Massimo Buccilli – Flux+Mutability

Roma - 07/12/2015 : 13/12/2015

Mostra personale di Massimo Buccilli, conosciuto come Mabù, presso il prestigioso Spazio Cerere di Roma: oltre 50 opere della produzione degli ultimi 10 anni.

Informazioni

  • Luogo: SPAZIO CERERE
  • Indirizzo: Via Degli Ausoni 3 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 07/12/2015 - al 13/12/2015
  • Vernissage: 07/12/2015
  • Autori: Massimo Buccilli
  • Curatori: Nicolas Ballario
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: ogni giorno dalle 10 alle 21,30 (la domenica dalle 9 alle 13)
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

Flux+Mutability è il nome scelto per la personale di Mabù, al secolo Massimo Buccilli, che inaugurerà lunedì 7 dicembre presso le prestigiose sale dello Spazio Cerere di Roma, all’interno del complesso dell’ex pastificio, diventato celebre negli anni Ottanta come sede del “Gruppo di San Lorenzo”, di cui hanno fatto parte Nunzio, Bruno Ceccobelli, Gianni Dessì, Giuseppe Gallo, Piero Pizzi Cannella e Marco Tirelli.

Un titolo di mostra non casuale, che prende spunto dall’album Flux+Mutability cui David Sylvian e Holger Czukay diedero vita nel 1989 con brani improvvisati

Sono proprio l’improvvisazione e l’estemporaneità, infatti, a comporre il fil rouge che accompagnerà il visitatore nel percorso di mostra, che conta oltre 50 opere del pittore e scultore nato a Roma nel 1954.

L’esposizione, curata da Nicolas Ballario e allestita in modo molto suggestivo, ripercorrerà gli ultimi 10 anni di vita professionale di Mabù, nei quali si può scorgere una citazione alla potente irruenza di Willem De Kooning e alla drastica essenzialità di Franz Kline, attraverso la personale ricerca dell’artista. I lavori in mostra saranno acrilici, china, pigmenti, matite, acquerello: tutti materiali pittorici che asciugano in fretta per appagare, almeno in parte, l’impazienza e l’insofferenza, divenuti i veri tratti distintivi della sua produzione pittorica.

Buccilli è stato protagonista di numerose mostre personali: tra le ultime ricordiamo quella di Palazzo Collacchioni a Capalbio o presso la sede nazionale del CNR di Roma. Le sue opere fanno parte di molte prestigiose collezioni pubbliche e private, come quella della Fondazione Roma.