Nausicaa Lab 2011-2012

Milano - 21/11/2011 : 21/11/2011

Presentazione del bando Nausicaa Lab 2011-2012. Un bando indetto dai giovani, per i giovani che si rimboccano le maniche per il rilancio dell’economia e della cultura, per stimolare l’innovazione e conservare al contempo la tradizione e la ricchezza culturale del bacino del Mediterraneo.

Informazioni

Comunicato stampa

L’associazione culturale Il Tamarindo, fondata nel 2009 dal ventitreenne Lorenzo Kihlgren Grandi,
che da allora ne ricopre la carica di Presidente, in collaborazione con The Hub Milano, è lieta di
annunciare l’apertura del bando Nausicaa Lab 2011-2012. Un bando indetto dai giovani, per i
giovani che si rimboccano le maniche per il rilancio dell’economia e della cultura, per stimolare
l’innovazione e conservare al contempo la tradizione e la ricchezza culturale del bacino del
Mediterraneo


Il bando Nausicaa Lab si rivolge ai giovani dei Paesi del Mediterraneo, che vogliano sviluppare
una Cultural Business Idea, ovvero un progetto imprenditoriale finalizzato allo sviluppo di start up
con un chiaro focus al sostegno di cultura e creatività.
Una giuria composta da accademici e professionisti selezionerà le proposte migliori e sceglierà
il progetto vincente. Il premio consiste in un abbonamento di 6 mesi per 2 persone presso The
Hub di Milano, primo centro italiano per l’innovazione sociale, in cui il team potrà sviluppare la sua
idea imprenditoriale grazie ai servizi e al network internazionale che The Hub è in grado di fornire.
Il bando mira a premiare quei progetti in grado di rispondere a criteri di sostenibilità economicofinanziaria
che creino occasioni di scambio culturale nell’area milanese in connessione con gli altri
paesi del Mediterraneo. Con il bando Nausicaa Lab, Il Tamarindo vuole infatti dare un
sostegno concreto alle energie creative delle nuove generazioni mediterranee, premiando
idee imprenditoriali che possano al contempo generare opportunità di business, stimolare
le attività culturali e creare sinergie tra i diversi Paesi del Mediterraneo.
Non solo innovazione quindi, ma anche cultura e internazionalizzazione sono i tre elementi
chiave della gara, che mira ad attirare sul territorio milanese talenti e idee innovative, che
possano dare alla città un ruolo di primo piano nel dialogo interculturale tra i paesi del
Mediterraneo, ma anche di portare nuovi input allo sviluppo economico del territorio, e a costruire
una rete dell’imprenditorialità culturale di respiro Mediterraneo.
La giuria del Bando Nausicaa Lab è composta da personalità di primo piano, attive nel campo del
supporto all’innovazione, del finanziamento alle imprese early stage e del business culturale:
Emil Abirascid, giornalista, ideatore e CEO di Startupbusiness e direttore di
Innov'azione.
Mariagrazia Andali, responsabile ideaTRE60 e Relazioni Esterne, Fondazione Italiana
Accenture.
Stefano Baia Curioni, direttore del corso di laurea specialistica ACME dell’Università
Bocconi e vice presidente del Centro di Ricerca ASK.
Federico Maria Bega, dirigente Area Mediterraneo e Medio Oriente Promos, Camera
di Commercio di Milano.
Vittoria Broggini, conservatore curatore Mostre Arte Contemporanea presso MAGA,
Museo Arte di Gallarate.
Carmelo Cennamo, docente assistant professor, Dipartimento di Management e
Tecnologia dell’Università Bocconi.
Paola Dubini, professore associato di Economia Aziendale e direttore del centro ASK
(Art, Science e Knowledge), centro di ricerca su temi legati alla cultura e all’economia,
Università Bocconi.
Jacopo Perfetti, fondatore di Art Kitchen, studio di produzione culturale nel campo
dell’arte, della creatività e del sociale.
Marco Pittini, fondatore Vela Imprese – management e capitale per le PMI.
Sergio Enrico Rossi, dirigente Area Sviluppo del Territorio e del Mercato, Camera di
Commercio di Milano.