Nicolas Mingasson – Sentinelles

Marina di Pietrasanta - 17/05/2014 : 13/07/2014

Nicolas Mingasson volge il suo sguardo di fotografo verso le persone che vivono in situazioni estreme. Dapprima nel 1992 come fotografo di guerra interessandosi ai conflitti in Bosnia Erzegovina e successivamente in Afghanistan, e poi negli ultimi anni come reportagista nelle regioni dell’Artico russo.

Informazioni

  • Luogo: LABOTTEGA
  • Indirizzo: viale Apua, 188 55045 - Marina di Pietrasanta - Toscana
  • Quando: dal 17/05/2014 - al 13/07/2014
  • Vernissage: 17/05/2014 ore 18
  • Autori: Nicolas Mingasson
  • Curatori: Serena Del Soldato
  • Generi: fotografia, personale
  • Orari: mer, gio – dalle 15:30 alle 19:30 ven , sab, dom – dalle 15:30 alle 23:00

Comunicato stampa

Dalla prefazione del catalogo a cura di Ottavia Sartini:

“Nicolas Mingasson volge il suo sguardo di fotografo verso le persone che vivono in situazioni estreme. Dapprima nel 1992 come fotografo di guerra interessandosi ai conflitti in Bosnia Erzegovina e successivamente in Afghanistan, e poi negli ultimi anni come reportagista nelle regioni dell’Artico russo.
Due scenari piuttosto distanti fra loro; da una parte sullo sfondo c’è la guerra, il conflitto a fuoco, dall’altro ci sono distese di ghiaccio a perdita d’occhio. Ma al centro ci sono sempre loro, le persone, immerse per scelta o per costrizione in situazioni eccezionali

E’ nella loro quotidianità che Mingasson ama immergersi e poi condividere con il resto del mondo, attraverso i suoi scatti, queste esperienze.”

Biografia:
Nicolas Mingasson (1967) vive tra Parigi e Sarajevo. Sposato e padre di tre bambini dopo più di vent’anni di carriera, si dedica a fotografare persone che, per scelta o per costrizione, vivono in situazioni estreme.
Fotoreporter per Gamma e France Soir, è stato nominato nel 1993 al World Press Photo grazie ad un reportage sulla città assediata di Goražde durante il conflitto bosniaco del 1992/1995.
Nicolas MIngasson ama l’avventura e si appassiona al mondo polare dal 1995.
E’ stato, da allora uno dei pochi occidentali ad aver lavorato sia con l’Aviazione Polare Russa, che ad aver percorso regolarmente l’Artico Russo. Dei suoi viaggi ha riportato due opere: “Terre des Pôles” nel 2008 e poi “Sentinelles de l’Arctique” nel 2009, testimonianze palpitanti della vita delle popolazioni dell’Artico alle prese con il surriscaldamento climatico globale.
Nel 2010, Nicolas Mingasson è autorizzato dall’ esercito francese a seguire per un anno i soldati di un’unità di combattimento in Afghanistan. Un’esperienza unica ed eccezionale che gli permetterà di pubblicare due libri: “Journal d’un soldat français en Afghanistan” (2001, edito da Plon) e “Afghanistan, la guerra sconosciuta dei soldati francesi “(2012 edito da Acropole).
Nicolas Mingasson collabora con la stampa e in particolare con il Figaro Magazine, Vsd, e Liberation, in cui il suo blog “Sentinelles de l’Arctique” ha avuto più di 70000 visualizzazioni al mese durante la sua stesura (dal gennaio al maggio 2009).
Più recentemente Nicolas Mingasson ha realizzato una serie di otto brevi documentari etnografici sulle popolazioni dolgane del Taïmyr ( estremo nord della Siberia) per conto dell’ Universcience (raggruppamento della Città delle Scienze e dei Palazzi della Scoperta) all’interno del quadro dell’Osservatorio Fotografico dell’Artico di cui è fondatore. Struttura indipendente, l’Osservatorio è sponsorizzato da grandi esploratori come Jean Jouzel, Haigneré, Jean Malaurie e Jean-Louis Etienne.

Ore 18:00: inaugurazione mostra con la presenza dell'autrice.
Ore 19:00 aperitivo e live music. Possibilità di cenare alla nostra Salumeria, previa riservazione.