Marco Salvetti – Diorama del Nuovo Mondo

Varese - 20/03/2016 : 29/04/2016

Diorama del Nuovo Mondo è il nuovo progetto di Marco Salvetti che, dopo la partecipazione alla collettiva Heads nel 2015, torna a Yellow con una mostra personale formulata attorno all’idea di “documentazione” di un nuovo mondo che, seppur concepito in una dimensione astorica, dissimula impliciti riferimenti alla realtà.

Informazioni

  • Luogo: YELLOW
  • Indirizzo: via San Pedrino 4 - Varese - Lombardia
  • Quando: dal 20/03/2016 - al 29/04/2016
  • Vernissage: 20/03/2016 ore 18
  • Autori: Marco Salvetti
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: tutti gli altri giorni su appuntamento

Comunicato stampa

Diorama del Nuovo Mondo è il nuovo progetto di Marco Salvetti che, dopo la partecipazione alla collettiva Heads nel 2015, torna a Yellow con una mostra personale formulata attorno all’idea di “documentazione” di un nuovo mondo che, seppur concepito in una dimensione astorica, dissimula impliciti riferimenti alla realtà

La mostra si presenta come una sorta di cosmorama pittorico della storia dell’umanità, in cui i riferimenti alla geologia, all’antropologia e alla storia delle scienze si connettono alla coscienza e alle istanze estetiche dell’artista, le cui opere testimoniano come l’uomo di oggi, che si muove in un universo teso verso l’avvenire, sia il prodotto di un’accumulazione considerevole di pensieri, di sforzi e di esperienze pregresse che, rendendolo consapevole che niente è definitivo, lo prepara a vedere il mondo come movimento, lotta e continua trasformazione.
Immaginando dunque un Nuovo Mondo, Salvetti opera per avvincenti ucronìe, interrogandosi su cosa sarebbe stata oggi, ad esempio, la storia della natura senza la storia dell’uomo, oppure come si sarebbero sviluppati il pensiero dell’intelletto, la tecnologia, le scienze e le lettere se molte delle teorie scientifiche di un tempo, come ad esempio quella geocentrica dell’Almagesto tolemaico o certe descrizioni pseudoscientifiche contenute all’interno delle Storie Naturali di Plinio, fossero ancora oggi universalmente accettate.