Nuova Galleria di Gemma Detti

Manciano - 27/12/2011 : 27/12/2011

Gemma Detti, invitata a partecipare con l’opera "Il Lingotto" alla 54° Biennale di Venezia in corso al Palazzo delle Esposizioni di Torino e in mostra alla Dokkaffee Gallery di Rotterdam con la personale Downtown, apre la sua Galleria a Manciano (Grosseto).

Informazioni

Comunicato stampa

“Ho deciso di aprire una Galleria permanente perché sentivo la necessità di mostrare le opere nel mio paese di famiglia ed anche per rendere visibili le tele, che altrimenti sarebbero state rinchiuse e accatastate nel mio studio.

Avendo un’alta produzione di dipinti, all’interno di questo spazio potrò cambiare frequentemente l’esposizione delle opere e rendere il locale vivo e in continua trasformazione al mio occhio e all’occhio dei visitatori. La Galleria si trova nel centro storico di Manciano, tra altre gallerie d’arte e artigianato

La sua apertura favorirà anche lo sviluppo e l’animazione del centro storico che altrimenti, come succede in molti piccoli paesi italiani, resterebbe abbandonato.

Avere un locale adatto a mostrare le mie opere mi rende piena di gioia e di nuovi stimoli. Userò questo spazio per creare nuovi quadri ispirati sia alle mura medioevali del mio paese, sia alle grandi città d’arte italiane ed estere, dove allestirò le mie mostre future”.

Gemma Detti



Gemma Detti è nata a Roma, dove si è formata come Architetto specializzandosi nel restauro di casali, edifici storici e la costruzione di nuovi alberghi e ristoranti. Come architetto, dopo il sisma del 1980, ha passato diversi anni nel Sud d’Italia e ha progettato per la Jugoslavia e il Medio Oriente.

Gemma è un architetto che diventa artista quando si accorge che i clienti appendevano i suoi disegni alla parete, come fossero opere d’arte. Nel 1992, ha studiato le tecniche dell’affresco e della marmorizzazione a Urbino, applicandole a pareti, pannelli di gesso e mobili di legno. Oggi tratta le sue tele con una base di vernice al quarzo, per creare una superficie murale sulla quale passa successivamente molte di mani di vernice acrilica, mista a pigmenti naturali. E’ riconosciuta per la “ritrattistica architettonica”, e colpisce per le sue linee decise e i colori forti. Protagonista dei suoi quadri è la metropoli, immaginata e rappresentata con una geometria severa e dinamica. Attualmente si dedica alla ricerca e l’interpretazione di campioni emblematici del paesaggio artificiale come Londra, Milano, Firenze e Torino.



Nel 2009 le sue opere sono state selezionate dall’Istituto Italiano di Cultura per l’evento inaugurale dello spazio espositivo della sede FIAT a Londra.

Nel 2010, dopo sei anni vissuti a Londra, rientra in Italia e inizia a lavorare nel suo paese d'origine.

Lo stesso anno tiene la sua prima mostra al Rosa Grand Hotel a Milano.

Nel 2011 il suo dipinto del Lingotto è esposto alla 54 Biennale di Venezia a Torino.

Sempre nel 2011 apre una sua galleria nel suo paese in Maremma - Manciano.

A Londra è rappresentata dalla Colomb Art Gallery.