Nicola Bertoglio – Boy/Toy: Identità e Crisi

Milano - 27/05/2017 : 10/06/2017

Tecnologia digitale, robotica, replicanti, identità e crisi. L’arte di Nicola Bertoglio (Cremona, 1974), poeta d’immagini e fotografo di versi, fa tutt’uno con il suo mezzo espressivo d’elezione, l’iPhone.

Informazioni

  • Luogo: ZOIA - GALLERIA D'ARTE CONTEMPORANEA
  • Indirizzo: Piazzale della Cooperazione 1, 20153 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 27/05/2017 - al 10/06/2017
  • Vernissage: 27/05/2017 ore 18
  • Autori: Nicola Bertoglio
  • Curatori: Erika Lacava
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: martedì, mercoledì, venerdì, sabato: ore 16.00-19.00 giovedì: ore 20.00-22.00, con la presenza dell’artista

Comunicato stampa

Tecnologia digitale, robotica, replicanti, identità e crisi.
L’arte di Nicola Bertoglio (Cremona, 1974), poeta d’immagini e fotografo di versi, fa tutt’uno con il suo mezzo espressivo d’elezione, l’iPhone.

Come un moderno McLuhan, Bertoglio fa del suo strumento l’estensione del proprio corpo e ne porta alla coscienza le sue logiche deduzioni

Uomo-macchina senziente che scandaglia la propria nudità, uomo-oggetto performante che deve adattarsi, plug&play, in modo veloce e funzionale al mondo circostante, Boy/Toy prende atto della propria fragilità psichica ed emotiva, e si mostra nell'equilibrio precario in cui la sua stessa capacità di resilienza lo ha costretto, nel turbinio incosciente della società contemporanea.

Nell’epoca in cui al Parlamento Europeo viene discussa la proposta di attribuire identità elettronica agli automi, rimettendo in discussione i concetti di personalità, individualità e libero arbitrio, Nicola Bertoglio recupera, dal bagaglio emozionale e mnestico della sua infanzia, la maschera protettiva, imperturbabile e asettica dei robot con un sguardo lucidamente interrogativo e rappacificante per la reciproca convivenza, e attribuisce loro un punto fermo dietro al quale nascondersi, riconoscersi e ritrovarsi. Non a caso l’identità umana e il concetto di crisi vengono indagati da Bertoglio attraverso domande poste sia ai modelli delle sue fotografie, sia a Siri, l’assistente digitale dei dispositivi iPhone. La definizione dizionaristica e digitale del termine “crisi” viene così posta accanto, sullo stesso livello a-giudicante, alle risposte dei soggetti reali interrogati sul motivo della loro “identità di crisi”. Ne deriva un quadro senza verità, di molte domande e molte risposte diverse in una attualissima sospensione “tecnologica” del giudizio di husserliana memoria.

Completano il programma espositivo la performance @rtwork di Nicola Bertoglio, in cui soggetto e oggetto fotografico vengono mescolati fino all’annullamento del confine identitario, e la presentazione in anteprima del fumetto “Boy/Toyˉ1”, con disegni di Fabiano Caputo ispirati dalle opere di Bertoglio.
____________________________

Il fumetto “BOY/TOY -1” è nato dalla volontà di Nicola Bertoglio di andare oltre il progetto artistico in sé per fare in modo che il personaggio con la maschera di robot da lui concepito avesse una vita propria indipendente dalla stessa idea dell'artista. Grazie ad un team creativo di 5 persone, tra cui il giovane illustratore Fabiano Caputo, sono state scritte 7 storie diverse tra loro per trama, ambientazione e tratto dove il personaggio creato da Nicola Bertoglio vive storie surreali, tenere e drammatiche in un strano futuro distopico fatto di commerci inumani, disastri ambientali apocalittici, incubi urbani e inquietanti intelligenze artificiali.