Marina Ballo Charmet – Au bord de la vue Linee biografiche

Gallarate - 13/10/2018 : 06/01/2019

La mostra antologica di Marina Ballo Charmet, curata dal celebre critico e storico dell’arte e della fotografia Jean-François Chevrier, si pone in linea di continuità con il progetto espositivo realizzato presso il centro di fotografia contemporanea Le Bleu du Ciel di Lione tra Marzo e Maggio 2018.

Informazioni

Comunicato stampa

La mostra antologica di Marina Ballo Charmet, curata dal celebre critico e storico dell’arte e della fotografia Jean-François Chevrier, si pone in linea di continuità con il progetto espositivo realizzato presso il centro di fotografia contemporanea Le Bleu du Ciel di Lione tra Marzo e Maggio 2018



Proseguendo la ricerca che il museo dedicata alla fotografia contemporanea e alle sue molteplici declinazioni, la mostra indaga i principali interessi dell'artista che caratterizza il suo metodo di ricerca attraverso un peculiare intreccio di interessi linguistici, paesaggistici, filosofici e psicoanalitici e si rivolge a temi come il quotidiano, il “sempre visto” che l'artista stessa definisce “il rumore di fondo della nostra mente”. Come scrive Chevrier, Marina Ballo Charmet rifiuta l’antropocentrismo di una visione esatta e presumibilmente oggettiva. Lo sguardo non è più una presa di distanza ma una forma di partecipazione, psichica e psicologica. Da un progetto ad un altro l’immagine, statica o in movimento, è il luogo di un’intimità sperimentale, indefinita.

La mostra antologica vedrà la presenza di cicli fotografici storici come “Con la coda dell’occhio” e “Primo campo” e nuovi progetti fotografici realizzati per l’esposizione, rielaborati in un unico, organico progetto espositivo nato dal dialogo tra l’artista e il curatore. La mostra sarà accompagnata inoltre da un libro d’artista pubblicato per l’occasione da Danilo Montanari Editore.

MarinaBallo Charmet lavoracon la fotografia e il video. Da più di trent’anni opera comepsicoterapeuta nei servizi territoriali pubblici di Milano. Haesposto in numerosi musei e istituzioni in Italia e all’estero, tracui Le Bleu du ciel a Lione, Musée Unterlinden a Colmar, Museo delNovecento a Milano, MACRO a Roma, Triennale di Milano, Fotomuseum aWinterthur, Centre national de la photographie a Parigi e Storefrontfor Art and Architecture a New York. Ha partecipato alla XII MostraInternazionale di Architettura di Venezia nel 2010 e alla XLVIIBiennale d’Arte di Venezia nel 1997.

Jean-FrançoisChevrier.Storico dell’arte e curatore, è professore dal 1988 pressol’École nationale supérieure des beaux-arts di Parigi. Inquarant’anni di ricerca il suo lavoro si è principalmenteconcentrato sulle relazioni tra arte e letteratura, l’arte moderna(fotografia compresa), lo spazio pubblico e l’architettura. Segue eha seguito in modo continuativo l’opera di molteplici artisti. Trale sue opere più recenti si ricorda Œuvreet activité. La question de l’art (L’Arachnéen,2015). Élia Pijollet è sua assistente e collaboratrice.