Mauro Faletti – Gipsy Positive Style

Torino - 23/05/2013 : 14/06/2013

Il ciclo fotografico “Gipsy Positive Style” di Mauro Faletti propone una lettura pop-ironica dell’universo sinti e rom.

Informazioni

Comunicato stampa

Dal 24 maggio al 14 giugno 2013, la Fusion Art Gallery di Torino, presenterà due mostre: “Going Places” di Jacques De Mélo e “Gipsy Positive Style” di Mauro Faletti. La bi-personale sarà inaugurata martedì 23 maggio 2013 alle ore 19.00 presso gli spazi della Fusion Art Gallery di Piazza Amedeo Peyron 9 a Torino, con la curatela di Angela Sofo e Roberto Mastroianni e il testo critico di Roberto Mastroianni




“GOING PLACES” - Jacques De Mélo

Il 23 maggio negli spazi della Fusion Art Gallery, il fotografo francese Jacques De Mélo che attualmente vive e lavora a New York, esporrà una personale dal titolo: “GOING PLACES”.
Il progetto nasce dalla volontà dell’artista di offrire una visione globale sull’immigrazione ritraendo gli immigrati che vivono ai margini della società. De Mélo ambisce a sensibilizzare l’opinione pubblica su temi sociali importanti come il razzismo, l’inedia, l’odio e il separatismo che ancora imperversano nel mondo e, a catturare attraverso l’obiettivo, gli sguardi delle persone, rendendoli visibili agli occhi di tutti e incoraggiando una maggiore consapevolezza del concetto di “multiculturalità”.
Gli scatti che saranno esposti fanno parte di una selezione di 100 ritratti di immigrati: italiani, portoghesi, algerini, marocchini, polacchi, turchi, curdi, africani, asiatici; popolazioni provenienti da ogni parte del mondo ora stabilite in aree urbanizzate e in regioni industriali della Francia. I ritratti di De Mélo simboleggiano una sorta di “mosaico etnico”, uno studio comparativo sulla diversità culturale e un viaggio nella narrazione storica e personale raccontata dai volti e dagli sguardi che gli immigrati ci offrono. Le immagini sono state scattate all’interno di uno speciale tendone montato appositamente per escludere la presenza del paesaggio e rivolgere l’attenzione soltanto alle persone fotografate.
Con la sua serie fotografica De Mèlo non vuole concentrarsi su questioni politiche, etniche o religiose ma rivolgersi unicamente agli individui e alla loro storia per dare risalto alle tracce di umanità che si rivelano attraverso le loro espressioni e per evidenziarne le speranze, le aspirazioni per il futuro, le ansie, le frustrazioni, l’ostracismo al quale sono dovuti soccombere, il loro amore e con esso i loro ricordi, sia nel bene che nel male, della vita trascorsa. De Mélo prova a scandagliare l’anima delle persone poste di fronte a lui, ricercandone l’aspetto più privato e intimo.

“Gipsy Positive Style”- Mauro Faletti

Il 23 maggio negli spazi della Fusion Art Gallery, il fotografo torinese Mauro Faletti, esporrà una personale dal titolo: “Gipsy Positive Style”.
Il ciclo fotografico “Gipsy Positive Style” di Mauro Faletti propone una lettura pop-ironica dell’universo sinti e rom. Gli scatti fotografici riflettono l’interesse dell’artista per l’universo marginale delle nostre società metropolitane, mettendo in scena in modo surreale e onirico l’universo zigano, attraverso una poetica di tipo la chapelliano. Il ciclo fotografico prende avvio da una performance di travestimento, capace di porre in risalto il valore antropologico del camouflage nell’assunzione di un ruolo sociale, culturale e politico imposto, subito, ricercato e prodotto da parte di minoranze e maggioranze sociali ed etniche.
Il “camuffamento” diventa in questo modo l’indicatore e il produttore di un cortocircuito estetico che in modo ironico e pop mette in discussione le relazioni umane e le segnature antropologiche prodotte dal pregiudizio rispetto alla marginalità sociale.