Natasha Shulte – Resignation

Milano - 13/09/2012 : 26/10/2012

BY gallery è lieta di annunciare la prima personale in Italia dell’artista ucraina Natasha Shulte. L’artista presenterà per la prima volta nella sua completezza il progetto Resignation, realizzato appositamente per la I Biennale di Kiev (24 maggio 2012 – 31 luglio 2012), manifestazione alla quale è stata invitata direttamente dal direttore artistico David Elliott.

Informazioni

  • Luogo: BYCR
  • Indirizzo: Foro Buonaparte, 60 20121 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 13/09/2012 - al 26/10/2012
  • Vernissage: 13/09/2012 ore 18
  • Autori: Natasha Shulte
  • Generi: arte contemporanea, inaugurazione, personale
  • Orari: da martedi a venerdi dalle 11.30 alle 18.30 sabato o in altri orari su appuntamento.

Comunicato stampa

BY gallery è lieta di annunciare la prima personale in Italia dell’artista ucraina Natasha Shulte. L’artista presenterà per la prima volta nella sua completezza il progetto Resignation, realizzato appositamente per la I Biennale di Kiev (24 maggio 2012 – 31 luglio 2012), manifestazione alla quale è stata invitata direttamente dal direttore artistico David Elliott.

Resignation è il terzo progetto realizzato da Natasha Shulte, e sicuramente quello dal quale emerge con più forza il suo messaggio: partecipare attivamente alla società in cui viviamo, cercare di cambiarla con messaggi positivi, trasmettere significati ed emozioni, insomma “Social art”



I modelli dei suoi lavori sono bambini abbandonati in un orfanotrofio ubicato in mezzo ad un bosco a diversi chilometri di distanza dal primo centro abitato. La realizzazione artistica di Natasha si sviluppa su un tema universale: il contrasto tra la felicità e l’angoscia, la realtà ed il sogno, la speranza e la “rassegnazione”. La sofferenza è il discrimine di questa ricerca personale, il punto di attenzione sul quale concentrare il nostro ego distratto. “Sono convinta”, dichiara Natasha, “che l’arte possa trasformare la società: chiaramente non tutta, ma almeno una parte di essa”. Perché “realtà”, per lei, significa “verità”: bambini meravigliosi e, allo stesso tempo, profondamente infelici che vivono tra noi. D’altra parte l’infanzia riguarda ognuno di noi: partiamo da quel mondo protetto e fiabesco prima di conoscere la privazione, la solitudine, la paura e la morte. Guardando attentamente i bambini ritratti da Natasha, però, percepiamo già presente in loro quella pena che noi proviamo da adulti e li capiamo, perché come ha detto Dostoevskij: "la compassione è la principale e forse l'unica legge della vita di tutta l'umanità”.

Nelle sue opere fotografiche, ma che per alcune sfumature appaiono quasi pittoriche, la componente spirituale è molto importante e questo risultato è magnificamente raggiunto grazie ad un accurato minimalismo: dai particolari dell’ambiente ai corpi filiformi, dalle posture alla luce ai colori, ogni dettaglio non è lasciato al caso ma attentamente studiato per esprimere alla massima potenza il suo messaggio senza dettagli superflui. Bellezza e squallore trovano un equilibrio, sulla soglia tra la realtà e il sogno. La purezza e l’innocenza sono proprie dei bambini, che sono agli albori della vita: quelli ritratti da Natasha sono bellissimi e irreali, come angeli. Soltanto nei loro occhi leggiamo una disperazione senza speranza, uno sguardo fisso nel vuoto: voltano le spalle alla finestra, agli spogli alberi invernali, ai muri screpolati, alle tubature, ai termosifoni, alle porte chiuse delle loro stanze. Le opere di Natasha vanno osservate e meditate con cura, perché ogni particolare ha un senso. Ci vuole attenzione per elaborarle e, ciò che è più importante, per accendere la nostra immaginazione e attivare la nostra reazione.

Biografia

Nata a Odessa (Ucraina) il 27 Settembre 1975 è laureata in Marketing ed ha studiato fotografia al Paris Photographic Institute.

Awards

2011
- vincitore in diverse categorie al PX3 2011 Prix de la Photographie di Parigi
- vincitore dell’International Photographer Awards come Editorial Photographer of the year 2011
- primo posto al Photography Master Cup 2011
- selezionata per il PinchukArtCenter Prize 2011


Mostre Personali

2012
- “Resignation”, BY gallery, Milano - Italia

2011
- “Line”, Visual culture center, Kiev – Ucraina

2010
- “Those who near us”, Sophot, Parigi – Francia
- “Those who near us”, Galleria Gardens of Victory, Odessa - Ucraina

Mostre collettive

2012
- The first Kiev International Biennale of contemporary art, curata da Devid Elliott; Kiev – Ucraina
- “Divergence: photographs from elsewhere”; Pert – Australia

2011
- International centre for contemporary art: “PinchukArtCenter” Prize, Kiev - Ucraina


Collezioni

Collezione Pinchuk - Ucraina