Michele Mereu – Me myself and I

Solarussa - 29/12/2012 : 13/01/2013

L’artista racconta sé stesso all’interno di una giornata circolare, di cui lui è da un lato l’esecutore e il manipolatore degli scatti, dall’altro il personaggio ri-flesso che vive, lavora e cucina, con un’appendice festiva da dedicare allo spirito. L’indagine identitaria, lungi dal far conoscere, ri-consegna un’individualità che risulta risucchiata in un magma impenetrabile.

Informazioni

  • Luogo: ASKOSARTE
  • Indirizzo: Via Trento 16 - Solarussa - Sardegna
  • Quando: dal 29/12/2012 - al 13/01/2013
  • Vernissage: 29/12/2012 ore 18.30
  • Autori: Michele Mereu
  • Curatori: Alice Rivagli
  • Generi: fotografia, arte contemporanea, personale, new media
  • Orari: tutti i giorni, dalle 17.30 alle 20.00
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

e myself and I è il diario per immagini di una giornata stra-ordinaria che ha per protagonista Michele Mereu o, meglio – in una caleidoscopica esplosione di identità plurali –, il suo se, il suo se stesso, il suo io, osservati, inseguiti e irrisi da Mereu-Artista che, giocoforza, non è assimilabile e sovrapponibile a nessuna delle sue singole identità perché, secondo un assioma caro alla Gestaltpsychologie, le funzione delle parti sono determinate dall’organizzazione dell’intero e, pertanto, quest’ultimo, è irriducibile alla semplice somma dei suoi elementi costitutivi, siano essi il me, il me stesso o l’io dell’individuo Mereu che, del Mereu-Artista, non avranno mai la complessità.
Del resto, quello dell’Identità, nell’epoca della frammentazione e/o della frantumazione dell’Io, dell’essere e del non essere o dell’essere uno, nessuno e centomila, dell’Identità e delle Identità plurime, intercambiali e indefinibili, ambigue e sfuggenti in rapporto alle distinzioni e alle gerarchie della società o, viceversa, rapportate alle esperienze del singolo, delle Identità schizoidi e non ricomponibili, delle Identità in prestito o del Prestito delle Identità, è divenuto, e non poteva essere altrimenti, viste le implicazioni di natura sociale e individuale, uno dei temi più scottanti, più controversi e, necessariamente, più dibattuti in seno all’arte contemporanea.
In quest’ottica e in rapporto a una temporalità definita eppure accidentale e contingente, Michele Mereu, l’Artista, in un delirio narcisistico, egocentrico e autoreferenziale affatto contemporaneo, si offre allo spettatore come creatura Una e multipla, costituita da entità plurali e interscambiabili, che possono proporsi, senza copyright, nelle più svariate e autonome operazioni artistiche, assemblate e raccordate, appunto, in una giornata stravagante, resa “probabile” dai consueti e rassicuranti riti della quotidianità e “improbabile” da una dimensione onirica, surreale e inquietante, una giornata che impone una sospensione di giudizio, una giornata particolare, scandita da rispecchiamenti, sdoppiamenti e iperbolici nonsense, una giornata nella quale è più facile perdersi che ritrovarsi.
Ivo Serafino Fenu