Matthew Lutz Kinoy / Rebel Archives

Vigliano Biellese - 31/05/2021 : 17/07/2021

L'artista parigino di origine americana Matthew Lutz Kinoy occupa il piano terra di Villa Era con un progetto site-specific intitolato Grand Entrance. Al primo piano della villa, la mostra Rebel Archives, a cura di Sofia Gotti, riunisce cinque artiste tra Italia e Brasile di generazioni differenti.

Informazioni

Comunicato stampa

Matthew Lutz Kinoy: Grand Entrance

L'artista parigino di origine americana Matthew Lutz Kinoy occupa il piano terra di Villa Era con un progetto site-specific intitolato Grand Entrance. Il punto di partenza del progetto dell'artista è l'idea del Theatrum Mundi e la sua ricerca sui sontuosi festeggiamenti che i Medici erano famosi mettere in scena in tutta la città di Firenze durante il Rinascimento, in particolare per le nozze dell'arciduca Ferdinando I de 'Medici e Cristina di Lorena nel 1589

Molti elementi architettonici progettati da Bernardo Buontalenti per questo evento esistono ancora insieme a disegni e acqueforti, così come i racconti di questi sontuosi festeggiamenti, tra cui la rievocazione di una battaglia navale che fu messa in scena nel cortile allagato di Palazzo Pitti, che furono ricostruiti in modo elaborato dallo storico Aby Warburg.

In questo spirito, le gigantesche tele site-specific di Lutz Kinoy interagiscono con le architetture di Villa Era, che diventa uno sfarzoso spazio scenico, fisicamente connesso all’architettura della casa e ai suoi mobili ma non correlato alla sua storia. Replicando le scenografie degli spettacoli rinascimentali, l'artista mette in discussione il sistema di quinte e maschere utilizzate oggi dai governi per imporre narrative e artifizi mediatici.


Rebel Archives

Mirella Bentivoglio, Anna Bella Geiger, Nedda Guidi, Clemen Parrocchetti, Rosana Paulino

Al primo piano della villa, la mostra Rebel Archives, a cura di Sofia Gotti, riunisce cinque artiste tra Italia e Brasile di generazioni differenti le cui opere e archivi testimoniano la loro lotta contro strutture patriarcali ed eteronormative. Il progetto dà vita a un dialogo tra cinque artiste dirompenti e celebrate in Biennali tra cui Venezia, San Paolo e Sydney, e mostre al Palazzo Reale di Milano e il Grand Palais di Parigi per la loro resistenza verso un sistema culturale e politico discriminante per classe, razza o genere: Anna Bella Geiger e Rosana Paulino, artiste di Mendes Wood DM, e Mirella Bentivoglio, Nedda Guidi e Clemen Parrocchetti.