a Orlando, Florida (2013).
Lavora con gallerie prestigiose, tra cui The Jack Shainman Gallery di New York, per la quale ha anche seguito due esposizioni in veste di curatore. È stato protagonista di numerose mostre personali, tra cui Odili Donald Odita: Third Degree of Separation, Michael Stevenson Gallery, Cape Town, South Africa, 2015; Evolving Geometries: Line, Form, and Color, Center for the Arts at Virginia Tech, Blacksburg, VA, 2014. L’ultima, in ordine di tempo è stata: The Velocity of Change, a dicembre 2015 negli spazi della Jack Shainman Gallery.

Odita ha inoltre esposto nell’ambito di importanti mostre collettive, come Contemporary Art of Africa and the African Diaspora, a cura di Carol Thompson, all’High Museum of Art di Atlanta; NEW NEW YORK: Abstract Painting in the 21st Century, alla University Art Galleries & The John Young Museum of Art of Hawaii, Manoa e Represent: 200 Years of African American Art, Philadelphia Museum of Art, negli Stati Uniti.

L’esposizione Odili Odita presentata alla M77 Gallery sarà corredata da un catalogo, con testi di Robert C. Morgan e Michele Bonuomo.

ODILI ODITA

Odili Donald Odita è un pittore astratto il cui lavoro esplora il colore sia nel contesto storico dell’arte figurativa sia in senso sociopolitico. Odita ha detto: “Il colore ha in se stesso la possibilità di specchiare la complessità del mondo, tanto quanto ha il potenziale per essere cosa a sé. L’organizzazione e i motivi nei dipinti sono di mia invenzione. Io continuo a ricercare nei dipinti un’abilità metaforica di rivolgersi all’umana condizione attraverso schemi, struttura e disegno, così come la loro capacità di evocare ricordi”. Odita prosegue esprimendo il suo desiderio di parlare in favore dell’Africa e della sua ricca cultura tramite il suo lavoro.
In anni recenti, Odita ha dipinto su commissione diversi grandi installazioni murali, tra cui il dipinto alla The United States Mission alle Nazioni Unite a New York (2011), il Savannah College of Art and Design (2012), New York Presbyterian Hospital (2012), New Orleans Museum of Art (2011), Kiasma, Helsinki (2011) e il George C. Young Federal Building and Courthouse a Orlando, Florida (2013).
Odita ha esposto in musei e istituzioni nel mondo tra cui Savannah College of Art and Design; Yerba Buena Center for the Arts, San Francisco; Contemporary Arts Museum, Houston; Studio Museum in Harlem; Institute of Contemporary Art, Philadelphia; Ulrich Museum of Art, Wichita; e Princeton University.
Le sue opere sono presenti in collezioni pubbliche e private tra cui The American Council on Education, Washington; The Birmingham Museum of Art, Alabama; The Hirshorn Museum and Sculpture Garden, Washington; The Miami Art Museum, Florida; The Philadelphia Museum of Art; The Studio Museum of Harlem, New York.
Le sue ultime mostre personali includono: Evolving Geometries: Line, Form, and Color, Center for the Arts at Virginia Tech, Blacksburg, Stati Uniti, 2014;Third Degree of Separation, Michael Stevenson Gallery, Cape Town, South Africa, 2015;The Velocity of Change, Jack Shainman Gallery, New York, 2015.
Odita è nato nel 1966 a Enugu, in Nigeria. Vive e lavora a Philadelpia negli Stati Uniti. Ha ricevuto la Penny McCall Foundation Grant nel 1994, il Joan Mitchell Foundation grant nel 2001 e il Louis Comfort Tiffany Grant nel 2007. Sempre nel 2007, la sua grande installazione Give Me Shelter è stata presentata nella mostra Pensa con i sensi, senti con la mente, a cura di Robert Storr, alla 52esima Biennale di Venezia.




M77 GALLERY

La Galleria M77 ha inaugurato nel maggio 2014 a Milano in uno spazio di mille metri quadrati, nella zona strategica della “nuova” Milano, proprio di fronte alla futura città della moda. Nata dalla volontà di Giuseppe Lezzi, la M77 Gallery vuole porsi come un punto di riferimento per un collezionismo attento e informato, ma anche curioso e aperto alla migliore ricerca artistica contemporanea.
In particolare, la galleria sostiene la pittura e quei pittori che, in un continuo confronto con la tradizione, si affacciano al moderno in modo spettacolare e pieno di senso.
M77 Gallery è quindi innanzitutto un progetto culturale dove la visione del futuro e le radici del passato si compenetrano nello sforzo di interpretare il presente. Quel presente che gli artisti incarnano con la loro sensibilità, intelligenza e con opere che incontrano sempre più il favore dei critici e dei collezionisti.
M77 ha avviato una serie di importanti collaborazioni con partner di prestigio internazionale, soprattutto stringendo alleanze con le gallerie che, nel mondo, stanno scandagliando le nuove frontiere del contemporaneo.