Meeting Architecture Fragments – Eyal Weizman

Roma - 30/05/2016 : 30/05/2016

La lecture Only the Criminal can solve the Crime - Soltanto il criminale riesce a risolvere il crimine - di Eyal Weizman è il quinto appuntamento del programma Meeting Architecture, FRAGMENTS a cura di Marina Engel.

Informazioni

  • Luogo: THE BRITISH SCHOOL AT ROME
  • Indirizzo: Via Antonio Gramsci 61 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 30/05/2016 - al 30/05/2016
  • Vernissage: 30/05/2016 ore 18
  • Autori: Eyal Weizman
  • Curatori: Marina Engel
  • Generi: incontro – conferenza
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

FRAGMENTS
Meeting Architecture
Ciclo di lecture e mostre

lunedì 30 maggio 2016: V appuntamento

Eyal Weizman
Only the Criminal can solve the Crime


ore 18.00: lecture
presentata da Pippo Ciorra

The British School at Rome
via Gramsci 61, Roma

La lecture Only the Criminal can solve the Crime - Soltanto il criminale riesce a risolvere il crimine - di Eyal Weizman è il quinto appuntamento del programma Meeting Architecture, FRAGMENTS a cura di Marina Engel


Eyal Weizman, architetto e teorico israeliano, tra i più autorevoli analisti della relazione tra architettura e conflitti, ha scritto e a lungo lavorato sul tema dei territori occupati dal punto di vista spaziale e sulle relative conseguenze sulla popolazione.
Nel 2010 ha fondato il progetto di ricerca Forensic Architecture alla Goldsmiths, University of London: una nuova pratica e un metodo analitico per sondare le vicende politiche e sociali attraverso spazi e ambienti costruiti, una lettura degli eventi attraverso le trasformazioni materiali. Le indagini di Forensic Architecture forniscono prove alle operazioni investigative internazionali, alle organizzazioni non-governative e all’ONU. L’obiettivo è quello di esaminare rovine e detriti prodotti dall’intervento di droni, e da altre strumentazioni, utilizzando scansioni di siti archeologici, filmati registrati con telefoni cellulari e interviste a testimoni al fine di compiere una dettagliate ricostruzione degli avvenimenti dal punto di vista architettonico.
Eyal Weizman (Haifa, 1970) è Professore di cultura spaziale e visiva, Direttore del Centro di Ricerca di Architettura al Goldsmiths, University of London, e Global Scholar alla Princeton University. Nel 2010 ha istituito la Forensic Architecture, documentata dalla mostra e dal catalogo Forensis (Sternberg, 2014).
Nel 2007, insieme a Sandi Hilal e Alessandro Petti, ha fondato il collettivo DAAR Decolonizing Architecture Art Residency con sede a Beit Sahour, in Palestina. Questo lavoro è stato documentato nel libro Architecture after Revolution (Sternberg, 2014).
Weizman fa parte del comitato editoriale di Third Text, Humanity, Cabinet and Political Concepts ed è stato membro dei comitati di ICA di Londra e B’Tselem di Gerusalemme.
In Italia ha pubblicato: ll minore dei mali possibili (Nottetempo, 2013), Architettura dell’occupazione. Spazio politico e controllo territoriale in Palestina e Israele (Bruno Mondadori, 2009), Il male minore (Nottetempo, 2009). Ha vinto il premio James Stirling Memorial Lecture Prize per gli anni 2006-2007 e, col suo collettivo DAAR, ha ricevuto il Prince Claus Prize for Architecture.

Weizman prenderà parte alla 15. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia.

MEETING ARCHITECTURE - FRAGMENTS
« Il programma FRAGMENTS riflette sul modo in cui gli edifici, ciò che contengono, e le loro rovine plasmano ideologie, evocano ricordi e suscitano emozioni. A tal fine, il programma si concentra sul concetto di frammento definito come rovina urbana, che può essere una casa e i suoi contenuti residuali; oppure oggetti personali, immagini, fotografie e altri documenti. Se i significati e ricordi che attribuiamo alla nostre esperienze sono tanto strettamente legati al materiale, come possono gli individui, i gruppi etnici, le nazioni ricostruire le proprie identità e storie di fronte alla distruzione? In un'epoca sempre più caratterizzata dalle migrazioni, abbiamo invitato architetti e artisti visivi, insieme a storici e archeologi, a esaminare e ricomporre questi frammenti, per offrire un contributo alla ricostruzione delle identità personali o collettive in zone di conflitto presente o passato ».
[Marina Engel]

Meeting Architecture è in collaborazione con la Royal Academy of Arts che a fine
programma ospita un forum a Londra sui temi affrontati a Roma.

CALENDARIO APPUNTAMENTI 2016-2017

settembre 2016 | Miroslaw Balka
ottobre 2016 | Miroslaw Balka / Joseph Rykwert
gennaio 2017 | Grzegorz Piatek
marzo 2017 | Helen Walasek
maggio 2017 | Dragana Zaravec
Jean-Louis Cohen