Non c’è che lasciarsi andare

Barletta - 09/01/2014 : 24/01/2014

L’esposizione prende spunto da una espressione di J.P. Sartre e diviene un inno alla libertà di azioni senza vincoli e costrizioni in un confronto artistico di grande portata tra arte digitale e nota tecnica pittorica.

Informazioni

  • Luogo: CENTRO CULTURALE ZEROUNO
  • Indirizzo: Via Enrico Cialdini 8 - Barletta - Puglia
  • Quando: dal 09/01/2014 - al 24/01/2014
  • Vernissage: 09/01/2014 ore 18
  • Curatori: Anna Soricaro
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Patrocini: Fondazione Giuseppe De Nittis

Comunicato stampa

Arte e parole all’insegna della libera espressione

Artisti: Myra Aschenbach, Matteo Boato, Vito Carta, Fulvio Rosapane

Per il 2014 la scelta tematica è basata sul binomio arte – parole e tutte le esposizioni saranno strutturate sulle citazioni di diversi testi.
L’esposizione prende spunto da una espressione di J.P

Sartre e diviene un inno alla libertà di azioni senza vincoli e costrizioni in un confronto artistico di grande portata tra arte digitale e nota tecnica pittorica: la figurazione si esprime attraverso la digitalizzazione dell’immagine come in Myra Aschenbach e Vito Carta o si materializza con Matteo Boato e diviene sinuosa alternativa rivelazione con Fulvio Rosapane. Myra Aschenbach si esprime con un progetto denominato ‘ fiori del male’ che è ispirazione chiaramente letteraria di Baudelaire e lo fa con l’arte digitale per dire con grazia, libertà e raffinatezza di un mondo straordinario. Le immagini nascono prima nella mente dell’artista e poi lì comincia il viaggio alla ricerca delle fotografie da scattare e poi stampare su tela. Vito Carta è un uomo e un artista ‘abituato a divertirsi’ la cui arte non risente affatto di incomprensione poiché riesce a restituire con l’elaborazione un’altra idea di realtà che è simile poiché le immagini da rielaborare vengono scattate con la consapevolezza della creazione, questa è l’innovazione di questo artista. Matteo Boato apporta giovinezza e vigore attraverso la trattazione, originale e raffinata insieme, di città sempre diverse rese con cromie fresche ed intense, calde e fredde. Da una visione ravvicinata di palazzi a colori passa a macro-visioni che sono inquadrature dall’alto di piazze, vie, larghi in cui lentamente si intravedono figure. Fulvio Rosapane introduce opere figurative di segno moderno e di impostazione alternativa; un’impronta tanto poco contemporanea e così altamente elegante, toni quasi sempre uguali che rendono leggiadri i protagonisti e preziosa la resa finale.
La vita non ha senso a priori. Prima che voi la viviate, la vita di per sé non è nulla; sta a voi darle un senso, e il valore non è altro che il senso che sceglierete. È la corrente che ti trascina, è la vita; non si può giudicare, né capire,non c’è che lasciarsi andare. [Jean Paul Sartre]