Modello Simple

Milano - 13/12/2011 : 14/01/2012

Una collettiva di opere fotografiche di 12 autori incentrata sulla ricerca iconografica della rappresentazione del modello umano.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA MONOPOLI
  • Indirizzo: Via Giovanni Ventura 6 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 13/12/2011 - al 14/01/2012
  • Vernissage: 13/12/2011 ore 18.30
  • Curatori: Antonella Pierno
  • Generi: fotografia, collettiva

Comunicato stampa

La galleria Monopoli presenta la mostra MODELLO SIMPLE°, una collettiva di opere fotografiche di
12 autori incentrata sulla ricerca iconografica della rappresentazione del modello umano.
L’intento di questa importante ricognizione, su uno dei cardini dell‘arte contemporanea, è anche
quello di abbracciare tre generazioni di autori all’interno di un blocco sequenziale, da cui emergono le
singole specificità d’interpretazione figurativa attraverso la fotografia.
Gli autori definiscono un ampio raggio d’azione con la loro ricerca e con la loro attività, che
rappresenta il frutto di una dimensione epocale in continua e rapidissima trasformazione


Il linguaggio codificato dalla tecnica espressiva si sviluppa intorno alla struttura figurativa,diventata
punto di partenza per una riflessione teorica ed artistica sul modello di riferimento, il modello simple.
La figura umana costituisce il campo tematico e si presta ad essere rivelata attraverso la fotografia in
modi differenti dagli autori, ma rimane sempre lo specchio dove risiede l’immagine primaria, spesso
evocata, fantasmica come accade nelle opere di Carmelo Nicosia e di Cristina Omenetto che con la
rilettura storica di immagini fotografiche del passato ripercorrono le strutture della memoria. Oppure
può essere il punto d’arrivo di un lavoro decennale legato alla ripresa di una fotografia
concettualmente archeologica come nella serie di Mario Cresci. Fotografia morfologica, modelli in
divenire sono quelli di Daniela Cavallo, ambigui e inquietanti nella loro dimensione quasi surreale
come l’opera di Francesco Radino, dinamiche e sfuggenti, al limite della leggibilità quelli di Pio
Tarantini . Aperte alla lettura sociologica ed evidentemente realizzate nell’ambito di una possibile
antologia di tipologie sociali contemporanee sono le figure di Chiara Tocci , Arianna Forcella e
Fabio Barile, mentre all’interno della dicotomia tra il sé e l’io riflesso c’è l’opera di Silvia
Camporesi. Imprescindibile il rapporto della figura con l’ambiente, un legame reso nella sua interezza
nelle ampie vedute di Cosmo Laera,; completa Fabrizio Bellomo l’escursione nel vivere quotidiano
con dialogo diretto con i soggetti che rimanda alla percezione del reale, al modello simple vivente.
Gli autori sono: Fabrizio Bellomo, Fabio Barile, Silvia Camporesi, Daniela Cavallo, Mario Cresci,
Arianna Forcella, Cosmo Laera, Carmelo Nicosia, Cristina Omenetto, Francesco Radino, Pio
Tarantini, Chiara Tocci.