Martin Errichiello & Filippo Menichetti – In Quarta Persona

Savignano sul Rubicone - 08/09/2017 : 24/09/2017

In Quarta Persona, vincitore del Premio Marco Pesaresi per la Fotografia Contemporanea, realizzato a partire dal 2015 è un progetto in cui geografia, mito, storia, politica e memoria della regione si intrecciano in una narrazione multimediale attraversando 50 anni di storia italiana.

Informazioni

Comunicato stampa

I fotografi e filmmakers Filippo Menichetti e Martin Errichiello hanno incrociato i loro percorsi nel 2012 al dipartimento di Visual Storytelling della Danish School of Media and Journalism di Aarhus (DK). Dal 2013 conducono una ricerca a lungo termine sul paesaggio storico, culturale e politico del Sud Italia, attraverso un comune metodo di indagine basato sul dialogo tra differenti media e dispositivi di narrazione visuale

In Quarta Persona, vincitore del Premio Marco Pesaresi per la Fotografia Contemporanea, realizzato a partire dal 2015 è un progetto in cui geografia, mito, storia, politica e memoria della regione si intrecciano in una narrazione multimediale attraversando 50 anni di storia italiana. Dal 2016 è stato presentato ed esposto in festival europei come Fotografia Europea, Krakow Photomonth, BJCEM Biennale dei Giovani Artisti di Tirana, Copenhaghen Photo Festival, Format Festival, Circulation(s) Paris. Ha inoltre vinto il FOAM Talent 2017.

A partire dagli anni Sessanta, l’Italia ha attivato sostanziali processi di trasformazione dei territori e dei suoi costumi in nome di un progresso che andava rapidamente nutrito di

nuove strade, nuove macchine, nuovi ritmi, di una nuova identità, che fosse, quest’ultima, tecnicamente e politicamente in grado di connettere i punti più isolati del paese, le anime e i caratteri più remoti a quella promessa di cambiamento.
La Calabria è una terra dove la sfida della modernità si racconta storicamente in un fragile equilibrio geopolitico, ambientale ed esistenziale. In Quarta Persona si costituisce come una mappatura dinamica della sua geografia in un intreccio di immagini, linguaggi e tematiche che hanno interessato gli ultimi cinquant’anni di storia dell’intero paese.
Costruita lungo il tratto calabrese dell’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, simbolica direttrice narrativa, In Quarta Persona indaga trasversalmente l’iconografia, le storie, i significati di un paesaggio sospeso fra utopia e tradimento.
Fotografie, oggetti, documenti e video sono assemblati in un mosaico a più voci di un “noi” immaginario: in quarta persona.